Cerca e trova immobili

SVIZZERAPrezzi troppo alti, sospesa la gara d'appalto per le centrali di riserva

18.06.24 - 16:49
Per il rischio di carenza energetica il governo aveva predisposto una riserva idroelettrica nel 2022.
Deposit
Fonte Ats
Prezzi troppo alti, sospesa la gara d'appalto per le centrali di riserva
Per il rischio di carenza energetica il governo aveva predisposto una riserva idroelettrica nel 2022.

BERNA - «Il bando di gara per le nuove centrali di riserva è ormai sospeso perché i prezzi offerti sono troppo alti», si legge in una nota odierna dell'Ufficio federale dell'energia (UFE). Quest'ultimo ha quindi deciso di negoziare direttamente con gli offerenti in vista di eventuali aggiudicazioni mediante trattativa privata.

I contratti per le attuali centrali di riserva di Birr (AG, 250 MW), Cornaux (NE, 36 MW) e Monthey (VS, 50 MW) scadono alla fine della primavera 2026. L'UFE ha indetto una gara d'appalto pubblica con l'obiettivo di mettere sotto contratto nuove centrali di riserva con una capacità di 400 MW a partire da quella data. La gara si è svolta tra il luglio 2023 e il marzo di quest'anno, spiega il comunicato.

Risultato - Cinque offerte per una capacità totale di 591 MW. I prezzi offerti per gli impianti sono però giudicati troppo elevati. Da qui la sospensione della gara. L'UFE intende negoziare direttamente con i possibili offerenti spuntando prezzi inferiori. In base al principio della parità di trattamento, l'UFE desidera discutere con tutti coloro che hanno presentato un'offerta. Verranno presi in considerazione anche nuovi fornitori. Nella seconda metà dell'anno, il Dipartimento federale dell'ambiente, dell'energia e delle comunicazioni (DATEC) presenterà al Consiglio federale un piano con la procedura che intende seguire.

In risposta all'aumento del rischio di carenza energetica e per rafforzare l'approvvigionamento in inverno, il governo ha predisposto una riserva idroelettrica nel 2022. Inoltre, ha gradualmente sviluppato una riserva elettrica supplementare composta di centrali di riserva e generatori di emergenza raggruppati in pool.

La base giuridica di questa misura - l'ordinanza sulla riserva invernale - scade alla fine del 2026. A partire dal 2025, la riserva idroelettrica sarà inserita nella Legge federale su un approvvigionamento elettrico sicuro mediante le energie rinnovabili. Questa legge è stata approvata dall'elettorato il 9 giugno scorso.

Anche le centrali termiche di riserva saranno inserite nella legge. Il Consiglio federale ha presentato il relativo messaggio al Parlamento il 1° marzo. L'obiettivo di 400 megawatt di capacità termica di riserva corrisponde alle attuali raccomandazioni della Commissione federale dell'energia elettricità (Elcom).

Sostieni anche tu la Vallemaggia e la Mesolcina.
Entra nel canale WhatsApp di Ticinonline.
NOTIZIE PIÙ LETTE