Cerca e trova immobili

SVIZZERAItaliani in Svizzera, l'ambasciata promette collaborazione

04.12.23 - 18:10
Si è parlato di promozione dell'italiano e di altri temi con Gian Lorenzo Cornado
Depositphotos (gemenacom)
Fonte Ats
Italiani in Svizzera, l'ambasciata promette collaborazione
Si è parlato di promozione dell'italiano e di altri temi con Gian Lorenzo Cornado

Dalla promozione della lingua e della cultura italiana ai tempi d'attesa per il rilascio dei passaporti, sono numerosi i temi affrontati oggi a Berna durante un incontro presieduto dall'ambasciatore italiano in Svizzera Gian Lorenzo Cornado con i capi degli uffici consolari e i rappresentanti eletti della comunità italiana in Svizzera.

Vi hanno in particolare partecipato i deputati Simone Billi, Toni Ricciardi e Federica Onori, i membri del Consiglio generale degli italiani all'estero (Cgie) Svizzera, i presidenti dei comites di Zurigo, Berna, San Gallo e Losanna e i capi degli uffici consolari a Zurigo, Lugano, Basilea, Ginevra e Berna, precisa un comunicato dell'ambasciata.

Nel congratularsi con i rappresentanti eletti dagli italiani per lo straordinario lavoro svolto al servizio della collettività, l'ambasciatore Cornado ha assicurato loro la massima collaborazione dell'ambasciata e dei consolati per garantire un efficace intervento su tutti i temi di maggior rilievo per le comunità italiane e tempestive risposte alle richieste dell'utenza.

La riunione è stata poi incentrata sulla promozione della lingua italiana in Svizzera nonché sulla situazione degli enti gestori cui sarà dedicata una prossima riunione di coordinamento.

La discussione - precisa il comunicato - ha toccato anche, tra gli altri punti, l'organizzazione degli uffici consolari, i tempi di attesa per il rilascio dei passaporti e delle carte d'identità e i rapporti tra gli uffici consolari e il pubblico. È stata inoltre illustrata la programmazione culturale, commerciale e scientifica per il 2024, e in particolare la riunione del Sistema Italia assieme agli imprenditori italiani in Svizzera prevista per il 30 gennaio a Berna. Sono state infine discusse le questioni relative all'entrata in vigore dell'accordo sulla fiscalità dei frontalieri e sul telelavoro e ai collegamenti stradali e ferroviari transalpini.

COMMENTI
 
NOTIZIE PIÙ LETTE