Cerca e trova immobili

BERNA«In piedi!» Gli agenti di polizia di Palazzo federale non potranno più sedersi

20.09.23 - 09:43
Il divieto è scattato per i poliziotti che sorvegliano gli ingressi del Consiglio nazionale e del Consiglio degli Stati. Due agenti si sono già messi in malattia.
Foto 20 Minuten
Fonte 20 Minuten
«In piedi!» Gli agenti di polizia di Palazzo federale non potranno più sedersi
Il divieto è scattato per i poliziotti che sorvegliano gli ingressi del Consiglio nazionale e del Consiglio degli Stati. Due agenti si sono già messi in malattia.

BERNA - L'edificio del Parlamento federale è ben sorvegliato. Diversi poliziotti e poliziotte dell'Ufficio federale di polizia (Fedpol) garantiscono la sicurezza dell'edificio. Tra i loro compiti c'è anche quello di sorvegliare gli ingressi della Wandelhalle e le anticamere del Consiglio degli Stati durante le sessioni parlamentari. A questo scopo vengono impiegate quattro persone al giorno.

Finora questi poliziotti e poliziotte stavano seduti a una scrivania e si assicuravano che solo le persone autorizzate potessero fare ingresso. Si tratta perlopiù - oltre che di politici - di giornalisti e lobbisti. Di spiacevoli incovenienti non ne accadono quasi mai, ma c'è un fatto curioso che è accaduto nel corso dell'ultima settimana. 

Secondo quanto è stato appreso da 20 Minuten, il Segretario generale dei Servizi parlamentari, Philippe Schwab, avrebbe sorpreso personalmente un agente mentre leggeva un giornale. Schwab ha reagito con severità e ha emesso un "ordine permanente" che dovrà durare per tutta la sessione autunnale e che prevede la rimozione delle sedie. Da allora, così, gli agenti di polizia sono costretti a stare in piedi fino a otto ore di fila, interrotte solo dalle pause previste dalla legge. Gli interessati ritengono che questa misura rappresenti una molestia e una mancanza di rispetto per il loro lavoro e la loro persona.

Poiché in questi posti di guardia sono impiegati anche poliziotti e donne più anziani, qualcuno ha riferito di non reggere questa condizione lavorativa, lamentando dolori ai piedi, alle ginocchia e alle anche. Poiché il servizio prevede una turnazione di tre settimane alla volta, non è data la possibilità di potere riprendere le forze. Qualcuno dice: «Ho dolori ogni giorno».

A quanto pare, due delle persone colpite dal provvedimento si sono già messe in malattia; altri stanno pensando di rifiutare l'incarico in futuro o di non prestare servizio.

Karin Burkhalter, portavoce dei servizi parlamentari, conferma la nuova disposizione. «È uno dei compiti delle autorità di sicurezza rivedere continuamente i processi esistenti per verificarne l'efficacia», spiega. Ad esempio, «il feedback sul personale di sicurezza seduto fornito durante la sessione estiva è stato preso in seria considerazione» e incluso nelle considerazioni sulla sicurezza.

 «Una persona seduta è limitata nella mobilità e nella velocità di reazione e quindi non può svolgere appieno il proprio compito in determinate situazioni», spiega Burkhalter. «Gli incarichi in piedi non sono niente di insolito per il personale di sicurezza addestrato», ha detto.

E ancora: «La rotazione regolare, le pause e i periodi di riposo fanno parte di una pianificazione prudente e professionale dell'impiego», continua il portavoce. Questo, secondo la portavoce, tiene conto della protezione della salute. 

Le reazioni politiche: sinistra e destra sono indignate

Jacqueline Badran, consigliera nazionale del PS di Zurigo, è indignata dall'ordine permanente del segretario generale dei servizi parlamentari. «Non siamo nel Medioevo. Punizioni collettive inutili sono completamente sbagliate». Anche Martina Bircher, consigliera nazionale dell'UDC di Argovia, è irritata. «Trovo che sia una cosa molesta. Mi aspetto che l'ordine permanente venga revocato».

Sembra che ci siano buone probabilità che ciò avvenga. Il consigliere nazionale del PS Eric Nussbaumer (attualmente vicepresidente del Consiglio nazionale e delegato ai contatti con i servizi parlamentari): «Farò in modo che gli agenti di polizia possano tornare a lavorare comodamente e allo stesso tempo svolgere bene la loro funzione di sicurezza», promette.

Non è ancora certa la soluzione che verrà attuata ma sembra ipotizzabile un compromesso: al posto delle sedie, sgabelli! 

Sostieni anche tu la Vallemaggia e la Mesolcina.
Entra nel canale WhatsApp di Ticinonline.
NOTIZIE PIÙ LETTE