Cerca e trova immobili

SVIZZERAAbbonamento generale: se studi dopo i 25 anni paghi 1'200 franchi in più

02.02.23 - 12:08
Il consigliere nazionale Marco Romano vuole cambiare le regole del gioco ed estendere gli sconti ai 30 anni.
Tipress
Fonte Ats
Abbonamento generale: se studi dopo i 25 anni paghi 1'200 franchi in più
Il consigliere nazionale Marco Romano vuole cambiare le regole del gioco ed estendere gli sconti ai 30 anni.

BERNA - Gli universitari di età superiore ai 25 anni dovranno probabilmente continuare a pagare l'abbonamento generale FFS a prezzo pieno. Questo, a meno che il parlamento non decida di dare il via libera a una mozione di Marco Romano che chiede di applicare il prezzo "giovani" a questa categoria. L'idea, però, non piace al Consiglio federale.

Dal cambio d'orario del 13 dicembre 2020, fa notare il consigliere nazionale ticinese del Centro, è stato soppresso l'abbonamento generale (AG) Junior per gli studenti tra 25 e 30 anni: da allora il nuovo AG per 25enni resta la sola offerta a prezzo ridotto per i giovani fino a questa età.

A pagarne lo scotto, lamenta il deputato di Mendrisio, sono gli studenti di età compresa tra i 25 e i 30 anni che non hanno più diritto a uno sconto e possono acquistare solo l'AG Adulti, per un costo supplementare di 1'210 franchi. Secondo Romano questa politica dei prezzi è discriminatoria.

La Legge sui trasporti pubblici, chiarisce Romano, prevede infatti tariffe simili per gli utenti che si trovano in situazioni simili. Le FFS, secondo il ticinese, non possono limitare in modo sproporzionato la scelta tra le singole offerte di prestazioni.

Insomma, a detta del consigliere nazionale gli studenti che seguono una formazione post-obbligatoria a tempo pieno sono sottoposti a tariffe differenziate a fronte dello stesso tipo di formazione, sulla base di un limite di età fissato arbitrariamente. Le condizioni economiche degli studenti non cambiano di punto in bianco al compimento del 25esimo anno di età, sottolinea Romano, anche se svolgono un piccola attività professionale accessoria. L'elevato prezzo dell'AG Adulti pesa dunque eccessivamente sul budget degli studenti.

Per questo, secondo Romano, la stessa tariffa andrebbe proposta a tutti gli studenti fino, ad esempio, ai 30 anni, età limite da lui giudicata come corretta, o fino al termine degli studi post-obbligatori a tempo pieno, dietro presentazione di un certificato d'iscrizione.

Un ragionamento che non convince l'Esecutivo, secondo cui le imprese di trasporto detengono la sovranità tariffale, come prevede la legge citata dallo stesso Romano.

La Confederazione si aspetta che il settore dei trasporti pubblici proponga offerte interessanti e opportune all'intera popolazione, nonché che le imprese di trasporto stabiliscano le tariffe in modo che coprano una quota adeguata dei costi delle offerte di trasporto.

Inoltre, i limiti d'età sono usuali per diverse tariffe dei trasporti pubblici: la tariffa Ragazzi, ad esempio, si rivolge a tutti i bambini e giovani dai 6 ai 16 anni, le tariffe per anziani sono dedicate a tutte le persone in età AVS, a prescindere dal loro reddito o patrimonio. Alla luce di ciò, il Consiglio federale giudica comprensibile che il settore non conceda ulteriori sconti per studenti di età superiore a 25 anni.

COMMENTI
 

Marta 1 anno fa su tio
pazzesco

ZioG. 1 anno fa su tio
i prezzi FFS dovrebbero essere uguali per TUTTI, dovrebbero essere comuni e cantoni a dare sussidi per studenti e pensionati per la mobilitá o altro
NOTIZIE PIÙ LETTE