Immobili
Veicoli
La protagonista di "Olga" è a Kharkiv, nascosta in una cantina

SVIZZERA / UCRAINALa protagonista di "Olga" è a Kharkiv, nascosta in una cantina

03.03.22 - 17:16
Anastasia Budiashkina è in contatto costante con Elie Grappe, il regista del film candidato dalla Svizzera
cineworx
Fonte Ats
La protagonista di "Olga" è a Kharkiv, nascosta in una cantina
Anastasia Budiashkina è in contatto costante con Elie Grappe, il regista del film candidato dalla Svizzera

BERNA - La ginnasta ucraina Anastasia Budiashkina si trova in una cantina di Kharkiv da due giorni e mezzo a causa dei combattimenti in corso. Interpreta "Olga" nel film omonimo di Elie Grappe, che ha rappresentato la Svizzera agli Oscar. «A inizio settimana, si nascondeva in cantina soltanto quando suonava l'allarme», ha spiegato oggi Elie Grappe a Keystone-ATS. Il giovane regista è in contatto con lei più volte al giorno.

Intensificazione dei combattimenti - «Tornava poi nel suo appartamento, che condivide con altre tre persone. Lavora come acrobata in una compagnia circense. A causa dell'intensificarsi dei combattimenti non può più fare avanti e indietro dall'appartamento alla cantina», prosegue Grappe. Domenica scorsa la giovane donna si trovava al Maidan Museum di Kiev per la diffusione del film "Olga", in occasione della commemorazione degli eventi di Euromaidan.

Corridoio umanitario - «Ora sta aspettando di vedere se la Croce Rossa, Amnesty International o qualsiasi altra organizzazione simile riesce ad aprire un corridoio umanitario che permetta ai civili di lasciare il paese senza rischiare la vita», dice il regista. Grappe è in contatto anche con altre persone sul posto che ha incontrato durante le riprese del film come Artem Lurchenki. «È stato uno dei miei più stretti collaboratori in "Olga", dalla scrittura al casting, alla traduzione dei miei scambi sul set fino alla fine del montaggio», ha scritto sulla sua pagina Facebook.

Direzione Ucraina - La scorsa settimana Lurchenki ha lasciato Parigi per raggiungere l'Ucraina. Raccoglie denaro da distribuire ai combattenti nelle città, ai rifugiati al confine, all'esercito, e anche per la benzina che gli permette di viaggiare nel paese. Il regista spera che i paesi e che le persone a titolo individuale rimangano impegnati anche dopo lo shock dell'attacco russo in Ucraina giovedì scorso, perché «la guerra durerà».

Euromaidan - Nel film "Olga", una ginnasta di 15 anni è divisa tra la Svizzera, dove si sta allenando per i campionati europei in preparazione delle Olimpiadi, e l'Ucraina, dove sua madre, giornalista, sta coprendo gli eventi di Euromaidan nel 2013.

Questo primo lungometraggio di Grappe è stata una delle scoperte della "Semaine de la critique" a Cannes nel 2021 e ha vinto premi in numerosi festival internazionali. Lo scorso mese di settembre la Svizzera aveva proposto "Olga" nella corsa per gli Oscar come "Miglior film internazionale". La pellicola è uscita nei cinema della Svizzera italiana lo scorso 24 febbraio. Venduta a più di una ventina di paesi, sarà presto visibile in Germania, Austria e nei paesi scandinavi.

NOTIZIE PIÙ LETTE
ULTIME NOTIZIE SVIZZERA