Immobili
Veicoli

SVIZZERA"Olga", il candidato svizzero agli Oscar di Elie Grappe

03.11.21 - 11:17
Arrivata da un Ucraina stravolta dalle rivolte, Olga insegue il suo sogno da ginnasta con le colleghe svizzere
keystone-sda.ch / STF (LAURENT GILLIERON)
Fonte ats
"Olga", il candidato svizzero agli Oscar di Elie Grappe
Arrivata da un Ucraina stravolta dalle rivolte, Olga insegue il suo sogno da ginnasta con le colleghe svizzere
La maggioranza degli attori sono non professionisti ma vere ginnaste della squadra elvetica

BERNA - La Svizzera propone "Olga", il primo lungometraggio di Elie Grappe, nella corsa agli Oscar per il miglior film internazionale. Questo narra la storia di una giovane ginnasta ucraina, che vuole ottenere un posto nella squadra nazionale svizzera mentre delle manifestazioni colpiscono il suo Paese.

Grappe ha scelto di situare la trama durante le rivolte di Kiev nel 2013 e 2014. Una giornalista, madre di una giovane ginnasta, rimane in Ucraina per partecipare alle manifestazioni mentre sua figlia Olga, appena arrivata in Svizzera, si allena per i Giochi olimpici.

Il regista 27enne ha avuto l'idea del film dopo un incontro con una violinista ucraina durante una delle sue prime riprese: «È arrivata in Svizzera appena prima della rivolta di Piazza Maïdan», spiega a Keystone-ATS. Il giovane, originario di Lione (Francia) e residente in Svizzera romanda, prosegue: «Le immagini della rivoluzione, scattate dai manifestanti, hanno impregnato la sua pratica del violino».

Grazie a questo incontro, Grappe trova la chiave per lanciarsi nel suo primo lungometraggio, cioè «filmare la passione di un'adolescente per la ginnastica. E al contempo affrontare questioni individuali e collettive».

Lo sbattere della barra di metallo
«Il mio personaggio ha una domanda: come conciliare il suo desiderio individuale con il corso della storia, con quello che succede attorno a lei. Tutta la sceneggiatura si basa su questo».

Il contrasto tra le riprese d'archivio delle rivolte, girate dai manifestanti - la produzione del film ha acquisito i diritti di queste riprese - e lo scenario di montagna senza tempo visto da Macolin (BE), dove la giovane ginnasta in esilio si allena, è impressionante. «La Svizzera è il Paese in cui il personaggio è al contempo più al sicuro e più lontano da quello che succede nel suo luogo di origine, siccome è un Paese che è al centro dell'Europa ma non nell'UE. Allo stesso tempo, i rivoluzionari di Euromaidan in Ucraina rivendicano un ravvicinamento con l'Europa piuttosto che l'ingerenza russa».

«Questa tensione fra ginnastica e immagini documentarie di rivolta, è anche ciò che vive il mio personaggio. Questi due immaginari non hanno nulla a che vedere ma continuano a sovrapporsi».

Per il suono, è più o meno lo stesso campo lessicale: lo sbattere della barra di metallo riecheggia quello dei colpi durante le manifestazioni. «Ed è esattamente ciò che vive l'eroina, cioè che non può tornare alla ginnastica senza essere nella violenza di Kiev».

«E con la ginnastica, è anche un esercizio di prospettiva: bisognava essere al livello di Olga nella sua ricerca di equilibrio, leggerezza, vertigine».

Corpi possenti
Attualmente filmare i corpi di giovani ragazze, potrebbe rivelarsi delicato. Grappe ha dovuto sottrarsi al determinismo del suo sguardo.

Per farlo, si è circondato di persone che potessero contraddirlo, confrontarsi con quelli che sarebbero stati i suoi preconcetti, come la sceneggiatrice, con cui ha scritto. Per informarsi sull'Ucraina, ha incontrato dei sociologi e delle storiche. Per quanto riguarda la ginnastica, dall'inizio della scrittura si è recato a Macolin (BE) e al centro olimpico ucraino.

«Molto concretamente, in ginnastica non c'è un equivalente maschile di una Nadia Comaneci o di una Simone Biles. Le ragazze fanno qualcosa che i ragazzi non possono fare. E penso che non sia una cosa da poco da osservare».

«Soprattutto oggi, il corpo delle giovani ragazze è così segnato dalla loro pratica, dalla loro passione. E i corpi di giovani ragazze possenti sono ancora poco rappresentati al cinema».

Le vere ginnaste della squadra elvetica
La maggioranza degli attori sono non professionisti ma vere ginnaste della squadra elvetica. «È più facile che con i professionisti, perché le ginnaste e l'allenatore della squadra nazionale fanno delle cose che gli attori non sanno fare», spiega il regista che si è formato alla Scuola cantonale d'arte di Losanna (ECAL).

Quello che lo interessava in primis, era l'"esperienza reale" degli interpreti. «I personaggi sono fittizi, ma in compenso le ginnaste si allenano 30 ore a settimana, si esibiscono davanti a 5'000 persone in un'arena e abitano nel Centro di Macolin, lontano dai genitori: queste sono le cose che conoscono».

«Ho l'impressione che il mio lavoro come direttore di interpreti fosse di organizzare per loro uno spazio - e di definirlo molto precisamente: le sfide della scena, la messa in scena, etc. - per permettere loro in seguito di riempirla interamente».

«E di utilizzare le loro proprie parole, emozioni, espressioni, reazioni. Questo ha dato ai personaggi toni più interessanti, più ambigui, più contrastanti di quello che avevo immaginato e che sono capace di scrivere».

Prima vertigine
Grappe lavora già al suo secondo progetto di lungometraggio con la casa di produzione ginevrina Point Prod: «È stato positivo rimettersi velocemente al lavoro, perché la prima vertigine, è quella della creazione che verrà... ».

Il regista sarà venerdì a Ginevra per la prima svizzera del suo film al Geneva International Film Festival (GIFF), seguito da una serie di anteprime prima dell'uscita nelle sale in Svizzera romanda e in Francia il 17 novembre.

Nella Svizzera italiana, il film uscirà sul grande schermo il 25 novembre e il 3 marzo 2022 nella Svizzera tedesca. La prima mondiale di "Olga" si è tenuta quest'estate a Cannes, dove è stato premiato come in altri numerosi festival.

NOTIZIE PIÙ LETTE
ULTIME NOTIZIE PEOPLE