Immobili
Veicoli
Ti Press
La sede provvisoria del centro federale d'asilo in zona Pasture
ULTIME NOTIZIE Svizzera
SONDAGGIO TAMEDIA
27 min
Dagli esperimenti sugli animali al tabacco: come voterete il 13 febbraio?
A breve ci esprimeremo su quattro temi federali. Partecipate al sondaggio di 20 minuti e Tamedia
SVIZZERA
6 ore
Migliaia di certificati Covid non saranno più validi
La validità dell'attestazione sarà ridotta a 270 giorni. La misura toccherà chi si è vaccinato prima del 6 maggio 2021
ARGOVIA
8 ore
Cadavere nella grotta, i genitori dell'omicida: «Resta sempre nostro figlio»
Il 22enne, che rischia oltre 16 anni di carcere, sta già scontando anticipatamente la pena.
VAUD
10 ore
«Fosse stato bianco sarebbe ancora vivo»
Circa sei mesi fa un uomo è stato ucciso da un poliziotto a Morges
SVIZZERA
11 ore
La gestione del lupo è efficace
Secondo uno studio, l'abbattimento di singoli esemplari ha permesso di ridurre le uccisioni di bestiame
SVIZZERA
12 ore
Una falla di sicurezza nel portale clienti di AutoPostale
Tra maggio 2021 e gennaio 2022 oltre 1'700 dati non erano protetti. Ora il problema è stato risolto
SVIZZERA
14 ore
Nel 2021 la terra ha tremato oltre mille volte
Tre sismi su suolo elvetico hanno avuto una magnitudo pari o superiore a 4.0: «Un numero più alto del solito».
SVIZZERA
15 ore
Lavoro ridotto, Berna proroga le misure fino a marzo
Il Consiglio federale ha adeguato l'ordinanza Covid-19 a sostegno delle imprese
BERNA
16 ore
Strade nazionali: 8,4 miliardi per il 2024-2027
Per cinque progetti di ampliamento in fase avanzata il Consiglio federale domanda inoltre lo sblocco di 4,3 miliardi
SVIZZERA
16 ore
Record assoluto di casi in Svizzera: oltre 43mila in 24 ore
In discesa, con il 24,9%, il tasso di occupazione dei pazienti Covid in terapia intensiva.
ZURIGO
18 ore
Nessuna settimana dei "super contagi": «Le misure vanno revocate»
La Task Force aveva previsto una «settimana di super infezioni» per la fine di gennaio.
SVIZZERA
18 ore
AI: «Gravi lacune nelle perizie degli esperti»
Secondo Inclusion Handicap le valutazioni vengono fatte con l'obiettivo di evitare il versamento dell'invalidità.
SVIZZERA
18 ore
Anche Beat Stocker respinge tutte le accuse
Coimputato a processo Vincenz, l'ex numero uno di Aduno: «Non mi sono arricchito con quegli investimenti occulti».
SVIZZERA
19 ore
Giro di vite sul commercio illegale di animali e piante protetti
Dal prossimo 1. marzo si rischiano fino a cinque anni di carcere. Lo ha deciso il Consiglio federale
SVIZZERA
19 ore
Il voto svizzero all'ONU pubblicato sul sito del DFAE
Il Governo ha adottato la misura riconoscendo «il crescente bisogno di trasparenza» da parte dell'opinione pubblica.
ZURIGO
19 ore
Bimbo di cinque anni investito da un'auto
L'incidente è avvenuto ieri pomeriggio a Horgen. Il bimbo è rimasto gravemente ferito.
SVIZZERA
18.10.2021 - 14:470

Centri d'asilo: episodi di violenza ci sono stati, ma non sistematici

Secondo un'indagine esterna, i diritti dei richiedenti l'asilo nei centri federali vengono generalmente rispettati.

Solo pochi casi, «ma pur sempre di troppo», sono stati ritenuti sproporzionati e ingiustificabili.

BERNA - Nei centri federali d'asilo (CFA) i diritti fondamentali e umani dei richiedenti sono in linea di massima rispettati. È la conclusione cui è giunto l'ex giudice federale Niklaus Oberholzer, incaricato dalla Segreteria di Stato della migrazione (SEM) di verificare se i collaboratori dei servizi di sicurezza ricorrano a misure di coercizione sproporzionate.

Il rapporto, presentato oggi ai media, è la risposta dell'amministrazione alle accuse, pubblicate la primavera scorsa da alcuni media e da organizzazioni non governative, secondo cui nei CFA si fa un ricorso eccessivo e sistematico alla violenza da parte dei collaboratori dei servizi di sicurezza.

Alcuni errori, ma nessuna tortura - L'ex giudice federale ha esaminato sette casi in cui si sospettava un uso sproporzionato della forza contro i richiedenti asilo, aggiungendo tuttavia oggi davanti ai media che la sua è stata «un'indagine amministrativa, non penale». Oberholzer ha precisato di non aver visitato personalmente i CFA, ma di essersi concentrato sugli aspetti strutturali da migliorare per evitare ulteriori sbavature.

Stando all'ex magistrato, nei centri non avvengono violazioni sistematiche dei diritti dei richiedenti asilo, né sussistono pregiudizi nei confronti degli ospiti da parte di chi si occupa della sicurezza. «In linea di massima, il sistema funziona». Per Mario Gattiker, capo della SEM, le accuse «di tortura sono ingiustificate e false».

Indagine penale in sei casi - Per quanto attiene agli episodi problematici verificatisi nei CFA, quattordici dipendenti di società di sicurezza sono stati sospesi dopo che sette casi di maltrattamenti sono stati resi pubblici; queste persone non lavoreranno più nei centri federali di asilo. Diversi collaboratori della SEM sono stati anche trasferiti ad altre posizioni.

In sei dei sette casi esaminati è stata aperta un'inchiesta penale, «segno che è garantita un'indagine indipendente e imparziale da parte delle autorità giudiziarie», secondo la SEM.

Tre episodi dubbi - In tre casi, nel corso di una situazione conflittuale, il personale di sicurezza privato ha reagito in modo sproporzionato e, forse, anche illegale. Il fatto di rinchiudere persone considerate problematiche in una stanza di riflessione (o di contenimento, ossia una cella di isolamento) non era affatto giustificato, stando all'ex giudice federale.

Anche se si contano sulle dita di una mano, «si tratta pur sempre di tre casi di troppo», ha aggiunto il Segretario di stato, Mario Gattiker. Frattanto, questi episodi sono oggetto di un'indagine indipendente, ha aggiunto.

In altri tre casi, l'impiego di metodi coercitivi è stato proporzionato e giustificato in riposta all'atteggiamento violento di un richiedente asilo, noto per consumo eccessivo di droghe e alcol. Nell'ultimo caso esaminato sussistono invece dubbi sull'adeguatezza della risposta data a una situazione conflittuale.

Sicurezza e impiego dei privati - Per l'ex giudice federale, l'impiego di società di sicurezza private nei centri andrebbe sottoposto ad un'analisi critica. La vexata quaestio è: Chi è autorizzato a ordinare misure coercitive, come l'uso di una stanza di contenimento? «Sicurezza e ordine sono prima di tutto compiti dello Stato», ha puntualizzato Oberholzer.

Tuttavia, quanto accaduto andrebbe contestualizzato, dal momento che gli agenti della sicurezza che lavorano nei centri sono circa 700 a fronte di oltre 2 mila richiedenti asilo che vi soggiornano contemporaneamente.

Misure preventive - Tenuto conto di quanto accaduto, e ancora prima della pubblicazione del rapporto, la SEM ha già approntato alcune misure correttive per evitare che problemi e conflitti degenerino; in particolare si punta sul dialogo per disinnescare i conflitti.

Nel secondo trimestre di quest'anno, il numero di casi di episodi violenti e di interventi della polizia è diminuito di quasi il 40% rispetto al primo trimestre. Nonostante i provvedimenti della SEM, Oberholzer ha fatto tuttavia notare che non è sempre possibile evitare i conflitti nei CFA.

Raccomandazioni - Oberholzer raccomanda quindi alla SEM maggiori controlli e una migliore formazione del personale addetto alla sicurezza e di piazzare il proprio personale formato dalla polizia nelle posizioni chiave in questo settore. I dipendenti dei servizi di sicurezza privati assumerebbero in questo caso una funzione di supporto.

La SEM dovrebbe anche definire più chiaramente le regole per l'applicazione delle misure disciplinari e l'uso delle cosiddette sale di riflessione, rivedendo la base legale per l'uso della coercizione e delle misure di polizia destinate a proteggere i candidati all'asilo e il personale. Anche le procedure per la segnalazione degli incidenti andrebbero migliorate.

La SEM, secondo Gattiker, esaminerà le raccomandazioni e le applicherà nella misura del possibile. Di primo acchito, l'idea che il personale del SEM occupi le mansioni chiave è possibile, ma sarà difficile, a suo avviso, fare a meno completamente della cooperazione con i privati.

Misure più ambiziose - In una nota odierna, Amnesty International, l'organizzazione che aveva segnalato questo problema nella primavera scorsa, ha accolto con favore il rapporto dell'ex giudice federale, ma sostiene che si possano adottare misure più ambiziose.

«Quello che manca è un meccanismo operativo e una protezione efficace per gli informatori che denunciano gli abusi nei centri. Un meccanismo di denuncia veramente indipendente per le vittime di violenza deve essere messo in atto», sottolinea la ONG nel suo comunicato. Anche in questo caso la SEM ha replicato affermando che esaminerà queste raccomandazioni e le attuerà dove possibile.

Potrebbe interessarti anche

YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter

TikTok


Copyright © 1997-2022 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2022-01-27 06:27:58 | 91.208.130.86