deposit
SVIZZERA
24.09.2021 - 15:260
Aggiornamento : 16:15

Insegnante di musica e al contempo terapista sessuale, si può fare

Il tribunale amministrativo ha giudicato abusivo il licenziamento di un'insegnante della scuola dell'obbligo zurighese.

ZURIGO - Un'insegnante di musica part-time è stata licenziata quando voleva iniziare un'attività secondaria come terapista sessuale: questo non è conciliabile con un impiego nella scuola dell'obbligo di Zurigo, ha indicato l'amministrazione scolastica. Tuttavia il tribunale amministrativo ha ritenuto il licenziamento abusivo.

La comunità scolastica deve pagare all'insegnante di lunga data un'indennità di sei mesi di stipendio e una liquidazione di dieci mesi, secondo la sentenza, che è stata pubblicata oggi e non ancora passata in giudicato.

La donna di 58 anni, impiegata al 34%, aveva informato la direzione della scuola e gli insegnanti sul fatto che si stesse formando per diventare una consulente e terapista sessuale e che stesse iniziando una seconda attività in tale ambito. La cosa ha suscitato irritazione tra i suoi studenti.

In una conversazione, la direzione della scuola ha detto all'insegnante di musica che questa attività secondaria non era accettabile. Interferiva con la gestione della classe. Inoltre poteva minare la sua credibilità e autorità. L'insegnante di musica ha accettato di essere licenziata dalla scuola, ma poi ha fatto ricorso contro il licenziamento.

Il tribunale amministrativo trova comprensibile che l'insegnante sia stata colta alla sprovvista durante la riunione con la direzione e che, date le circostanze, abbia dovuto supporre che un licenziamento fosse già cosa fatta.

Tuttavia, non si poteva concludere da questo che fosse d'accordo con il licenziamento. «Soprattutto non a causa di prestazioni insufficienti o comportamenti insoddisfacenti», precisa il tribunale amministrativo.

La terapia sessuale non è vietata - La corte non accetta gli argomenti della comunità scolastica e fa riferimento ai volantini presentati, secondo i quali la donna offre «esercizi di respirazione, esercizi per il pavimento pelvico, body scan, conversazioni, viaggi nel corpo, meditazione, self-touch».

L'offerta era diretta agli adulti, e nella pubblicità non sono state usate né rappresentazioni erotiche né un linguaggio sessuale. L'attività secondaria è di natura terapeutica: «Si può quindi supporre che gli alunni della scuola secondaria sarebbero stati in grado di definire correttamente l'attività secondaria contestata - se necessario dopo un'adeguata informazione».

Il tribunale amministrativo del cantone di Zurigo classifica il licenziamento come oggettivamente ingiustificato e quindi abusivo. Non può ordinare la reintegrazione, ma può ordinare il pagamento di un risarcimento.

Potrebbe interessarti anche

YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter

TikTok


Copyright © 1997-2021 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2021-10-18 23:28:12 | 91.208.130.85