Archivio Depositphotos
SVIZZERA
20.07.2021 - 06:000
Aggiornamento : 11:56

Con la fine del telelavoro, c'è più tensione in ufficio

Rivalità dovute al vaccino, ma anche a lotte di potere o ai pettegolezzi: ecco perché è cambiato il clima lavorativo

Secondo il presidente dell'Unione svizzera degli imprenditori, è importante che ora i responsabili delle aziende cerchino il dialogo per trovare soluzioni condivise

Fonte 20 Minuten / Anja Zingg
elaborata da Patrick Stopper
Giornalista

ZURIGO - Dopo svariati mesi passati di telelavoro, anche per M.B. è giunto il momento di tornare in ufficio in un'impresa artigiana zurighese. Ma l'atmosfera è tesa, in particolare tra i collaboratori vaccinati e quelli non vaccinati. La trentanovenne fa parte di questi ultimi, pertanto è costretta a indossare una mascherina FFP2: «Quando cammino per i corridoi, sento gli sguardi dei miei colleghi» racconta. Un'esperienza, questa, condivisa anche da altri. Per esempio K.L., che dice: «I miei colleghi non vaccinati mi guardano storto». E G.H. che - come scrive - fondamentalmente non ha voglia di rivedere gli altri: «Non mi sono mancati per nulla». Un altro lettore si dice deluso del cambiamento che percepisce sul posto di lavoro: «Persone con cui andavo molto d'accordo sono ora molto silenziose».

Situazione «parzialmente tesa» - Lo conferma Valentin Vogt, presidente dell'Unione svizzera degli imprenditori: «A volte la situazione sul posto di lavoro è tesa». In molte aziende ci sarebbero infatti conflitti dovuti all'obbligo di mascherina e alla vaccinazione. «Chi si è vaccinato si sente al sicuro e la maggior parte non vuole indossare la mascherina. Sul fronte opposto ci sono i collaboratori non vaccinati che chiedono protezione col rispetto delle distanze e la mascherina». Ora è pertanto importante che i responsabili delle aziende cerchino il dialogo coi dipendenti per trovare delle soluzioni condivise.

Il ritorno dei pettegolezzi - Per il management coach Sonja A. Buholzer, attiva a livello internazionale, il clima teso sarebbe dovuto al fatto che le lotte di potere sono più probabili in ufficio che quando si lavora da casa. E le rivalità potrebbero essere alimentate dalle riorganizzazioni aziendali e i ridimensionamenti dovuti alla crisi. E c'è di più: «I dipendenti possono nuovamente trovarsi a chiacchierare durante la pausa sigaretta», con il conseguente ritorno del pettegolezzo.

L'aumento della fobia sociale - Alla base del peggioramento del clima lavorativo c'è anche la fobia sociale: dopo mesi di telelavoro, molte persone hanno iniziato a temere i contatti sociali, afferma lo psichiatra Thomas Ihde, presidente di Pro Mente Santa, organizzazione che si impegna per la salute mentale. Una situazione, questa, che riguarderebbe soprattutto gli individui più timidi o insicuri. In effetti diverse persone si sono rivolte all'organizzazione per la paura di dover tornare a lavorare in squadra.

In determinati casi fa la sua parte anche il telelavoro mantenuto per certi dipendenti: «Se ci sono per esempio tre persone che lavorano in ufficio e due che sono ancora a casa, queste ultime devono verosimilmente prendere atto che alcune decisioni vengono prese in azienda senza la loro presenza». Una situazione che provoca malumore.

Potrebbe interessarti anche

YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter

TikTok


Copyright © 1997-2021 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2021-09-27 18:42:30 | 91.208.130.86