Ti-Press (archivio)
ULTIME NOTIZIE Svizzera
SVIZZERA
1 ora
«Gli chiedo di mettere la mascherina. E loro mi augurano la morte»
Con l’avanzare della campagna di vaccinazione, i toni dei clienti verso il personale di vendita si sono inaspriti.
SVIZZERA
7 ore
«Senza il vaccino avremmo presto avuto un migliaio di morti in più»
Nonostante la somministrazione di due dosi di vaccino, contagi e decessi non possono essere esclusi.
FOTO
ZURIGO
11 ore
«In 40 anni mai visto niente di simile»
Frutta avariata e verdura marcia: gli agricoltori di tutta la Svizzera stanno soffrendo le conseguenze del maltempo.
SVIZZERA
13 ore
Troppo THC nelle tisane
Due prodotti a base di canapa sono stati ritirati dal mercato oltre Gottardo
SVIZZERA
16 ore
Vaccino anti-Covid: i giovani lo fanno per solidarietà
Lo rivela un sondaggio condotto dalla ZHAW al centro di vaccinazione di Winterthur.
SVIZZERA
17 ore
Covid in Svizzera: 853 contagi, 14 ricoveri e due decessi
Nelle ultime ventiquattro ore il 4,4% dei test è risultato positivo al coronavirus
SAN GALLO
17 ore
Fuori strada col trasporto speciale
L'incidente si è verificato lunedì sull'A13, nel Canton San Gallo. Il mezzo pesava complessivamente 150 tonnellate
SVIZZERA
18 ore
Fondi del Tesoro russo: abbandonato il procedimento per riciclaggio
Il Ministero pubblico della Confederazione ha però ordinato la confisca di quattro milioni di franchi
SVIZZERA
19 ore
Attenzione ai fuochi di artificio!
I consigli degli esperti in vista dei festeggiamenti del Primo Agosto
ZURIGO
20 ore
I record di caldo saranno superati molte volte in futuro
Lo rivela uno studio del Politecnico di Zurigo.
SAN GALLO
23 ore
Famiglia colpita da alcuni rami, morto un bimbo di sei mesi
Lui e la madre erano rimasti gravemente feriti ieri pomeriggio. Nella notte il piccolo è spirato.
BERNA
1 gior
Un matrimonio che disturba
Il 26 settembre la Svizzera si esprime sull'apertura alle coppie gay. Temi e tappe di un lungo percorso.
SVIZZERA
15.06.2021 - 13:350

«Non si può obbligare le casse malati a ridurre le riserve»

Secondo il Consiglio degli Stati la riduzione dovrebbe essere «volontaria».

Per questo motivo i senatori hanno respinto oggi dieci iniziative cantonali. Tre delle quali provenivano dal Ticino.

BERNA - Gli assicuratori malattia non dovrebbero essere costretti a ridurre le rispettive riserve o a compensare i premi in eccesso. È quanto crede il Consiglio degli Stati che oggi ha respinto dieci iniziative cantonali in tal senso. Tre di esse, ricordiamo, provenivano dal nostro Cantone, da sempre tra i più colpiti dagli aumenti dei premi.

I senatori preferiscono la soluzione del Consiglio federale di una riduzione volontaria e non obbligatoria delle riserve. L'ordinanza rivista sarà applicata per la prima volta nel calcolo dei premi del 2022.

Le iniziative presentate da Ticino, Ginevra, Giura, Friburgo e Neuchâtel chiedevano disposizioni vincolanti per ridurre le riserve degli assicuratori. Sarebbero state considerate eccessive se avessero superato il 150% del limite legale.

«Il Consiglio federale ha introdotto un nuovo regime che sarà seguito dagli assicuratori», ha assicurato Josef Dittli (PLR/UR). Una riduzione obbligatoria sarebbe problematica perché gli assicuratori sarebbero costretti a fare delle perdite. L'esperienza mostra inoltre che i premi sono assai volatili: un effetto yo-yo dovrebbe essere evitato, ha aggiunto Erich Ettlin (Centro/OW).

Né è ragionevole stabilire un limite che non tenga conto delle diverse dimensioni delle casse malattia e del numero di assicurati. Infine, le riserve possono sembrare elevate in termini assoluti, ma rappresentano solo da tre a quattro premi mensili di tutti gli assicurati.

Argomentazioni che non hanno convinto il campo rosso-verde, il quale ha denunciato l'aggravio sempre maggiore causato dai premi sul bilancio delle famiglie: spesso il premio rappresenta la spesa maggiore, con tendenza al rialzo. La "senatrice" Marina Carobbio (PS/TI) ha fatto notare come al 1° gennaio 2020 le riserve ammontassero a 11,3 miliardi di franchi, il che rappresenta un rapporto di solvibilità del 203%. Le riserve erano quindi il doppio del tasso minimo richiesto.

Questa situazione è sintomatica del malfunzionamento del sistema che richiede un'azione urgente mediante una riduzione obbligatoria delle riserve, secondo Carobbio. La proposta del governo di una riduzione volontaria non fornisce sufficiente trasparenza. Le iniziative godono anche di un ampio sostegno da parte dei cantoni, ha puntualizzato Maya Graf (Verdi/BL).

All'epoca era stato promesso che i premi assicurativi non avrebbero superato l'8% del bilancio. A Ginevra, siamo ormai al 17%, ha sostenuto Carlo Sommaruga (PS/GE). Il cantone deve versare sempre più sovvenzioni ai redditi modesti per poter pagare i premi, sovvenzioni che, paradossalmente, finiscono nelle riserve. Al voto, però, le iniziative che chiedevano una riduzione obbligatoria delle riserve sono state respinte per 20 voti a 17.

Gli stessi cantoni hanno anche presentato iniziative che auspicavano premi conformi ai costi. Se i premi raccolti in un cantone sono superiori ai costi accumulati, l'assicuratore dovrebbe essere obbligato a concedere delle compensazioni l'anno successivo.

La maggioranza crede che il principio secondo cui i premi debbano corrispondere ai costi deve essere considerato a lungo termine e non applicato rigorosamente ogni anno. È possibile che in un anno i premi siano leggermente superiori ai costi, e che la situazione sia l'opposto l'anno successivo.

Il meccanismo proposto per la compensazione obbligatoria dei premi copre solo i premi pagati in eccesso. Non copre i casi in cui i premi pagati in un dato anno sono troppo bassi.

Per la sinistra, la compensazione è una misura particolarmente adatta a ridurre le riserve, poiché gli assicurati che hanno pagato troppo saranno rimborsati. Ma di nuovo, i senatori non hanno sostenuto la proposta (22 voti a 17).

Commenti
 
ATTENZIONE: a causa dell’elevato numero di commenti sui blog e alla difficoltà della redazione di monitorarli, abbiamo attivato un filtro automatico.
La libertà di espressione deve essere garantita da un comportamento civile e rispettoso di ciascun utente.
Chiunque scriverà offese o frasi irrispettose verrà automaticamente bannato con la conseguente cancellazione dell’account.
SteveC 1 mese fa su tio
Di per se non si può obbligarli a fare niente, solo i cittadini sono obbligati a fare tutto quello che qualcuno in alto decide
Ro 1 mese fa su tio
Per forza, altrimenti si ferma questa follia edile senza senso in atto da anni.
Potrebbe interessarti anche

YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter

TikTok


Copyright © 1997-2021 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2021-07-28 07:18:17 | 91.208.130.85