Depositphotos
SVIZZERA
07.06.2021 - 10:560

Gli affitti sono sempre più alti

La denuncia dell'ASI: in quindici anni sono aumentati del 20%

Affitto

Caricamento in corso ...
Questi sondaggi non hanno, ovviamente, un valore statistico. Si tratta di rilevazioni aperte a tutti, non basate su un campione elaborato scientificamente. Hanno quindi l'unico scopo di permettere ai lettori di esprimere la propria opinione sui temi di attualità.

BERNA - Dal dicembre 2005 le pigioni sono aumentate di oltre il 20%: lo denuncia l'Associazione svizzera inquilini (ASI), che parla di un peso massiccio sul bilancio delle famiglie e auspica un maggiore controllo degli affitti.

I dati pubblicati oggi dall'Ufficio federale di statistica (UST) confermano che i canoni di locazione continuano ad aumentare, afferma l'ASI in un comunicato odierno. Contrariamente a quanto numerosi media riportano non vi è quindi alcun allentamento dei prezzi sul mercato dell'alloggio.

In base alle cifre UST gli affitti sono cresciuti di un quinto in quindici anni, mentre il rincaro generale si è rivelato inferiore al 5%, osserva il presidente dell'ASI Carlo Sommaruga. A suo avviso il costo delle pigioni è sproporzionato rispetto ai redditi delle famiglie. Inoltre «proprio ora, in piena crisi dovuta al coronavirus, molta gente ha subito un calo delle entrate in confronto a prima e il carico rappresentato dall'affitto è ancora più gravoso», fa notare il consigliere agli Stati socialista ginevrino, citato nel comunicato.

Secondo l'ASI per gli inquilini è tuttora sempre difficile trovare un alloggio a un prezzo abbordabile e il problema è particolarmente acuto negli agglomerati. Oggi inoltre sempre più alloggi appartengono a grandi gruppi immobiliari: questo genere di aziende è proprietario del 39% delle abitazioni nella Confederazione, mentre solo dieci anni fa la quota si attestava al 29%. «Per queste società il rendimento degli immobili è purtroppo posto in primo piano: ciò conduce a un costante aumento delle pigioni», sostiene Sommaruga. Sul rincaro dei canoni pesano inoltre le nuove locazioni e i risanamenti.

Vista la situazione, stando al presidente dell'ASI, è importante che la redditività degli spazi abitativi possa essere controllata. «Oggi la responsabilità è posta sulle spalle degli stessi inquilini, che devono contestare le pigioni abusive, domandando una riduzione dell'affitto». Il meccanismo odierno di controllo viene perciò considerato molto debole e squilibrato: se fosse migliorato si potrebbe sgravare la maggioranza della popolazione, conclude Sommaruga.

Potrebbe interessarti anche

YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter

TikTok


Copyright © 1997-2021 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2021-09-20 04:22:59 | 91.208.130.86