Immobili
Veicoli
20 Minuten
ULTIME NOTIZIE Svizzera
GRIGIONI
14 min
Anziano si ribalta e si ferisce sull'A13
L'incidente è avvenuto nella notte nei pressi di Rongellen. L'82enne è stato trasportato in ospedale.
SVIZZERA
15 min
No agevolazioni, trasporti pubblici a pagamento per i profughi
La normativa entrerà in vigore dal primo giugno, rimangono gratuiti invece l'ingresso nel paese e il transito.
FRIBURGO
35 min
Certificati Covid: chi li regalava, chi li vendeva, chi se li teneva
Le persone interpellate lavoravano tutte al centro di depistaggio di Granges-Paccot.
SVIZZERA
55 min
Espulsione stranieri, Berna aiuterà i Cantoni
Le spese per la gestione degli stranieri che sono in attesa di essere espulsi verranno spartite.
SVIZZERA
1 ora
Da Berna 725 milioni contro la povertà globale
La Svizzera dà il suo contributo per la ripresa post-pandemica nei paesi più in difficoltà
SVIZZERA
1 ora
«Sorrisi e stereotipi per spingere gli svizzeri a mangiare carne»
L'associazione ambientalista Greenpeace denuncia «le tattiche pubblicitarie sporche» dell'industria della carne
BASILEA CAMPAGNA
1 ora
Trovato un pollice mozzato
Il dito è stato rinvenuto nel retro di un condominio con annesso ristorante. La sua provenienza è tuttavia ignota.
SVIZZERA
1 ora
In futuro avremo scarsità d'acqua in estate
A livello regionale bisogna prepararsi a più periodi di siccità, secondo un rapporto adottato dal Governo federale
SVIZZERA
2 ore
«Va migliorata la comunicazione in tempo di crisi»
È una delle raccomandazioni del Consiglio svizzero della scienza che ha analizzato la gestione della pandemia
SVIZZERA
2 ore
Stato sociale? Aiuto allo sviluppo? «No, tocca all'esercito»
Per il consigliere agli Stati Werner Salzmann (UDC) l'esercito ha perso capacità negli ultimi anni.
SVIZZERA
2 ore
Cyber attacchi alla Mobiliare: "interviene" l'Esercito
Un nuovo accordo è stato siglato tra le due istituzioni, il primo ambito di cooperazione è quello informatico.
BERNA
12 ore
Cassis tratta «gli scagnozzi di Putin» con i guanti?
La Svizzera non ha comunicato l'espulsione di alcun diplomatico russo. Ciò non vuol dire che siano ancora tutti qui
FOTO
BERNA
13 ore
Le fiamme divorano la stalla
È il decimo episodio nella zona. Recentemente altri nove incendi avevano toccato le proprietà di alcuni abitanti
SVIZZERA
13 ore
Iperattività da record: in aumento la richiesta di farmaci
Cinque anni fa il 50% di persone in meno veniva trattato con Ritali o principi attivi simili
GINEVRA
14 ore
Ritrovati i due bambini scomparsi
Dopo la pausa pranzo non erano tornati a scuola. La polizia cantonale di Ginevra comunica che sono tornati a casa
BERNA
15 ore
I biker di Putin che rombano sulle strade svizzere
I Lupi della notte hanno ricevuto un riconoscimento da parte dell'ambasciata russa a Berna per il loro sostegno a Mosca
SVIZZERA
21.04.2021 - 21:330
Aggiornamento : 23:46

Stop fino al 26 maggio? «Decisione incomprensibile»

La strategia presentata oggi dal Consiglio federale ha scatenato diverse reazioni, delusa GastroSuisse

Più positivo invece il settore della vita notturna. I partiti politici sono spaccati, tra diffidenza e soddisfazione

BERNA - Oggi il Consigliere federale Alain Berset ha presentato la strategia elvetica per le riaperture, in ciò che è stato definito un modello a tre fasi.

In primis la fase di protezione, che durerà finché non saranno vaccinate completamente tutte le persone a rischio. Poi quella di stabilizzazione, in cui l'accesso alla vaccinazione sarà disponibile per l’intera popolazione adulta, e infine la fase di normalizzazione, che inizierà quando saranno state vaccinate completamente tutte le persone adulte che lo desiderano.

In ogni caso, nessuna apertura avrà luogo prima del 26 maggio. In seguito all'annuncio della strategia, in molti hanno reagito, e in modo differente, alla scelta del Consiglio federale.

«Prospettive tristi» 

Per l'industria della ristorazione, già in difficoltà, il fatto che all'interno si rimarrà chiusi almeno fino alla fine di maggio, se non oltre, significa un ulteriore danno economico e sulla psiche delle persone. Lo ha sottolineato GastroSuisse in un comunicato stampa, parlando di una decisione «incomprensibile» e di prospettive «estremamente tristi».

Con l'attuale situazione del sistema sanitario, infatti, «un blocco dell'industria non può essere giustificato» ha dichiarato Casimir Platzer, Presidente di GastroSuisse, parlando di «forte delusione». 

«La notizia più bella degli ultimi cinque mesi»

Toni completamente diversi arrivano dagli esponenti della vita notturna, e in particolare da Alexander Bücheli, membro dell'associazione dei Bar e dei Club di Zurigo (SBCK): «Per noi, questa è la migliore notizia degli ultimi cinque mesi. Il modello a tre fasi ci mostra finalmente una prospettiva e indica che c'è un futuro per la vita notturna».

La strategia è quindi apprezzata, e c'è anche curiosità per vedere se arriveranno presto ulteriori informazioni sugli eventi, magari con il certificato unico. «Noi siamo pronti» ha detto Bücheli.

«Nessuna normalità per chi è vaccinato?»

Dal lato dei partiti, l'UDC si è dichiarata scettica, e critica in particolare il fatto che non sia permesso un più rapido ritorno alla normalità per coloro che sono stati vaccinati, che sono risultati negativi, o che sono guariti. 

In questo modo, secondo il partito, non c'è alcun incentivo a farsi vaccinare o testare, ed è proprio il Consiglio federale a lamentarsi della presunta mancanza di «volontà» di farsi somministrare il vaccino, tra la popolazione. «Invece di mostrare una vera via d'uscita dalla pandemia, il Consiglio federale preferisce trovare nuove ragioni per mantenere le chiusure», ha scritto l'UDC in un comunicato stampa.

«Un graduale ritorno alle libertà fondamentali»

Dal canto suo, il PLR ha approvato il modello a tre fasi: «ci permette di tornare gradualmente alle libertà fondamentali». Tuttavia, ciò che infastidisce il partito è l'estrema lentezza con cui procede la campagna di vaccinazione, il cui successo è una prerogativa per l'attuazione del piano del Consiglio federale. Dello stesso avviso anche i Verdi liberali.

Per i Verdi, invece, ci si sta muovendo troppo in fretta. Il partito ha accolto con favore il fatto che il Consiglio federale abbia «finalmente» sviluppato degli scenari che dipendono dal progresso della vaccinazione. «Tuttavia, il ritmo e il rischio sono alti», ha dichiarato il presidente Balthasar Glättli.

Infine, anche dal mondo scientifico sono arrivate delle critiche. Il neuroscienziato Dominique de Quervain, che ha recentemente lasciato la task force, ha twittato: «Visti i calcoli realizzati della task force per quanto riguarda i ricoveri e i decessi, è davvero cinico chiamare la fase attuale una fase "di protezione"».

Commenti
 
ATTENZIONE: a causa dell’elevato numero di commenti sui blog e alla difficoltà della redazione di monitorarli, abbiamo attivato un filtro automatico.
La libertà di espressione deve essere garantita da un comportamento civile e rispettoso di ciascun utente.
Chiunque scriverà offese o frasi irrispettose verrà automaticamente bannato con la conseguente cancellazione dell’account.
Lore61 1 anno fa su tio
... Dai che quando saremo intorno al 20 maggio, ti diranno fino al 26 giugno... XD.. e così passò l'estate 2021... XD vediamo cosa inventano per il 2022!
pillola rossa 1 anno fa su tio
@Lore61 Ormai la carota fa parte dell'archeologia, ma continua a servire egregiamente
vulpus 1 anno fa su tio
Ma ci rendiamo conto in che gabola ci stanno cacciando con questa storia del passaporto di chi è vaccinato, di chi è guarito, di chi è immune? Un'altra faccenda inutile finalizzata a chi stampa e vende questi passaporti e a chi dovrà stilare i certificati? Nessuno sa dire per quanto tempo i vaccini saranno validi, nessuno sa dire chi ha fatto la malattia per quanto tempo è immune. C'è gente che dopo 12 mesi ha ancora gli anticorpi. Nessuno di questi esperti ha ancora avuto il coraggio che la vaccinazione bisognerà continuare a farla e a ripeterla, in quanto quanto è stato sviluppato sembra avere una protezione limitata nel tempo e con una tendenza di inefficacia all'evolversi dei tipi di malattia. È tempo e ora di sviluppare medicamenti efficaci per curare chi si ammala, e non inoculare chimica a tutti , senza una soluzione definitiva
Ro 1 anno fa su tio
Visto che è una decisione incomprensibile andate a fare 4 passi in India o in Brasile. Sapete perché siamo ostaggio del virus ancora dopo 1 anno e non finisce qua ? Perché c’è il gravissimo problema della sovrappopolazione. Siamo tutti ammassati come negli allevamenti degli animali. Ecco perché non si riesce a bloccare la diffusione. Se poi a questo ci mettiamo anche l’irresponsabilità di coloro che negano la pandemia la frittata è fatta. Bisogna avere pazienza altrimenti più si va avanti più aumentano le varianti e non è detta che alla fine questi sacrifici di ieri e oggi siano stati fatti per nulla. Nel frattempo pensiamo a come risolvere il problema della sovrappopolazione prima che tutto scoppi tra le mani, ma non a parole e senza dare retta a certe lobby. E magari a dare la prima dose a chi lo vuole isto che protegge all’80%, che è meglio che niente. Buona giornata
SteveC 1 anno fa su tio
Vergognoso come ci prendono in giro
francox 1 anno fa su tio
Se per qualche fortunato la decisione è incomprensibile, significa che ha ancora tutti i parenti da salutare a natale.
Booble63 1 anno fa su tio
Dittatori!
Nano10 1 anno fa su tio
Questi burattini hanno proprio rotto le P... 😡e via via fo di ball
Potrebbe interessarti anche

YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter

TikTok


Copyright © 1997-2022 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2022-05-18 12:06:12 | 91.208.130.87