20 Minuten
ULTIME NOTIZIE Svizzera
SVIZZERA
2 min
Lex Netflix, «un costo per i giovani»
Un'alleanza di partiti giovanili intende lanciare un referendum contro la decisione del Parlamento
SVIZZERA
6 min
La Confederazione sostiene i ricercatori esclusi dall'Europa
Il Consiglio federale sottopone al Parlamento alcune misure transitorie per i progetti preclusi alla Svizzera
SVIZZERA
20 min
Ju-52, un'indagine da 3,8 milioni di franchi
È quanto risulta dal rapporto annuale 2020 del SISI: «Inchiesta lunga e difficoltosa»
LUCERNA
1 ora
Maltempo da record, danni per 400 milioni a Lucerna
A Lucerna si sono registrati circa 18mila incidenti legati a pioggia, grandine e vento.
SVIZZERA
1 ora
Altri 79 milioni per il Preventivo 2021
Il Consiglio federale ha deciso di sottoporre al Parlamento otto crediti aggiuntivi
SVIZZERA
2 ore
Ecco le casse malati che restituiranno 300 milioni agli assicurati
Le due modalità scelte sono rimborsi effettivi o sconti sui premi.
GINEVRA
7 ore
«Volevano uccidermi perché non ho messo una canzone»
Tredici giovani ne hanno aggredito un altro per futili motivi durante la festa del digiuno ginevrino.
SVIZZERA
7 ore
La fine della pandemia? «La prossima primavera»
Gli esperti si dicono d'accordo sul fatto che la stagione invernale sarà difficile. Dipende tutto dalle vaccinazioni
SVIZZERA
13 ore
Ingresso in Svizzera solo con test (o certificato)?
Ecco cosa potrebbe decidere il Consiglio federale nella sua seduta di domani
SVIZZERA
15 ore
Aumentano i vaccinati "riluttanti"
Nei Cantoni rurali il tasso di vaccinazione è più basso. Ma sembra che l'obbligo del pass nei bar stia cambiando le cose
BERNA
15 ore
No Pass: migliaia in piazza a Berna e Bienne
Ancora manifestazioni questa sera contro le nuove misure introdotte dal Consiglio Federale
GRIGIONI
20 ore
Davos riabbraccia il WEF
Il tema dell'edizione 2022 del Forum economico mondiale sarà «Lavorare insieme, ripristinare la fiducia».
SVIZZERA
20 ore
La terza dose sotto la lente di Swissmedic
L'Istituto svizzero per gli agenti terapeutici sta valutando i dati clinici, «in termini di sicurezza ed efficacia»
ARGOVIA
21 ore
La 26enne ha ucciso il fratello, poi si è tolta la vita
La Polizia cantonale ha fornito nuovi dettagli sui due corpi trovati martedì mattina a Frick.
GRIGIONI
21 ore
La mucca nutrice si traccia online
Nei Grigioni è stato avviato un progetto pilota che permette di seguire gli animali
SVIZZERA
22 ore
Siamo il paese più caro d'Europa
Il nostro costo della vita è del 51% superiore a quello della Germania.
SVIZZERA
21.04.2021 - 21:330
Aggiornamento : 23:46

Stop fino al 26 maggio? «Decisione incomprensibile»

La strategia presentata oggi dal Consiglio federale ha scatenato diverse reazioni, delusa GastroSuisse

Più positivo invece il settore della vita notturna. I partiti politici sono spaccati, tra diffidenza e soddisfazione

BERNA - Oggi il Consigliere federale Alain Berset ha presentato la strategia elvetica per le riaperture, in ciò che è stato definito un modello a tre fasi.

In primis la fase di protezione, che durerà finché non saranno vaccinate completamente tutte le persone a rischio. Poi quella di stabilizzazione, in cui l'accesso alla vaccinazione sarà disponibile per l’intera popolazione adulta, e infine la fase di normalizzazione, che inizierà quando saranno state vaccinate completamente tutte le persone adulte che lo desiderano.

In ogni caso, nessuna apertura avrà luogo prima del 26 maggio. In seguito all'annuncio della strategia, in molti hanno reagito, e in modo differente, alla scelta del Consiglio federale.

«Prospettive tristi» 

Per l'industria della ristorazione, già in difficoltà, il fatto che all'interno si rimarrà chiusi almeno fino alla fine di maggio, se non oltre, significa un ulteriore danno economico e sulla psiche delle persone. Lo ha sottolineato GastroSuisse in un comunicato stampa, parlando di una decisione «incomprensibile» e di prospettive «estremamente tristi».

Con l'attuale situazione del sistema sanitario, infatti, «un blocco dell'industria non può essere giustificato» ha dichiarato Casimir Platzer, Presidente di GastroSuisse, parlando di «forte delusione». 

«La notizia più bella degli ultimi cinque mesi»

Toni completamente diversi arrivano dagli esponenti della vita notturna, e in particolare da Alexander Bücheli, membro dell'associazione dei Bar e dei Club di Zurigo (SBCK): «Per noi, questa è la migliore notizia degli ultimi cinque mesi. Il modello a tre fasi ci mostra finalmente una prospettiva e indica che c'è un futuro per la vita notturna».

La strategia è quindi apprezzata, e c'è anche curiosità per vedere se arriveranno presto ulteriori informazioni sugli eventi, magari con il certificato unico. «Noi siamo pronti» ha detto Bücheli.

«Nessuna normalità per chi è vaccinato?»

Dal lato dei partiti, l'UDC si è dichiarata scettica, e critica in particolare il fatto che non sia permesso un più rapido ritorno alla normalità per coloro che sono stati vaccinati, che sono risultati negativi, o che sono guariti. 

In questo modo, secondo il partito, non c'è alcun incentivo a farsi vaccinare o testare, ed è proprio il Consiglio federale a lamentarsi della presunta mancanza di «volontà» di farsi somministrare il vaccino, tra la popolazione. «Invece di mostrare una vera via d'uscita dalla pandemia, il Consiglio federale preferisce trovare nuove ragioni per mantenere le chiusure», ha scritto l'UDC in un comunicato stampa.

«Un graduale ritorno alle libertà fondamentali»

Dal canto suo, il PLR ha approvato il modello a tre fasi: «ci permette di tornare gradualmente alle libertà fondamentali». Tuttavia, ciò che infastidisce il partito è l'estrema lentezza con cui procede la campagna di vaccinazione, il cui successo è una prerogativa per l'attuazione del piano del Consiglio federale. Dello stesso avviso anche i Verdi liberali.

Per i Verdi, invece, ci si sta muovendo troppo in fretta. Il partito ha accolto con favore il fatto che il Consiglio federale abbia «finalmente» sviluppato degli scenari che dipendono dal progresso della vaccinazione. «Tuttavia, il ritmo e il rischio sono alti», ha dichiarato il presidente Balthasar Glättli.

Infine, anche dal mondo scientifico sono arrivate delle critiche. Il neuroscienziato Dominique de Quervain, che ha recentemente lasciato la task force, ha twittato: «Visti i calcoli realizzati della task force per quanto riguarda i ricoveri e i decessi, è davvero cinico chiamare la fase attuale una fase "di protezione"».

Commenti
 
ATTENZIONE: a causa dell’elevato numero di commenti sui blog e alla difficoltà della redazione di monitorarli, abbiamo attivato un filtro automatico.
La libertà di espressione deve essere garantita da un comportamento civile e rispettoso di ciascun utente.
Chiunque scriverà offese o frasi irrispettose verrà automaticamente bannato con la conseguente cancellazione dell’account.
Lore61 4 mesi fa su tio
... Dai che quando saremo intorno al 20 maggio, ti diranno fino al 26 giugno... XD.. e così passò l'estate 2021... XD vediamo cosa inventano per il 2022!
pillola rossa 4 mesi fa su tio
@Lore61 Ormai la carota fa parte dell'archeologia, ma continua a servire egregiamente
vulpus 4 mesi fa su tio
Ma ci rendiamo conto in che gabola ci stanno cacciando con questa storia del passaporto di chi è vaccinato, di chi è guarito, di chi è immune? Un'altra faccenda inutile finalizzata a chi stampa e vende questi passaporti e a chi dovrà stilare i certificati? Nessuno sa dire per quanto tempo i vaccini saranno validi, nessuno sa dire chi ha fatto la malattia per quanto tempo è immune. C'è gente che dopo 12 mesi ha ancora gli anticorpi. Nessuno di questi esperti ha ancora avuto il coraggio che la vaccinazione bisognerà continuare a farla e a ripeterla, in quanto quanto è stato sviluppato sembra avere una protezione limitata nel tempo e con una tendenza di inefficacia all'evolversi dei tipi di malattia. È tempo e ora di sviluppare medicamenti efficaci per curare chi si ammala, e non inoculare chimica a tutti , senza una soluzione definitiva
Ro 4 mesi fa su tio
Visto che è una decisione incomprensibile andate a fare 4 passi in India o in Brasile. Sapete perché siamo ostaggio del virus ancora dopo 1 anno e non finisce qua ? Perché c’è il gravissimo problema della sovrappopolazione. Siamo tutti ammassati come negli allevamenti degli animali. Ecco perché non si riesce a bloccare la diffusione. Se poi a questo ci mettiamo anche l’irresponsabilità di coloro che negano la pandemia la frittata è fatta. Bisogna avere pazienza altrimenti più si va avanti più aumentano le varianti e non è detta che alla fine questi sacrifici di ieri e oggi siano stati fatti per nulla. Nel frattempo pensiamo a come risolvere il problema della sovrappopolazione prima che tutto scoppi tra le mani, ma non a parole e senza dare retta a certe lobby. E magari a dare la prima dose a chi lo vuole isto che protegge all’80%, che è meglio che niente. Buona giornata
SteveC 4 mesi fa su tio
Vergognoso come ci prendono in giro
francox 4 mesi fa su tio
Se per qualche fortunato la decisione è incomprensibile, significa che ha ancora tutti i parenti da salutare a natale.
Booble63 4 mesi fa su tio
Dittatori!
Nano10 4 mesi fa su tio
Questi burattini hanno proprio rotto le P... 😡e via via fo di ball
Potrebbe interessarti anche

YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter

TikTok


Copyright © 1997-2021 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2021-09-17 13:06:02 | 91.208.130.85