20minuten
ULTIME NOTIZIE Svizzera
TURGOVIA
6 ore
Un luna park al tempo del coronavirus
L'evento in forma ridotta ha luogo a Romanshorn, nel Canton Turgovia. «Non si tratta di mancanza di responsabilità»
SVIZZERA
8 ore
Ombudsman SRG SSR sommerso dalle lamentele
Nel 2020 ne ha ricevute oltre mille. Una cifra record da ricondurre alle segnalazioni legate al tema Covid
BERNA 
10 ore
Numerosi Cantoni vaccinano dai 65 anni
Ci sono anche i più virtuosi, ma pure chi ha poche richieste e chi va a rilento.
SVIZZERA
10 ore
«Viaggio in treno e con l'auto elettrica»
La pandemia è ancora sotto la luce dei riflettori. Ma la crisi climatica non è finita, ricorda Simonetta Sommaruga
VALLESE
10 ore
Ubriaco, costringe il treno a fermarsi e sale
L'uomo lavora per il produttore di vaccini Moderna.
BERNA
11 ore
Nel 2020 è aumentato l'aiuto pubblico allo sviluppo
Solo lo scorso anno sono stati stanziati oltre 3 miliardi di franchi.
GLARONA
12 ore
Operaio si ferisce al collo con la troncatrice
È successo nella località glaronese di Mollis. L'uomo è stato portato all'Ospedale universitario di Zurigo
BASILEA CITTÀ
12 ore
Investita da un camion mentre andava in bicicletta
La vittima è una donna di 50 anni
LUCERNA
13 ore
Sorpassi a oltre 200 all'ora sull'A2
I due conducenti, che guidavano sotto l'influsso della droga, sono stati fermati il 9 aprile nei pressi di Schenkon.
SVIZZERA
14 ore
Vaccinare i giovani? «La priorità restano le persone a rischio»
Lo ha detto la responsabile Sezione malattie infettive dell'UFSP sollecitata in conferenza stampa
SVIZZERA
14 ore
Oltre 200mila vaccinazioni in una settimana
È la prima volta che si supera questa soglia da quando sono iniziate le somministrazioni.
SVIZZERA
14 ore
Altri 2 241 contagi in Svizzera, 10 morti
Altre 82 persone sono state ricoverate in ospedale. Il bollettino dell'UFSP
ZURIGO
04.03.2021 - 00:010

Allentamenti: «La Svizzera non soddisferà tutti i criteri»

Ne è convito l'infettivologo Christian Garzoni: «Dobbiamo stare molto attenti. In Italia si registra un nuovo aumento».

Il prossimo allentamento è legato a rigide linee guida epidemiologiche. Ma solo uno dei quattro criteri chiave è attualmente soddisfatto.

ZURIGO - Da una parte c'è il Consiglio nazionale che chiede allentamenti ulteriori e immediati, dall'altra c'è una decisione, quella che il Governo federale dovrà prendere il 19 marzo, sulla quale pesano quattro rigorosi valori guida, dai quali dipendono, ad esempio, l'obbligo di lavorare da casa, gli sport indoor e la riapertura delle terrazze dei ristoranti.

È proprio sulla base di questi valori che sarà effettua una valutazione complessiva della situazione del Coronavirus:

1. Tasso di positività inferiore al cinque percento
All'inizio di gennaio, la Svizzera ha registrato un tasso di positività di oltre il 15 percento. Da allora questa cifra è diminuita drasticamente, ma recentemente sta stagnando ed è addirittura in ripresa. Secondo i dati attuali dell'Ufficio federale della sanità pubblica, il tasso medio di positività della scorsa settimana è del 5,3%. Ciò significa che attualmente i requisiti del Consiglio federale non sono soddisfatti.

2. Meno di 250 pazienti Covid nel reparto di terapia intensiva
Attualmente ci sono 179 pazienti Covid in terapia intensiva in tutta la Svizzera. Inoltre, sempre più persone vengono vaccinate. In 220.000 sono coloro che hanno già ricevuto entrambe le dosi. Questo allevia la pressione sulle unità di terapia intensiva, poiché le persone vaccinate sono perlopiù protette dalle forme gravi della malattia. Questo requisito, quindi, sembra essere soddisfatto.

3. Valore R medio inferiore a 1.
L'ultimo valore R su sette giorni è 1,06 e quindi non soddisfa le linee guida del Consiglio federale. Tuttavia, il valore R deve essere considerato con cautela. Un valore già pubblicato può essere aggiornato retrospettivamente sulla base di dati ulteriori giunti successivamente.

4. Incidenza non superiore al dato del 1 marzo
Negli ultimi 14 giorni, circa 148 persone su 100.000 sono risultate positive al coronavirus. L'incidenza su 14 giorni il 1° marzo era di 147,52. Questo numero è diminuito continuamente da metà dicembre, ma recentemente si è bloccato. Con il diffondersi delle mutazioni più contagiose e il primo allentamento, potrebbe essere possibile che l'incidenza del 17 marzo sia nuovamente superiore a quella del 1° marzo.

«Criteri non soddisfatti» - In sostanza la Svizzera manca tre obiettivi su quattro. Per l'infettivologo Christian Garzoni dell'Ospedale Moncucco di Lugano, è già chiaro: la Svizzera molto probabilmente non soddisferà tutti i criteri. «Se la diffusione delle mutazioni continua ad aumentare, il che è del tutto possibile, le aperture saranno certamente critiche da un punto di vista epidemiologico».

Se è vero che si ha un tasso di positività e un tasso di utilizzo delle unità di terapia intensiva che rendono fiduciosi, «il valore R resta il nocciolo della questione e sta aumentando di nuovo - sottolinea Garzoni -. Anche l'incidenza è problematica, perché è in aumento o al massimo stabile, ma non diminuirà».

In molti paesi vicini d'altra parte l'aumento del numero di casi è già una realtà concreta, fa notare l'esperto. «Dobbiamo stare molto attenti. Siamo appena usciti dalla seconda ondata e in Italia, ad esempio, il numero dei casi è nuovamente aumentato. È bene pensare alle aperture, ma bisogna osservare con chiarezza la situazione epidemiologica».

Le aziende vogliono basarsi sulle vaccinazioni - Secondo Hans-Ulrich Bigler, direttore dell'Unione svizzera delle arti e dei mestieri, la prospettiva epidemiologica è sopravvalutata: «Non capisco l'approccio del Consiglio federale dell'allentamento graduale. Possiamo vedere che questa strategia non funziona». Bigler si affida ai numeri di vaccinazione per orientarsi. «Bisogna fare di tutto per garantire che vengano effettuate vaccinazioni, test e tracciamento dei contatti. Con più vaccinazioni e i giusti concetti di protezione, si potrebbe passare rapidamente alla seconda fase degli allentamenti e anche oltre».


YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter

TikTok


Copyright © 1997-2021 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2021-04-14 04:47:53 | 91.208.130.86