keystone
Una conferenza stampa della task force governativa
SVIZZERA
11.02.2021 - 18:380

Rimedi anti-Covid, la task force è cauta

Gli esperti di Berna hanno passato in rassegna i farmaci utilizzati con i pazienti ricoverati. Con scarso entusiasmo

BERNA - Finora nessun medicinale nuovo o già esistente è attualmente in grado di ridurre i tassi di ospedalizzazione, né di cambiare radicalmente il decorso della malattia una volta che i pazienti sono ricoverati. È quanto sostiene la Task Force scientifica, che sul suo sito web ha pubblicato oggi una "Valutazione dei trattamenti farmaceutici del COVID-19".

Secondo la Swiss National Covid-19 Science Task Force, nonostante la comparsa di numerosi preparati per il trattamento del coronavirus, solo pochi di essi «hanno dimostrato di avere un impatto incisivo sulla mortalità».

Tra i vari farmaci, ad esempio, il corticosteroide desametasone ha evidenziato una riduzione significativa della mortalità legata al COVID-19 nei pazienti con malattia moderata o grave che richiede l'apporto di ossigeno, spiega la Task Force.

In campo internazionale, alcuni trial indicano che con l'antivirale Remdesivir si è verificato un miglioramento del quadro clinico del paziente, ma senza tuttavia provare alcun effetto sulla mortalità.

Sono in corso studi - aggiungono gli esperti - sulla profilassi post-esposizione o sui pazienti ambulatoriali in terapia antivirale o trattati con anticorpi monoclonali. In questo contesto, «la colchicina potrebbe ridurre la necessità di ospedalizzazione nei pazienti con malattia lieve», scrive la Task Force.

Potrebbe interessarti anche

YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter

TikTok


Copyright © 1997-2021 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2021-08-05 23:30:51 | 91.208.130.89