Immobili
Veicoli
Keystone
ULTIME NOTIZIE Svizzera
SVIZZERA
8 ore
Covid-pass aggiornato? Ora non ci si dovrà più mettere il dito
Niente più verifica manuale, ora l'app Covid Certificate esegue il refresh automaticamente.
SVIZZERA / MONDO
9 ore
«Vaccinare il mondo per fermare la pandemia»
Il messaggio del segretario generale dell'Onu Antonio Guterres al WEF di Davos.
FOTO
ZURIGO
11 ore
Con l'auto dritto contro l'albero, ferito un 67enne
Per cause ancora da chiarire, il veicolo dell'uomo è uscito di strada mentre approcciava una curva.
SVIZZERA
11 ore
Sostegno al 2G, ma solo sino a fine febbraio
Le risposte dei cantoni alla consultazione federale sui provvedimenti anti-coronavirus
ZURIGO
13 ore
Quadruplicati gli attacchi di panico, gli esperti sono preoccupati
Depressione, ansia e paura: sono tutte conseguenze della pandemia, che colpiscono in particolare i giovani.
SVIZZERA
13 ore
Quarantene e test di massa? Da rivedere: «Omicron è come un incendio»
Anche gli scienziati hanno dei dubbi sul contact tracing. E sono ottimisti: il picco è vicino
GINEVRA
13 ore
Aeroporto di Ginevra, ancora lontani dai numeri del 2019
Lo scorso anno dallo scalo sono passati 5,9 milioni di passeggeri
GINEVRA
14 ore
Investita sulla pista da sci, muore a 5 anni
La piccola, residente a Ginevra, è stata travolta a Flaine, stazione sciistica situata in Alta Savoia.
BERNA
14 ore
Coronavirus: i disabili vogliono garanzie anti discriminazione
La pandemia ha lasciato il segno, anche tra chi è portatore di andicap.
GRIGIONI
14 ore
Gastronomia, quasi una irregolarità su quattro
In diversi casi è stato riscontrato un mancato rispetto delle disposizioni microbiologiche.
SVIZZERA
15 ore
Oltre 67mila contagi e 30 morti nel weekend svizzero
Ancora in aumento i pazienti ricoverati a causa del virus, che occupano ora l'8,1% dei posti letto complessivi.
ZURIGO
18 ore
Zurigo chiama alla cassa gli altri Cantoni per i pazienti Covid
Il 10-15% di quelli ricoverati nelle strutture zurighesi proviene da altre regioni del paese
VAUD
18 ore
Collina di Mormont, dopo lo sgombero il processo
Gli attivisti che protestavano contro l'espansione di una cava rischiano una pena detentiva
SVIZZERA
19 ore
Al via la prima scuola reclute dell'anno
In tutto vi parteciperanno circa 11'200 reclute e 2'500 quadri. L'entrata in servizio sarà però scaglionata.
URI
19 ore
Il passeggino slitta nel fiume, bimbo di tre mesi in ospedale
La donna che lo accudiva è saltata in acqua ed è riuscita a salvare il piccolo, che ha solo tre mesi.
SVIZZERA
19 ore
«Un generale dell'elettricità? Non siamo in guerra»
SImonetta Sommaruga rifiuta l'idea proposta dall'UDC: «Ognuno si assuma le proprie responsabilità».
SVIZZERA
20 ore
Bambini, donazioni raddoppiate
La Catena della solidarietà festeggia numeri in crescita, a favore dell'infanzia
SVIZZERA
28.11.2020 - 13:250
Aggiornamento : 15:36

«Impedire lo sci? Una frenesia dettata dall'estero»

Alcune stazioni in Svizzera sono aperte da due mesi e nessuna di esse è diventata un focolaio d'infezione

Gli ingorghi? «Niente di diverso da quanto già capita su tram e treni».

BERNA - Nella lotta alla pandemia la Confederazione deve rimanere fedele alla sua linea, continuando a permettere la pratica dello sci e respingendo le richieste - provenienti dall'estero - di uno stop: lo afferma il presidente di Funivie svizzere Hans Wicki, che auspica più tranquillità e serenità nell'affrontare il tema.

Non esiste un argomento ragionevole e condivisibile che imponga la chiusura di tutti i comprensori sciistici, afferma il rappresentante degli impianti di risalita e consigliere agli stati (PLR/NW) in un'intervista diffusa oggi dalla radio SRF. Alcune stazioni in Svizzera sono aperte da due mesi e nessuna di esse è diventata un focolaio d'infezione.

Secondo Wicki - che è anche presidente del consiglio di amministrazione degli impianti del Titlis - non ha nemmeno senso chiudere gli impianti per paura che gli ospiti si possano contagiare nel doposci. Esistono piani di protezione per il settore della ristorazione, fa notare il 56enne.

Per quanto riguarda gli impianti di risalita in senso stretto, le mascherine devono essere indossate nei locali chiusi e nelle zone in cui non è possibile mantenere la distanza minima. Wicki ha ammesso che potrebbero esserci ingorghi nelle stazioni ferroviarie e nella zona delle funivie, ma a suo avviso la situazione è paragonabile a quanto si assiste già normalmente sui tram e nei treni.

«La gente dovrebbe essere in grado di uscire al sole, di ricaricarsi, di avere emozioni e di rilassarsi», osserva il politico laureato in economia all'Università di Zurigo. «Il virus non si trasmette quando si scia nell'aria fresca in natura».

Secondo Wicki l'attuale discussione sulla chiusura delle stazioni è «una frenesia dettata dall'estero». Germania, Francia e Italia vogliono tenere chiusi i loro comprensori e la cancelliera tedesca Angela Merkel mira a estendere questo approccio a tutto il continente. Oltre alla Svizzera, anche l'Austria si difende su questo punto.

Wicki ricorda l'importanza economica del ramo: le società che gestiscono gli impianti di risalita realizzano gran parte del loro fatturato annuale durante le vacanze di Natale e Capodanno. E ricorda come in settembre sia stato introdotto un piano di protezione che è stato esaminato anche dall'Ufficio federale della sanità pubblica (UFSP). Sono stati fatti investimenti in nuove tecnologie e in sistemi di disinfezione.

Commenti
 
ATTENZIONE: a causa dell’elevato numero di commenti sui blog e alla difficoltà della redazione di monitorarli, abbiamo attivato un filtro automatico.
La libertà di espressione deve essere garantita da un comportamento civile e rispettoso di ciascun utente.
Chiunque scriverà offese o frasi irrispettose verrà automaticamente bannato con la conseguente cancellazione dell’account.
seo56 1 anno fa su tio
Svizzera sempre più vergognosa ed irresponsabile!!
Tato50 1 anno fa su tio
@@@@ Jenny Gehringer. Prima di tutto ti ringrazio anche a nome di tantissime altre persone con le quali devi, purtroppo, essere presente in circostanze alquanto particolari. Diciamo che la tua è una "missione" che hai scelto per essere a disposizione del prossimo mettendo anche a repentaglio la tua salute. Per quanto concerne il fatto di sciare in Svizzera era già successo che in una stazione sciistica c'è stata una contaminazione e chi dovere ha provveduto a far si che questo non avvenisse più facendo investire milioni a tutte le "stazioni" che forniscono questo servizio ricreativo. Poi, escludere totalmente che qualcuno venga contaminato, credo sia impossibile, ma, scusa il gioco di parole, è stato fatto tutto il possibile che questo non avvenga. Poi dopo ognuno è libero di scegliere se andare a sciare o meno con il rischio di beccarsi il Covid in altri siti ;-)))) Auguroni per il tuo lavoro e a tutti quelli che si impegnano per il bene degli altri ;-)))))))))
Tato50 1 anno fa su tio
@@@ Artan Vishka In Italia invece fanno morire i Medici e altri che si occupano del problema perché non gli danno il necessario per proteggersi ;-((
Volpino. 1 anno fa su tio
@Jenny: il Mondo non ritornerebbe indietro di non so quanti anni per qualche mese di stallo, ma andando avanti come adesso l'etica e la morale si. Il fatto che cura dei pazienti relativamente stabili a domicilio nulla muta sul fatto che altri meno fortunati muoiono in ospedale anche per l'egoismo individuale di altri. Non è questione di terrorismo mediatico ecc., ma in una società secolarizzata con un pizzico di morale e etica non si può fare un massimo per un minimo di persone che vogliono fare quello che gli pare e piace, ma piuttosto un minimo di sforzo per un massimo di gente. Ognuno deve contribuire per un Mondo migliore con piccoli sacrifici. C'è comunque gente bisognosa che aspetta da mesi di fare operazioni di routine negli ospedali ma che deve aspettare. Gente che per colpa del Covid-19, anche se non l'ha contratto, non può subito essere operata.
ugo202230 1 anno fa su tio
Artan Vishka. Ma vada al quel paese (per non dire altro) io sono svizzero e non me ne strafotto di niente e di nessuno al pari si tantissimi nostri altri concittadini. Lei guardi a casa sua e si sciacqui la bocca prima da darle vento inutilmente, e cerchi di avere più rispetto. L’educazione non è a casa sua. E mi fermo qui.
jettero75 1 anno fa su tio
La Svizzera si sa organizzare, per questo non ha senso chiudere le piste, questo fatto dovrebbero prenderlo in considerazione.
seo56 1 anno fa su tio
Impedire lo sci? Certo é segno di rispetto e responsabilità.
Meck1970 1 anno fa su tio
Giusto tenere aperto gli impianti mantenendo le regole. Le altri nazioni continuano a far chiudere tutto. poi chi paga il personale, gli affitti e la manutenzione degli impianti?
Meck1970 1 anno fa su tio
Giusto tenere aperto mantenendo le regole. Le altre nazioni fanno chiudere tutto. Poi chi paga gli affitti e la manutenzione degli impianti?
Tato50 1 anno fa su tio
@@@@ Katy Miller Più chiara di così non potevi essere, a meno che a nostra insaputa siamo entrati questa notte nell'UE ;-))
Nmemo 1 anno fa su tio
@Tato50 @Tato50 - stavolta ti sei fatto prendere dalla foga ... Iscgl non ti ricorda qualcosa?
Nmemo 1 anno fa su tio
@Tato50 @Tato50 - stavolta ti sei fatto prendere dalla foga ... Ischgl non ti ricorda qualcosa?
chris76 1 anno fa su tio
io faccio fatica a capire tutto questo astio verso lo sci e chi va a sciare rispettando i protocolli di sicurezza. mi dite che differenza c'è tra l'andare a pranzo in un ristorante sulle piste o la sera in centro a Lugano? Mi dite quelle rischio di contagio supplementare esiste tra lo sciare all'aria aperta rispetto all'andare al mercato di Bellinzona di sabato mattina? che rischio di contagio ho nello stare in seggiovia 5 minuti con mascherina rispetto ad andare in bus? se si rispettano i protocolli e le norme di igiene non vedo proprio dove sta il rischio...? guardate che se si vuole prendere Ischgl come esempio li il problema è stato l'aprè-ski e non lo sciae di per se! vietato quello, controlliamo il rispetto delle regole igieniche e di distanziamento e godiamoci qualche bella giornata all'aria aperta!
Lore61 1 anno fa su tio
@chris76 ... La frustrazione porta a questo o a molto peggio...
Gus 1 anno fa su tio
Chi dice che fino ad ora non ci sono stati focolai sulle piste? Ciò non può essere provato, come non si può provare che ce ne siano stati. Quindi affermazioni insostenibili.
Volpino. 1 anno fa su tio
Con tutte le pecche che hanno Francia, Germania e Italia sanno almeno condurre e proteggere la loro gente mentre qui si scarica la patata bollente sulla responsabilità individuale per evitare fastidi economici, ovvero domandare soldi a Berna per le misure di contenimento. Possono passare tutto il loro tempo a fare speculazioni su profitti immaginari, zona rossa e arancione significa non poter recarsi all'estero. Inutile stare lì a sognare i soldoni simulando calcoli di profitti immaginari con la calcolatrice in mano. Ancora troppa gente percepisce la problematica del Covid-19 come una cosa astratta e lontana, non da ultimo grazie alle decisioni lassive del governo che alimentano questa percezione.
Duca72 1 anno fa su tio
Chiudere sarebbe intelligente ! Ma qui contano solo i soldi . Un sacrificio risparmierebbe tante vite. Svizzera vergogna.
Don Quijote 1 anno fa su tio
@Duca72 Questa menata chi si salvano più vite la ripetono solo i boccaloni con poca scolarizzazione! Siamo a fine anno e il numero complessivo di decessi è in linea con gli anni scorsi e nettamente inferiore alk'influenza del 2015. Dunque non vedo perché dovete ullulare ed indignarvi solo nel 2020!
Gnall 1 anno fa su tio
Es Reds,parole da imprenditore,anche se se un affermazione l avrei tralasciata😉
Capra 1 anno fa su tio
Con testa , si può fare tanto ..
Potrebbe interessarti anche

YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter

TikTok


Copyright © 1997-2022 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2022-01-18 05:59:04 | 91.208.130.85