Depositphotos (lisafx)
In Svizzera oltre 660'000 persone dai 63 anni in su che risiedono a domicilio hanno bisogno di almeno una prestazione di assistenza.
SVIZZERA
01.10.2020 - 08:200

Lo studio: oltre 660mila persone dai 63 anni in su necessitano di assistenza

I costi in tutto il Paese ammontano a una cifra fra i 4,2 e i 5,4 miliardi di franchi all'anno

BERNA - In Svizzera oltre 660'000 persone dai 63 anni in su che risiedono a domicilio hanno bisogno di almeno una prestazione di assistenza. È quanto emerge da uno studio realizzato da Pro Senectute e dalla Scuola universitaria professionale di scienze applicate di Zurigo (ZHAW).

Tale necessità, più che negli anziani con una disabilità fisica, è preponderante per quelli isolati, precisa Pro Senectute in un comunicato odierno. Nei singoli casi i costi per l'assistenza di queste persone sono bassi, ma sommandoli si ottiene il maggior fattore di spesa.

Stando alla ricerca, in totale i costi in tutto il Paese ammontano a una cifra fra i 4,2 e i 5,4 miliardi di franchi all'anno. Parenti, amici e vicini si occupano di gran parte dell'assistenza, ma, giunti a una certa età, gli anziani devono spesso ricorrere a prestazioni esterne a loro spese e non tutti hanno le risorse per farsene carico.

Secondo le conclusioni dello studio, sono tre le condizioni determinanti che permettono agli anziani di vivere il più a lungo possibile in un buono stato fra le proprie mura di casa. Si tratta di mezzi finanziari sufficienti, di un'offerta di assistenza adattata ai loro bisogni e di una cerchia di persone disponibili.

Pro Senectute chiede dunque che l'approccio all'assistenza a domicilio sia ripensato e che le prestazioni diventino abbordabili. Se ciò non accadesse, avverte l'associazione, le lacune già esistenti non faranno altro che accentuarsi a causa dei cambiamenti demografici e sociali.

Commenti
 
ATTENZIONE: a causa dell’elevato numero di commenti sui blog e alla difficoltà della redazione di monitorarli, abbiamo attivato un filtro automatico.
La libertà di espressione deve essere garantita da un comportamento civile e rispettoso di ciascun utente.
Chiunque scriverà offese o frasi irrispettose verrà automaticamente bannato con la conseguente cancellazione dell’account.
Maurizio Roggero 3 sett fa su fb
E poi si vuole alzare la pensione a 67?! 🤔
Potrebbe interessarti anche

YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter

TikTok


Copyright © 1997-2020 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2020-10-28 07:42:15 | 91.208.130.87