keystone
ULTIME NOTIZIE Svizzera
SVIZZERA
30 min
Un altro morto sulla neve
Una valanga fuori pista è costata la vita a uno sciatore a Gstaad. Salvi per un pelo due giovani
SVIZZERA
39 min
Maniere forti nei centri asilanti
Troppi episodi di violenza. La Commissione nazionale contro la tortura raccomanda una maggiore formazione
GRIGIONI
59 min
La variante sudafricana è sbarcata a St. Moritz, test a tappeto per tutti
Individuati una dozzina di casi in due hotel. Scuole chiuse a tempo indeterminato.
VALLESE
1 ora
Un 46enne è morto facendo fuoripista
L'uomo è caduto da una roccia situata nel comprensorio sciistico di Verbier.
SVIZZERA
1 ora
Con l'app in quarantena prima degli altri
Uno studio dell'Università di Zurigo ha confermato l'efficacia dell'app SwissCovid.
BERNA
1 ora
4'703 nuovi contagi e 121 decessi in Svizzera
I dati fanno riferimento (come ogni lunedì) alle ultime 72 ore.
GINEVRA
2 ore
Varianti, troppa confusione nei nomi. L'Oms vuole chiarezza
Gli esperti hanno già iniziato a discutere su un nuovo sistema di nomenclatura.
BERNA
3 ore
Vaccino: effetti collaterali gravi? Possibile un risarcimento
Lo ricorda in un opuscolo pubblicato oggi l'Ufficio federale della sanità pubblica.
BERNA
3 ore
Trapianti: malgrado il Covid nessun calo brusco nella donazione
Lo scorso anno sono 72 le persone decedute mentre erano in lista d'attesa per un organo compatibile.
VAUD
3 ore
Duplice omicidio a Les Verrières: annullata la condanna al giornalista
La vicenda è stata rinviata all'istanza precedente, che dovrà pronunciarsi sull'assoluzione del cronista giudiziario.
SVIZZERA
4 ore
È iniziata la prima scuola reclute del 2021
In tutto vi parteciperanno circa 12'000 reclute e 2'800 quadri. Alcuni però inizieranno l'apprendimento da casa.
SVIZZERA
6 ore
Annunci di lavoro: prima un drastico calo, poi un leggero recupero
Lo scorso anno l'offerta d'impieghi è scesa del 15%, nel secondo semestre c'è però stata una ripresa.
SVIZZERA
7 ore
Dopo le abbondanti nevicate arrivano i venti tempestosi
Le raffiche e le temperature in rialzo contribuiranno a spazzare parte della neve accumulatasi negli scorsi giorni.
BERNA
11.09.2020 - 14:330
Aggiornamento : 12.09.2020 - 08:39

Niente quarantena al rientro da una regione di confine

Per i Paesi limitrofi, il Consiglio federale ha deciso di adottare un approccio regionale.

Intanto Parigi e Costa Azzurra finiscono nell'elenco delle regioni a rischio.

BERNA - Dal 6 luglio 2020, chi rientra in Svizzera da uno Stato o una regione con rischio elevato di contagio deve mettersi in quarantena per dieci giorni.

Con questo provvedimento il Consiglio federale intende contenere per quanto possibile l’importazione e la propagazione del coronavirus in Svizzera.

Cambio di approccio - Per i Paesi limitrofi, il Consiglio federale adotta ora un approccio regionale: sull’elenco degli Stati e delle regioni con rischio elevato di contagio saranno inserite soltanto singole regioni, come è già prassi in diversi altri Paesi.

Deroghe per le regioni di confine - Le regioni di confine degli Stati limitrofi possono essere escluse dall’elenco. Con questo disciplinamento differenziato, il Consiglio federale tiene conto degli stretti scambi economici, sociali e culturali tra le zone di confine e reagisce al contempo al numero crescente di nuove infezioni in Svizzera e in diversi Paesi limitrofi, in particolare in Francia.

Dallo scorso mese di giugno il numero dei contagi è in costante aumento in Svizzera: alla fine di agosto sono stati registrate 1844 nuove infezioni la settimana, ossia 18 volte di più rispetto all’inizio di giugno quando i casi di contagio la settimana era stati 98.

In Francia, il numero aumenta in misura ancora più marcata e si situa in quasi tutte le regioni ben al di sopra del limite di 60 casi per 100 000 persone nell’arco di due settimane. Questo limite è stato superato anche in alcuni länder dell’Austria, come pure in diversi Cantoni svizzeri.

Con la regionalizzazione, le persone che rientrano da una regione a rischio sono obbligate a mettersi in quarantena, ma non se sono state in una zona di confine.

Nell’applicazione (si parte dal 14 di settembre), il Consiglio federale continua a fare affidamento sulla responsabilità individuale della popolazione, invitata ad astenersi per quanto possibile dal recarsi in regioni a rischio o ad andare in quarantena al rientro. Già oggi i frontalieri sono esentati dall’obbligo di quarantena.

I Cantoni si sono espressi prevalentemente in favore di questa procedura. Alcuni temono tuttavia che la nuova disposizione derogatoria per le regioni di confine comporti maggiori oneri e intacchi l’accettazione delle norme sulla quarantena.

Esenzioni dall’obbligo di quarantena - Sono inoltre esentati dall’obbligo di quarantena gli artisti e gli sportivi al rientro rispettivamente da una manifestazione o competizione all’estero e i partecipanti a congressi internazionali, a condizione che sia stato elaborato e attuato un piano di protezione specifico.

Neppure chi per motivi professionali o medici imprescindibili e inderogabili si è recato in una regione a rischio deve mettersi in quarantena, a condizione che il soggiorno non duri più di cinque giorni e che sia stato elaborato e attuato un piano di protezione.

Il Consiglio federale ha infine adeguato la base di calcolo della durata della quarantena nell’ordinanza COVID-19 provvedimenti nel settore del traffico internazionale viaggiatori. I Cantoni possono ora computare il soggiorno in un Paese senza rischio elevato di contagio prima del rientro e ridurre di conseguenza la durata della quarantena in Svizzera.

Test per il coronavirus: la Confederazione riduce le tariffe - Il Consiglio federale ha abbassato oggi il prezzo dei test per il Covid-19. Uno costa ora 82 invece di 95 franchi, mentre quello degli anticorpi 25 invece di 39 franchi.

Il governo si era già mosso in tal senso in maggio. Dalla fine di giugno la maggior parte delle persone in Svizzera non ha comunque dovuto pagare il test in prima persona. Il ministro della sanità Alain Berset aveva infatti annunciato che sarebbe stato l'Esecutivo a pagarli.

Berna si farà carico comunque solo quelli indicati dal punto di vista medico, nel senso che un dottore deve giudicare l'esame necessario. I datori di lavoro che testano per garantire la sicurezza dei propri dipendenti devono invece pagare di tasca propria.

Parigi e Costa Azzurra tra le regioni a rischio

Parigi e la Costa Azzurra sono state inserite nell'elenco delle regioni a rischio. Lo ha comunicato oggi l'Ufficio federale della sanità pubblica (UFSP).

L'UFSP ha aggiunto nove regioni francesi nell'elenco. Da lunedì, i viaggiatori che rientrano in Svizzera da queste zone dovranno osservare un periodo di quarantena di dieci giorni.

Le 9 regioni francesi: 

Regione Alta Francia
Regione Centro-Valle della Loira
Regione Corsica
Regione Isola di Francia
Regione Normandia
Regione Nuova Aquitania
Regione Occitania
Regione Paesi della Loira
Regione Provenza-Alpi-Costa Azzurra

Potrebbe interessarti anche

YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter

TikTok


Copyright © 1997-2021 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2021-01-18 15:26:37 | 91.208.130.87