SVIZZERATagli in casa Ringier

11.08.20 - 11:08
Si tratta di 35 posti di lavoro che saltano a causa del calo degli introiti pubblicitari
Archivio Keystone
Fonte ATS
Tagli in casa Ringier
Si tratta di 35 posti di lavoro che saltano a causa del calo degli introiti pubblicitari

ZURIGO - La casa editrice Ringier Axel Springer Svizzera taglierà 35 posti di lavoro nelle sue riviste in lingua tedesca a causa del calo degli introiti pubblicitari. È stata avviata una procedura di consultazione con i dipendenti interessati.

Ringier ha annunciato oggi la cessazione della rivista Style, l'esternalizzazione di Bolero e «maggiori sinergie» all'interno di Schweizer Illustrierte e SI online.

Le redazioni di Schweizer Illustrierte e SI online saranno ridotte e raggruppate. «La stretta collaborazione tra stampa e digitale dovrebbe consentire al marchio tradizionale di ottenere risultati positivi nell'attuale contesto di mercato, pur continuando a offrire ai suoi lettori un giornalismo di alta qualità», afferma un comunicato odierno.

La rivista di moda Style, particolarmente dipendente dal mercato pubblicitario, ha subito un'ulteriore battuta d'arresto a causa del coronavirus. I ricavi pubblicitari si erano già dimezzati negli ultimi quattro anni ed è quindi stato deciso di cessare la pubblicazione e sciogliere la redazione per evitare perdite. L'ultima edizione cartacea di Style è prevista per il 20 agosto.

La decisione si ripercuote anche sulla rivista Bolero, attualmente supervisionata dalla stessa redazione. La produzione infatti non sarà più possibile all'interno dell'azienda e verrà esternalizzata, ha precisato il CEO Alexander Theobald, citato nella nota. Sabina Hanselmann-Diethelm, l'attuale caporedattrice che gestiva i due titoli, lascerà di conseguenza Ringier Axel Springer Svizzera.

Per i 35 dipendenti interessati da queste misure «deve essere attuato un piano sociale, con misure che vanno al di là dei requisiti di legge». La procedura di consultazione è stata aperta oggi e il personale ha tempo fino al 21 agosto per presentare proposte alternative.

NOTIZIE PIÙ LETTE