Archivio Keystone
ULTIME NOTIZIE Svizzera
SVIZZERA
21.06.2020 - 10:430
Aggiornamento : 11:38

Oltre 8'000 persone in assistenza a causa della crisi

La situazione non sarebbe destinata a migliorare: uno scenario prevede un ulteriore aumento di 75'000 beneficiari

BERNA - Dallo scoppio della crisi legata alla pandemia di coronavirus, in Svizzera circa 8'300 persone sono finite a carico dell'assistenza sociale. Tra di esse anche quei lavoratori indipendenti che prima della pandemia si tenevano a malapena a galla, come pure molti dipendenti costretti a ricorrere al lavoro ridotto.

Christoph Eymann, presidente della Conferenza svizzera delle istituzioni dell'azione sociale (COSAS), in un'intervista pubblicata dalla NZZ am Sonntag rileva che la COSAS prevedeva che la crisi legata al Covid-19 non si sarebbe manifestata a livello di assistenza sociale nelle prime settimane e nei primi mesi, bensì con un certo ritardo.

Ora, però, si è notato che il numero dei beneficiari dell'assistenza sociale è già leggermente aumentato tra l'inizio di marzo e la fine di maggio. In cifre assolute, il numero dei destinatari dell'aiuto sociale è cresciuto di circa 8'300 unità.

Molti casi riguardano lavoratori indipendenti che già prima della crisi navigavano in cattive acque e i cui servizi ora non sono più richiesti. Un esempio tra tanti è quello dei tassisti. Vi sono poi numerosi dipendenti che a causa del lavoro ridotto si ritrovano con un salario che non basta più a coprire il minimo vitale e sono costretti a ricorrere all'assistenza sociale.

Il futuro - La COSAS non si aspetta che la situazione migliori rapidamente. Sono stati elaborati tre diversi scenari per i prossimi due anni: quello di mezzo, secondo Eymann, ipotizza un aumento di circa 75'000 beneficiari dell'assistenza sociale entro la fine del 2022.

Quest'evoluzione rischia di farsi notare soprattutto nei comuni in cui vivono già numerose persone a carico degli aiuti sociali: in questi casi non è escluso che si debba procedere a un aumento del moltiplicatore d'imposta. «Per alleggerire il carico sui comuni bisognerà procedere a una perequazione all'interno dei singoli cantoni», per evitare che alcune località si trovino in gravi difficoltà finanziarie, precisa Eymann.

Comuni e cantoni si troveranno a dover sostenere spese supplementari anche perché la Confederazione non finanzia più l'assistenza sociale per molti rifugiati e persone ammesse temporaneamente. «Stimiamo che questo gruppo di persone costituirà poco più di un quarto di tutti coloro che cominceranno a ricevere assistenza sociale nel 2022», aggiunge Eymann.

Se gli scenari della COSAS dovessero avverarsi, sarebbe necessario un pacchetto di aiuti a livello nazionale. In questo caso si potrebbe chiedere alla Confederazione di sostenere cantoni e comuni pagando per altri due anni l'assistenza sociale nel settore dell'asilo, ipotizza Eymann.

Per il presidente della COSAS, la situazione dei sans-papiers che non hanno diritto all'assistenza sociale è del tutto insoddisfacente. «Molti di loro lavorano in condizioni inaccettabili. Ecco perché è giunto il momento di trovare una soluzione». Non è ancora chiaro come, ma «penso che i sans-papiers abbiano bisogno di un ulteriore sostegno statale, almeno durante la crisi legata al coronavirus», conclude.

Potrebbe interessarti anche

YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter

TikTok


Copyright © 1997-2020 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2020-12-01 04:38:54 | 91.208.130.85