Depositphotos (archivio)
ULTIME NOTIZIE Svizzera
LUCERNA
1 ora
Due persone annegate in un solo pomeriggio
Un 59enne è morto nel Lago dei Quattro Cantoni. L'altra vittima aveva solo 18 anni, scomparso al lido di Baldegg
SVIZZERA
2 ore
Hotel svendesi, causa Covid-19: «Fra i più colpiti Vallese e Ticino»
Sono decine gli hotel svizzeri in vendita e nei prossimi mesi saranno ancora di più, lo sostengono gli esperti
OBVALDO
4 ore
Perde l'equilibrio e precipita per 350 metri
La vittima è una 69enne, il cui corpo è stato recuperato da un elicottero
SVIZZERA
4 ore
"Previdenza sì - ma equa", la raccolta firme si ferma
L'iniziativa proponeva che l'età di pensionamento fosse la stessa per uomini e donne
LIBANO / SVIZZERA
5 ore
Beirut, da Berna 4 milioni di franchi
L'annuncio del Dipartimento federale degli affari esteri. I mezzi saranno destinati a sanità e rifugi d'emergenza
VAUD
7 ore
Bex, ritrovata senza vita nei pressi di un rifugio
La vittima è una 30enne ungherese, residente a Ginevra. Gli inquirenti ipotizzano un incidente di montagna
BERNA
7 ore
Luogo del contagio "ignoto": «Il tracciamento dei contatti rimane poco efficiente»
Alle catene di trasmissione mancano anelli. Un membro della Task force Covid punta il dito contro i Cantoni.
SVIZZERA
8 ore
Coronavirus: per il presidente del CS servono ulteriori aiuti alle aziende
Quelli proposti finora «sono prestiti, non regali», lamenta Rohner. In mente, però, non ha un programma congiunturale.
ZURIGO
10 ore
Il bagno notturno nella Glatt finisce in tragedia
Un 48enne è deceduto dopo aver tentato di soccorrere un amico sorpreso dalle correnti
SVIZZERA
24.05.2020 - 08:360

Protezione dati ed equivalenza: l'Ue deciderà a breve

Il verdetto sul riconoscimento è previsto il 3 giugno. L'Ufficio federale di giustizia è ottimista

BERNA / BRUXELLES - Non dovrebbe tardare la decisione dell'Unione europea sul riconoscimento dell'equivalenza del diritto svizzero in materia di protezione dei dati. Stando all'ordine del giorno provvisorio, Bruxelles si esprimerà sulla questione il 3 giugno. In caso di responso negativo, gli inconvenienti per le aziende elvetiche sarebbero molteplici e il danno finanziario da quantificare, ma Berna è ottimista.

Il termine equivalenza riporta con la mente alla scorsa estate, quando la Commissione europea rifiutò di prolungare quella riconosciuta alla borsa svizzera, a causa della mancanza di progressi sul fronte dell'accordo quadro. L'Ue aveva in quella circostanza fatto leva su una valutazione tecnica per esercitare pressioni politiche.

Ora si attende di nuovo un verdetto da Bruxelles, questa volta sulla protezione dei dati. Sebbene, sul fronte elvetico, la revisione totale della legge in materia non sia stata ancora terminata, Berna si aspetta che l'Ue la riconosca come equivalente alla sua regolamentazione.

I lavori parlamentari «sono a buon punto e saranno ultimati a breve», fa sapere l'Ufficio federale di giustizia (UFG) all'agenzia Keystone-ATS. È previsto che ciò accada durante la sessione estiva delle Camere federali, in giugno. Si sta in effetti delineando un compromesso in grado di mettere d'accordo i due rami del parlamento sul tema del "profiling" degli utenti, ovvero il trattamento automatizzato di informazioni private e del loro uso per valutare alcuni aspetti personali.

Da Berna si presume che l'Ue stia tenendo d'occhio gli sviluppi. L'UFG è convinto che la revisione di legge garantirà un livello di protezione dei dati in linea con gli standard europei. L'Ufficio federale respinge l'idea di un collegamento con l'accordo istituzionale, come accaduto invece per l'equivalenza borsistica. «Attualmente non vi è alcun segnale che criteri politici entreranno in linea di conto».

L'ipotetico danno finanziario per le aziende svizzere - nel caso in cui a sorpresa la Confederazione dovesse perdere l'equivalenza - è estremamente difficile, se non impossibile, da quantificare. Vi sarebbe però senz'altro «un notevole onere amministrativo supplementare», scrive l'UFG. Senza dimenticare che potrebbero insorgere «svantaggi competitivi». Sarebbe infatti necessario fornire adeguate garanzie, sotto forma di clausole, per trasferire dati personali in Svizzera.

Ciò varrebbe ad esempio per un'azienda farmaceutica dell'Ue che desidera sviluppare un medicamento, se questa dovesse trasmettere informazioni sanitarie a scienziati nella Confederazione. Ma anche le piccole e medie imprese (PMI) elvetiche si vedrebbero praticamente costrette ad accettare clausole standard elaborate dai servizi giuridici delle grandi società europee.

Inoltre, la Svizzera sta diventando sempre più un importante centro per la raccolta dati nel Vecchio Continente, grazie alla sua reputazione di Paese sicuro e stabile, con investimenti per centinaia di milioni all'anno. Solo l'Irlanda ne è dotata in percentuale maggiore rispetto alla sua popolazione. Inutile dire che una mancata equivalenza sarebbe deleteria per il mercato dei servizi digitali.

Commenti
 
ATTENZIONE: a causa dell’elevato numero di commenti sui blog e alla difficoltà della redazione di monitorarli, abbiamo attivato un filtro automatico.
La libertà di espressione deve essere garantita da un comportamento civile e rispettoso di ciascun utente.
Chiunque scriverà offese o frasi irrispettose verrà automaticamente bannato con la conseguente cancellazione dell’account.
Potrebbe interessarti anche

YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter


Copyright © 1997-2020 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2020-08-09 22:46:22 | 91.208.130.85