Keystone - foto d'archivio
SVIZZERA
07.05.2020 - 14:380

Agenti con il taser in mano molto più spesso

Parallelo è l'incremento di infrazioni violente e di minacce a funzionari, fanno sapere le autorità

BERNA - Nel 2019 i poliziotti svizzeri hanno usato molto più spesso il taser che in passato. Gli agenti hanno fatto ricorso al dissuasore elettrico in 73 casi, contro i 45 dell'anno precedente. Le armi da fuoco sono invece state utilizzate 15 volte (+3).

Il taser, pistola che con una scarica elettrica paralizza i movimenti, in due casi su tre è stato impiegato per immobilizzare soggetti ubriachi o sotto l'effetto di stupefacenti, indica oggi in una nota la Conferenza dei comandanti delle polizie cantonali (CCPCS). Nel 45% delle situazioni si trattava di persone armate.

La CCPCS motiva il sensibile incremento con il parallelo aumento delle cifre relative a infrazioni violente, così come di quelle inerenti a minacce nei confronti dei funzionari. Pertanto, l'uso del taser, assicura il suo presidente Stefan Blättler, «non è sconsiderato, bensì legato al principio della proporzionalità come tutti gli strumenti coercitivi». Questo storditore è inoltre sempre più diffuso nel corpo di polizia.

Per quel che concerne le armi da fuoco, vi è sì stata una crescita dei casi repertoriati, ma il totale è rimasto all'interno della media pluriennale. Parecchie volte sono state usate per prevenire potenziali pericoli portati da animali in prossimità delle strade oppure contro veicoli.

Potrebbe interessarti anche

YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter

TikTok


Copyright © 1997-2021 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2021-06-18 16:42:32 | 91.208.130.89