Keystone (archivio)
ULTIME NOTIZIE Svizzera
GRIGIONI
1 ora
La Posta “perde” un Rolex da 8.000 franchi
Un appassionato ha acquistato l'orologio tramite Ricardo. Ma non l'ha mai ricevuto.
FOTO
SCIAFFUSA
2 ore
Con la gru “irrompe” negli uffici della polizia
Un curioso incidente si è verificato a Sciaffusa. Non si registrano fortunatamente feriti
SPAGNA / SVIZZERA
3 ore
In vacanza col morto: «L'ho amato moltissimo»
Si chiariscono alcuni retroscena del singolare viaggio interrotto la scorsa settimana dalla polizia catalana.
SVIZZERA
3 ore
«Se l'UDC vuole essere coerente, dovrebbe lasciare il Consiglio federale»
La presidente del PLR Petra Gössi risponde all'attacco di Marco Chiesa
SVIZZERA
5 ore
Keller-Sutter a favore della Legge sul terrorismo
La consigliera federale si espressa stasera nel corso dell'assemblea straordinaria dei delegati PLR
SVIZZERA
7 ore
Oltre 59'000 firme contro il "matrimonio per tutti"
Si tratta del referendum contro il testo approvato lo scorso dicembre dalle Camere federali
SVIZZERA
8 ore
«Riaprite le terrazze dei ristoranti»
È quanto chiede l'Unione delle città svizzere in una lettera al Governo federale
BERNA
10 ore
Covid, altri 5'583 contagi in Svizzera
Sono invece 146 le ulteriori ospedalizzazioni registrate nelle ultime 72 ore.
URI
10 ore
Esplosioni dei contagi, Uri corre ai ripari
Il Cantone della Svizzera centrale ha introdotto nuove misure per fermare l'avanzata della pandemia.
SVIZZERA
10 ore
Nessun focolaio a Moutier
I festeggiamenti pro-Giura non hanno portato a un aumento eccessivo del numero dei casi di Covid-19.
SVIZZERA / FRANCIA
10 ore
Una fiumana di taxi francesi blocca le dogane ginevrine
I conducenti protestano contro i controlli delle loro autorizzazioni di lavoro sul territorio elvetico.
SVIZZERA
11 ore
Legge Covid-19: «Un no metterebbe in pericolo gli aiuti»
Il Consiglio federale invita il popolo a bocciare il referendum in votazione il prossimo 13 giugno.
SVIZZERA
12 ore
Gas serra: obiettivo mancato
L'Ufficio federale dell'ambiente si lamenta con l'Onu. Emissioni oltre le previsioni
GRIGIONI
16.04.2020 - 10:310
Aggiornamento : 10:54

Sessanta milioni per gli ospedali grigionesi

La crisi innescata dall'epidemia di coronavirus ha allontanato i pazienti non urgenti dai luoghi di cura.

Il Cantone ha deciso di sostenere i nosocomi confrontati con un crollo delle prestazioni per garantire le cure mediche a lungo termine.

COIRA - I Grigioni sostengono finanziariamente gli ospedali, confrontati con un crollo delle prestazioni in seguito alla decisione del Consiglio federale, nel contesto della crisi del coronavirus, di ammettere solo trattamenti urgenti. Il Governo cantonale ha emanato un'ordinanza di necessità che comporterà un onere massimo supplementare per lo Stato e per i Comuni di rispettivamente 59 e 5,5 milioni di franchi.

Il 21 marzo il Consiglio federale ha deciso che in particolare negli ospedali e nelle cliniche possono ancora essere effettuati soltanto esami, trattamenti e interventi medici urgenti. Questa decisione ha importanti conseguenze per gli ospedali grigionesi (e svizzeri in generale), sia per quelli di medicina somatica acuta, sia per quelli psichiatrici e per le cliniche di riabilitazione: il numero di casi è crollato e con esso sono sensibilmente calati i guadagni. Già si delineano i primi problemi di liquidità, indica una nota della Cancelleria dello Stato pubblicata con la nuova ordinanza.

Garantire le cure a lungo termine - Il sostegno finanziario degli ospedali è volto a garantire l'assistenza medica alla popolazione nella situazione attuale, ma anche a lungo termine, sottolinea il comunicato.

L'esecutivo retico agisce a due livelli: da un lato concede sussidi per coprire le spese assunte dai nosocomi specificatamente per far fronte alla pandemia Covid-19. Dall'altro il Cantone coprirà le importanti perdite di guadagno risultanti dalle assicurazioni sociali (come quelle determinate dalla Legge federale sull'assicurazione malattie/LAMal) degli ospedali nel settore stazionario e in quello ambulatoriale.

Spese specifiche per il virus - Gli sforzi per far fronte al coronavirus sono stati e sono considerevoli, ritiene il Governo. Tra questi rientra ad esempio l'acquisto di materiale (mascherine, guanti e abbigliamento di protezione), ma anche la riorganizzazione di processi che comportano un onere supplementare considerevole.

Il Cantone e i Comuni si faranno carico di questi costi supplementari se non saranno coperti in altro modo. Le spese vengono rimborsate alle istituzioni nel quadro di sussidi per prestazioni economicamente di interesse generale. In conformità alla chiave di ripartizione usuale in questi casi, i Comuni della loro regione ospedaliera si assumono il 10% dei sussidi.

Rimborsi delle perdite di guadagno - Senza un intervento del Cantone, «difficilmente» le perdite di guadagno dei nosocomi potrebbero essere coperte, constata il Governo, che teme difficoltà finanziarie «già a breve termine». Se così fosse, l'assistenza sanitaria della popolazione, anche più tardi, sarebbe «gravemente a rischio».

Il finanziamento dei trattamenti ambulatoriali - tra quelli ora assunti dal Cantone se risultanti dalle assicurazioni sociali - compete in linea di principio agli assicuratori malattia, i quali partecipano anche ai costi degli interventi stazionari, ricorda il Governo.

Coira chiama Berna e assicuratori malattia - L'esecutivo retico auspica che l'assunzione delle perdite di guadagno diventi un tema affrontato a livello federale almeno per quanto riguarda il settore ambulatoriale e che, insieme agli assicuratori malattia, venga trovata una soluzione per la partecipazione di questi ultimi.

Il Governo si attende in ogni caso una riduzione dei premi di cassa malati per il 2021 visti i risparmi su cui gli assicuratori malattia possono ora contare.

Durante l'anno in corso il Cantone effettuerà pagamenti provvisori agli ospedali ogni due mesi. La determinazione definitiva dell'impegno finanziario degli enti pubblici sarà probabilmente possibile soltanto verso la fine del 2021.

Commissione gestione deve avallare - Il Cantone si fa carico delle perdite di guadagno degli ospedali nella misura del 90% per quanto riguarda gli ospedali di medicina somatica acuta e nella misura del 100% per quanto riguarda gli ospedali psichiatrici pubblici nonché gli ospedali privati ed extracantonali, indica l'ordinanza di necessità.

Complessivamente il Governo prevede un aggravio finanziario supplementare netto pari al massimo a 59 milioni di franchi a carico del Cantone e di 5,5 milioni di franchi a carico dei Comuni. Il Governo ha chiesto alla Commissione della gestione del Gran Consiglio la concessione dei corrispondenti crediti suppletivi.

Commenti
 
ATTENZIONE: a causa dell’elevato numero di commenti sui blog e alla difficoltà della redazione di monitorarli, abbiamo attivato un filtro automatico.
La libertà di espressione deve essere garantita da un comportamento civile e rispettoso di ciascun utente.
Chiunque scriverà offese o frasi irrispettose verrà automaticamente bannato con la conseguente cancellazione dell’account.
Mag 12 mesi fa su tio
L'OMS qualche anno fa ha ridefinito la parola "Pandemia". Secondo la definizione precedente, questa del Covid non sarebbe una Pandemia. Secondo la nuova definizione (molto piu' recente ma molto meno confacente al VERO significato originale della parola) il Covid è una pandemia. Se questo non vi fa accendere nessuna "lampadina", vuol dire che, non solo siamo pecore, ma anche che lo rimarremo per sempre.
Hubelius 12 mesi fa su tio
@Mag Basta guardare le facce degli esponenti di spicco dell'OMS durante le interviste per capire che dicono palle su palle
Potrebbe interessarti anche

YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter

TikTok


Copyright © 1997-2021 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2021-04-13 01:17:35 | 91.208.130.86