Keystone
BERNA
16.04.2020 - 09:170

Il più grande rimpatrio di tutti i tempi: più di 5000 svizzeri riportati a casa

Bloccati in altre nazioni per colpa del Covid-19. I viaggiatori dovranno farsi carico di parte dei costi

BERNA - Finora sono circa 5100 gli svizzeri rimpatriati a bordo di voli speciali dopo essere rimasti bloccati all'estero a causa del coronavirus. Di questi, precisa il Dipartimento federale degli affari esteri (DFAE) sul suo sito, 3700 hanno viaggiato su aerei organizzati dalla Confederazione, mentre per i restanti 1400 il rientro è stato orchestrato da un altro Paese.

L'operazione di recupero è partita nel mese di marzo. Da allora sono atterrati in Svizzera 30 voli, sui quali c'erano anche 2600 passeggeri di altre nazionalità. Gli aerei provenivano in otto casi ciascuno da Africa, Asia e America Latina, in quattro dall'Europa e in due dall'Oceania.

La frequenza dei voli sta diminuendo, scrive il DFAE, ma ci sono ancora diverse centinaia di connazionali che vogliono essere rimpatriati. I cittadini che desiderano restare all'estero o per i quali al momento non è possibile allestire un volo di rientro sono assistiti dalle rappresentanze elvetiche sul posto.

Il prossimo aereo è atteso oggi a Zurigo, proveniente da Ucraina e Montenegro. Domenica sarà la volta di un velivolo in arrivo da Quito, capitale dell'Ecuador, con scalo a Buenos Aires (Argentina). Il 26 aprile toccherà invece a un volo partito dall'India.

I charter sono finanziati in anticipo da Berna. Tuttavia, come già reso noto, i viaggiatori dovranno farsi carico di parte dei costi, spendendo all'incirca come per un normale biglietto aereo.

Potrebbe interessarti anche

YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter


Copyright © 1997-2020 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2020-08-15 01:40:49 | 91.208.130.86