Immobili
Veicoli

SVIZZERASwiss rinuncia al cioccolato Läderach

30.01.20 - 11:36
La compagnia aerea termina la collaborazione per la posizione del produttore glaronese su aborto e omosessualità
Archivio Keystone
Swiss rinuncia al cioccolato Läderach
La compagnia aerea termina la collaborazione per la posizione del produttore glaronese su aborto e omosessualità

ZURIGO - Il cioccolato Läderach non volerà più con Swiss. La compagnia aerea elvetica, filiale di Lufthansa, ha infatti deciso di rinunciare alla collaborazione con l’azienda glaronese. Una decisione che risale allo scorso autunno, ma a bordo i prodotti Läderach saranno ancora disponibili fino al prossimo aprile, come scrive il periodico Beobachter.

Come mai la collaborazione è stata interrotta? Swiss non avrebbe apprezzato le notizie relative alla posizione dei proprietari di Läderach sull’aborto e l’omosessualità. Si parla del loro impegno a favore di associazioni che militano contro l'aborto e il matrimonio fra persone omosessuali. Il presidente del consiglio d'amministrazione era inoltre coinvolto nell'organizzazione della marcia per la vita che si è svolta lo scorso settembre a Zurigo.

Swiss, interpellata dal periodico d’oltre San Gottardo, si limita a spiegare «che fondamentalmente la scelta di un fornitore avviene in base alla qualità, a diversi aspetti economici e alla posizione del marchio». La portavoce conferma, comunque, che a causa delle notizie relative a Läderach pubblicate dai media, Swiss ha ricevuto delle segnalazioni da parte di clienti e collaboratori.

La collaborazione di Swiss con Läderach durava da un decennio. Le scatole di praliné dell’azienda glaronese venivano offerti quale omaggio a determinati passeggeri, ma anche come prodotto acquistabile a bordo.

COMMENTI
 
Zarco 2 anni fa su tio
Mah, io probabilmente non sono ancora così aperto ....
MIM 2 anni fa su tio
Li compreranno all'estero. Bella scusa.
Mattiatr 2 anni fa su tio
Mi sono informato sulla marcia per la vita. Alla fine non è nulla di che, tutto sommato l'aborto rimane ancora un taboo, per alcuni È un diritto, per alcuni è un omicidio. Sinceramente il tema non mi ha mai toccato personalmente, quindi non posso avere un'opinione realistica, quindi al momento me ne frego. Rimane il fatto che il cioccolataio non ha detto nulla di estremo o immorale, non ha detto nulla di omofobo o razzista. Ne consegue che l'azione di Swiss è ingiustificata, ha fatto una scelta sbagliata perché non voleva essere coinvolta in casi che non rispecchiano il pensiero collettivo di ''politicamente corretto''. Questo sciori è un problema nostro, e anche grave, siamo intolleranti, frustrati e sempre contro tutti, siamo divenuti degli estremisti. Guardate le conversazioni, bianchi vs neri, comunisti vs fascisti, buonisti vs cattivisti, ... Il brutto è che sarà sempre peggio.
andrea28 2 anni fa su tio
Ecco, ora qualche Stato che non vede di buon occhio (sbagliando, meglio scriverlo se no apriti cielo) gli omosessuali potrebbe decidere di chiudere i suoi aeroporti a Swiss?... Chi occupa posizioni di rilievo dovrebbe esprimersi liberamente ma non dietro il marchio che rappresenta.
marcopolo13 2 anni fa su tio
Grandi!
sedelin 2 anni fa su tio
ambedue liberi di fare le proprie scelte.
Orso 2 anni fa su tio
Esatto e quindi swiss che ha un sacco di clienti omosessuali preferisce non dare i cioccolatini fatti da un omofobo:) come dici tu libertà da tutte le parti.
lalumpi 2 anni fa su tio
Dopo un decennio è giusto lasciar spazio anche ad altri...
Mao75 2 anni fa su tio
messagio precedente x curzio
Mao75 2 anni fa su tio
Concordo pienamente. Swiss é libera di decidere autonomamente da chi rifornirsi ma non credo che i fan del cioccolato faranno un sit-in con i cartelloni davanti ai gate dell'aeroporto.... anche perché dopo 2 minuti li fanno sloggiare. Avere davanti alle vetrine ed alla porta della propria attività commerciale (di vendita al dettaglio) una situazione analoga credo invece che abbia una ripercussione differente. Tutto qui. Se poi il sig. Läderach ha espresso il suo pensiero in maniera maleducata ed irrispettosa, ben venga la pubblica gogna, fermo restando che le sue idee, fino a prova contraria, hanno la stessa valenza e dignità delle mie.
Mao75 2 anni fa su tio
Che distratto che sono: ero convinto che nel 2020 fosse ancora possibile avere una opinione personale sui fatti della vita.... ma che fosse stato proibito esternarla mi era sfuggito.
curzio 2 anni fa su tio
Nessuno ha proibito di esternare l'opinione. Läderach ha il diritto di esprimere la propria opinione. Esattamente come Swiss ha il diritto di scegliere liberamente i propri fornitori.
Orso 2 anni fa su tio
Esatto. Pienamente d’accordo con te:) io sono gay e non mangio i cioccolatini fatto da un omofobo. Quindi swiss mi coccola come cliente e pensa anche a me dandomi dei cioccolatini fatti da un altro:)
patrick28 2 anni fa su tio
Brava Swiss ! Coraggiosi
Verena 2 anni fa su tio
Meglio cosi. Vedo che non portano neanche i guanti lavorando con il cioccolato !!!
NOTIZIE PIÙ LETTE