Immobili
Veicoli
Deposit
ZURIGO
28.11.2019 - 13:160

Sfilarsi il profilattico non è stupro: il giudice lo assolve

Il caso di "stealthing" di un 21enne denunciato da una ragazza che aveva incontrato via Tinder

di Redazione
Ats

ZURIGO  - Il Tribunale d'appello di Zurigo si è occupato per la prima di un caso di "stealthing", la rimozione del preservativo durante l'atto sessuale senza il consenso della o del partner. La Corte ha assolto uno studente 21enne ritenendo che la pratica sia moralmente riprovevole ma non sussista una base giuridica che la vieti.

Il giovane è stato denunciato da una 20enne. Conosciutisi attraverso Tinder, un'app per incontri, dopo un massaggio e un po' di alcool i due hanno fatto sesso «in tutto l'appartamento», come ha indicato l'imputato in aula.

Secondo l'accusa, durante l'atto egli avrebbe tolto il profilattico senza avvertire la ragazza. Nelle settimane successive, quest'ultima afferma di aver vissuto con il timore di essere stata contagiata dall'Hiv.

Il ministero pubblico aveva chiesto una pena di 14 mesi di detenzione sospesi. La donna, ha spiegato, aveva detto chiaramente di volere un rapporto solo con il preservativo.

Secondo la difesa non si è però trattato di una violenza sessuale, ma di un «incidente dovuto alla mancanza di comunicazione». A suo dire, il ragazzo era convinto che lei sapesse.

Anche il tribunale di prima istanza aveva creduto alle dichiarazioni della ragazza, ma aveva assolto il 21enne per mancanza di base giuridica.

Potrebbe interessarti anche

YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter

TikTok


Copyright © 1997-2022 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2022-05-28 00:08:52 | 91.208.130.89