KEYSTONE/KPINL KPAPA KPPA (LAURENT GILLIERON)
Il falò acceso in piazza della Riponne, a Losanna.
+ 31
ULTIME NOTIZIE Svizzera
SVIZZERA
14.06.2019 - 07:190
Aggiornamento : 14:56

Lo sciopero delle donne è già iniziato

Le prime azioni sono andate in scena già nella notte a Losanna e Basilea. È attesa una grande mobilitazione a livello nazionale

BERNA - Lo sciopero nazionale delle donne è già iniziato durante la notte. Molte altre azioni sono previste nel corso della giornata in tutta la Svizzera.

A Losanna, dove sono scese in strada circa 500 persone, il celebre guardiano della cattedrale che annuncia l'ora agli abitanti è stato sostituito da diverse "guardiane". In più di 600 anni di storia, è stata la prima volta che a scandire le ore dalla cima del campanile sono state delle donne. Queste si sono alternate a partire dalle 23.00 alle 2.00 del mattino. In piazza della Riponne è poi stato acceso un falò, dove le presenti hanno bruciato oggetti simbolici.

A Basilea il logo dello sciopero è stato proiettato sulla torre Roche, più alto grattacielo della Svizzera, ha indicato il sindacato Unia.

Lo sciopero si preannuncia "diversificato e globale" poiché si svolgerà sul luogo di lavoro, in casa, nella formazione e nel consumo in generale. «Sarà adattato alle possibilità di ciascuna: fermarsi un momento o per tutto, far disordine invece di riordinare, occupare lo spazio pubblico di giorno e di notte», si legge nell'appello allo sciopero.

Prevista una grande partecipazione - La mobilitazione è destinata ad essere decentralizzata poiché l'organizzazione è garantita da una ventina di collettivi regionali, ai quali si aggiungono gruppi concentrati su temi specifici. Anche i sindacati saranno al lavoro tutto il giorno.

Tutte le donne della Svizzera sono invitate a smettere di lavorare alle 15.24, quando - secondo le statistiche sul divario salariale tra donne uomini - avranno terminato il tempo di lavoro retribuito su una giornata di 8 ore per cominciare a lavorare gratis.

Le manifestazioni principali si svolgeranno a fine giornata nelle maggiori città. Sul loro sito internet, le organizzatrici affermano di aspettarsi una mobilitazione «su larga scala».

Una data simbolica - Le origini del movimento sono molteplici: vanno dalla persistenza delle violenze di genere, al mantenimento delle discriminazioni salariali, dal mancato riconoscimento del lavoro domestico, agli ostacoli alla libera disposizione del proprio corpo e al dominio del modello patriarcale. «Vogliamo una società fondata sulla parità nei fatti e vogliamo decidere noi stesse della nostra vita», sottolinea l'appello allo sciopero adottato il 10 marzo scorso dall'assemblea nazionale a Bienne.

La data del 14 giugno non è stata scelta a caso. Si riferisce alla votazione federale del 14 giugno 1981 che ha accolto l'articolo costituzionale sulla parità tra donne e uomini. Dieci anni dopo, il 14 giugno 1991, le donne svizzere hanno già scioperato coinvolgendo 500'000 persone in tutta la Svizzera.

«Poiché ancora non veniamo ascoltate faremo sentire le nostre rivendicazioni», affermano le organizzatrici questo nuovo sciopero in un manifesto.

KEYSTONE/KPINL KPAPA KPPA (LAURENT GILLIERON)
Guarda tutte le 34 immagini
Potrebbe interessarti anche
Copyright © 1997-2019 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2019-11-12 20:47:15 | 91.208.130.89