Immobili
Veicoli

BERNAPolitici sul piede di guerra contro il 5G

12.04.19 - 06:11
Esponenti di PS e Verdi chiedono tempo per valutare possibili pericoli. Burkart (PLR): «Rifiutano ciò che non conoscono»
Keystone
Politici sul piede di guerra contro il 5G
Esponenti di PS e Verdi chiedono tempo per valutare possibili pericoli. Burkart (PLR): «Rifiutano ciò che non conoscono»

BERNA - Mentre gli operatori di telefonia mobile premono sul pedale dell’acceleratore, la politica tenta di frenare il 5G. Il canton Ginevra ha per il momento proibito l’installazione di antenne: il Gran Consiglio chiede di consultare nuovi studi sui possibili danni alla salute. Anche nel canton Vaud il Consiglio di Stato valuta una battuta d’arresto.

L’opposizione inizia a crescere anche in altre regioni. Nel canton Berna la granconsigliera verde Moussia von Wattenwyl vuole per esempio stoppare il 5G con una mozione. A livello federale, la consigliera nazionale Martina Munz (PS) chiede una moratoria: «Circolano molte fake news a proposito della tecnologia 5G», mette in guardia. Per lei, serve più tempo per chiarire delle questioni che rimangono aperte, come la protezione di esseri umani e animali, il livello minimo di emissioni impiegabile e la responsabilità in caso di danni.

Richieste, quelle dei contrari alle radiazioni, che non piacciono al consigliere nazionale Thierry Burkart (PLR): «Rifiutano ciò che non conoscono e non comprendono le potenzialità di questa tecnologia», lamenta. I nostri smartphone, sottolinea, emettono molte più radiazioni delle antenne e non c’è alcuno studio che provi che il 5G rappresenti un rischio per la salute rispetto, diciamo, al caffè. Burkart si augura che il Consiglio federale stabilisca valori limite più alti per le radiazioni, altrimenti serviranno semplicemente molte più antenne, avverte.

Gli operatori di telefonia mobile reagiscono con poche parole all’opposizione politica. Swisscom afferma che bisogna analizzare le implicazioni delle decisioni di Ginevra e Vaud per lo sviluppo della rete 5G. Sunrise ricorda invece che la Confederazione stessa ha imposto un ritmo piuttosto elevato a tutto il processo con la sua attribuzione delle frequenze.

COMMENTI
 
Corri 3 anni fa su tio
Ci sono vari località che si rifiutano il 5G, come Bruxelles e sempre più località anche in Italia. Ci sono diverse associazioni, una ad esempio: http://www.associazionenara.it/?art=54 Basta andare su Google per rintracciare altri documenti siti o quant'altro.
lo spiaggiato 3 anni fa su tio
Quante storie, è abbastanza farsi un cappellino di carta alu... e naturalmente mettersi in po' della stessa sotto i vestiti... voilà, problema risolto... :-))))
sedelin 3 anni fa su tio
@fabio musatti e @alessandratgsylver: GRAZIE! i vostri commenti e indicazioni rendono onore alla verità. non permettiamo che la nostra salute e la nostra libertà siano in mano a criminali. ho firmato la petizione :-)
Arrosto72 3 anni fa su tio
Che pena... tutti improvvisamente specialisti delle onde "elettromagnetiche" e i danni (quali?) che "sono stati provati" (da chi? da un articolo su "fakenews.com"?). Il 5G è un passo avanti che cambierà il mondo delle connessioni, fatevene una ragione e accettate le nuove tecnologie, altrimenti andate a vivere in una grotta e accendete il fuoco la sera per scaldarvi.
moma 3 anni fa su tio
Hai ragione, fatevene una ragione. Sul condividere o meno, si può discutere. Di sicuro, come ho detto, la componente businnes è predominante e, ripeto, inarrestabile. Ne andrebbe di mezzo l'economia mondiale, i famosi Pilipilipili che condizionano i governi.
moma 3 anni fa su tio
Tutti discorsi di contorno e inutili. Businnes, questo quello che conta. Perciò, bla bla bla, ma alla fine sarà 5G per tutti. Siamo di fronte a fenomeni speculativi inarrestabili. In tutto e per tutto.
KilBill65 3 anni fa su tio
I prossimi saremo noi in Ticino (autunno), con la tecnologia 5G e qualche dubbio c'e da chiederselo!!!!…..Forse sarebbe il caso di fare altri controlli piu' approfonditi prima di far mettere antenne di alta potenza…..Tanto per essere sicuri!!!.....
kenobi 3 anni fa su tio
www.gigaherz.ch/ uno dei tanti link in merito alla radiotelefonia ecc
sedelin 3 anni fa su tio
www.disinformazione.it
curzio 3 anni fa su tio
Un sito veramente autorevole, a partire dal nome. Senza recapiti, senza impressum, con un dominio nascosto con l'anonimato... Complimenti!
Arrosto72 3 anni fa su tio
Si commenta da solo.
bimbogimbo 3 anni fa su tio
poverini... è proprio vero, “rifiutano cio che non conoscono”. Però tutte le altre baggianate propinateci dalla mamma Europa invece le accettano di buon grado...
NOTIZIE PIÙ LETTE
ULTIME NOTIZIE SVIZZERA