Cerca e trova immobili

IL SORPASSO A… QUATTRO RUOTEUn po' meno veloce, sempre formidabile

10.07.24 - 17:55
Lacrime, come quelle di un debuttante
keystone-sda.ch (MARTIN DIVISEK)
Un po' meno veloce, sempre formidabile
Lacrime, come quelle di un debuttante
«La vita di Lewis può diventare una serie di successo, uno spin-off perfetto per Drive to Survive».
SPORT: Risultati e classifiche

SILVERSTONE - Il Mondiale di Formula 1 2024 è meglio di un romanzo che, pagina dopo pagina, ti regala una sorpresa. Il sesto vincitore diverso in dodici gare è Sir Lewis Hamilton, che non faceva suo un GP da più di due anni e mezzo e ha bagnato il suo successo con le lacrime che ci saremmo aspettati da un debuttante alla prima gioia della vita.

Hamilton, invece, era alla vittoria numero 104 - addirittura 17 anni dopo la prima volta - ed era molto più emozionato di quel giugno 2007 in Canada quando, con la McLaren, aprì una serie quasi infinita. Il vecchio campione ha un cuore e riesce ancora a metterci del sentimento. Voleva vincere davanti alla sua gente nell’ultimo Gran Premio inglese corso con la Mercedes, la scuderia con cui ha conquistato sei dei suoi sette titoli. Sognava di farsi un regalo e di farlo anche ai suoi tifosi e alla squadra che ha deciso di lasciare per lanciarsi in una nuova sfida con la Ferrari. Appena la Mercedes è tornata competitiva, una settimana dopo il successo del compagno Russell in Austria, lui ha lasciato il segno gestendo alla perfezione una prova resa complicatissima dalle condizioni meteo. Una favola che neppure i fratelli Grimm avrebbero mai immaginato. Ma oggi siamo ai tempi di Netflix e la vita di Lewis può diventare una serie di successo, uno spin-off perfetto per Drive to Survive.

Mentre i suoi giovani avversari andavano in confusione (tranne Verstappen e Sainz), lui ha azzeccato tutte le chiamate scegliendo sempre il momento perfetto per passare prima alle Intermedie e poi alle gomme più morbide da asciutto. A quasi 40 anni ha ancora la voglia e la grinta di un ragazzino. Magari non è più veloce come prima, considerando che Russell gli è spesso davanti in qualifica, ma poi quando la gara richiede una lettura particolare lui è ancora lì a vincere e raccontarci che è stato quasi bello come trionfare in un Mondiale. Lui che ne ha sette in bacheca e non ha mai smesso di sognare l’ottavo.

Questo campionato che sembrava scontato dopo le prime gare dominate da Verstappen, si sta trasformando in qualcosa di inaspettato. Siamo solo a metà strada, Max è ancora solidamente in testa, ma ci sono tre scuderie che possono vincere e una quarta (la Ferrari) che forse ha capito la strada da seguire per tornare quella di Monte Carlo. Se non altro per non far pentire Sir Lewis di averla scelta per scrivere l’ultimo capitolo della sua vita da corsa.

Sostieni anche tu la Vallemaggia e la Mesolcina.
Entra nel canale WhatsApp di Ticinonline.
COMMENTI
 

occhiodiairolo 1 sett fa su tio
🎩, sir!
NOTIZIE PIÙ LETTE