Immobili
Veicoli

FORMULA 1La Haas vuole progredire: «Vi spiego perché Mick non resta»

19.11.22 - 19:48
Günther Steiner, team principal della Haas: «Penso che a Mick sia mancata l'esperienza in F1».
keystone-sda.ch / STF (Hussein Malla)
La Haas vuole progredire: «Vi spiego perché Mick non resta»
Günther Steiner, team principal della Haas: «Penso che a Mick sia mancata l'esperienza in F1».
Sarà Nico Hülkenberg a prendere il posto del tedesco.
SPORT: Risultati e classifiche

ABU DHABI - Mick Schumacher è rimasto a piedi dopo la decisione della Haas di accogliere Nico Hülkenberg. Una notizia - ufficializzata giovedì - che era nell'aria da tempo e che (inevitabilmente) sta facendo molto discutere.

Incalzato sul tema, Günther Steiner (team principal della scuderia americana) ha voluto fare chiarezza: «I tanti incidenti avuti da Mick? È parte del problema, ma non si può dire solo che ha avuto un incidente - le parole del 57enne a motorsport.com - Non si è trattato di un solo evento, come invece sembra. È una combinazione di cose, ma l'aspetto più importante è che in futuro vogliamo costruire di nuovo la squadra. Mick è migliorato molto durante la stagione. Lo avete visto e lo abbiamo visto tutti. Non c'è bisogno che ve lo dica io. Per questo abbiamo avuto bisogno di tanto tempo per decidere». 

Prestazioni costellate da errori, ma non tutta la colpa è da attribuire al pilota tedesco. Il dado però è tratto, il suo posto nel 2023 sarà preso da Nico Hülkenberg. «Penso che a Mick sia mancata l'esperienza in F1 e il fatto di non aver mai guidato per altri team oltre al nostro. Nico, invece, ha già lavorato con 3-4 squadre, quindi ha esperienza e l'esperienza richiede tempo per essere acquisita. Al momento non abbiamo tempo, perché vogliamo progredire. Non vogliamo rimanere dove siamo ora, vogliamo migliorare. Non è colpa di Mick se siamo dove siamo. La colpa è anche nostra, ma dobbiamo risalire la china e c'è una strada più breve: prendere un pilota con molta esperienza».
 

COMMENTI
 
dan007 1 sett fa su tio
Vergognoso un pilota con esperienza e un rookie deve essere obbligatorio loro hanno già dato bisogna mettere un limite di età ci sono tanti giovani talenti che hanno bisogno di passare alla F1. Dopo i 30 possono divertirsi in altre categorie. basta stipendi da capogiro stipendi uguali per tutti. I budget per evoluzioni auto sono restrittivi mani salari non c’è una divergenza nel contenimento dei costi. Auto con meno differenze di potenzialità quindi motori che abbiamo la stessa cavalleria per tutti. Il pilota decide della strategia in gara gestione pneumatici a quel momento cambiarli unico scambio radio il tempo sul giro la distanza tra io concorrenti perché altrimenti dopo il cambio gomme non si capisce niente ma Potrebbe essere su un display del cruscotto. Regalagli auto uguale in pilota deve modificare l’auto secondo il suo feeling e così si evidenzierà anche l’intelligenza tecnica di un pilota
NOTIZIE PIÙ LETTE