Cerca e trova immobili

BEHRAMI RACCONTABehrami beve dal bicchiere… mezzo pieno

20.06.24 - 18:00
«Abbiamo bisogno di un piano B»
20M/Keystone
Fonte Tobias Wedermann
Behrami beve dal bicchiere… mezzo pieno
«Abbiamo bisogno di un piano B»
«Consiglierei vivamente di evitare cambi».
Calcio - Europei23.06.2024

LIVE

Svizzera
1 - 1
Germania
SPORT: Risultati e classifiche

STOCCARDA - La qualificazione agli ottavi di finale è praticamente cosa fatta. In due partite, la Svizzera ha dunque già raggiunto l’obiettivo minimo dell’Europeo. Il bicchiere è quindi decisamente mezzo pieno.

Tuttavia, mercoledì a Colonia la Scozia ha messo in evidenza i limiti di una Nazionale che solo occasionalmente ha saputo reagire in maniera adeguata. Basta far marcare a uomo Xhaka per 90’ per crearci dei problemi? Mi sembra troppo facile per i rivali. Che Granit sia un giocatore chiave per questa squadra non è più un segreto; abbiamo quindi urgentemente bisogno di un piano B, da mettere in pratica se i nostri avversari decideranno di marcarlo stretto anche in futuro.

La buona notizia è che, con gli ottavi in pugno, Murat Yakin e il suo staff hanno ancora tempo per elaborare una nuova strategia. Tanto più che, già passati al 99,9%, potranno affrontare la partita contro la Germania senza alcuna pressione. Avranno entusiasmo per il blasone del dirimpettaio, vincendo chiuderanno in vetta il girone e comunque non avranno nulla da perdere: non potrebbe esserci situazione migliore.

Consiglierei però vivamente di evitare i cambi, le rotazioni. Come calciatore, in questo momento sei “in ritmo”: non vuoi essere risparmiato per una partita così importante, anche se non fondamentale per il discorso-qualificazione. A questo punto vuoi giocare sempre e… vincere. Rimanere fuori? Lo accetti solo se sei infortunato.

Con questo voglio dire che, contro la Germania, la Svizzera deve scendere in campo con l’undici migliore. Embolo incluso. Breel ha dimostrato, in due brevi spezzoni, di essere pronto. E ha dimostrato quale immensa minaccia rappresenti per l’avversario di turno. Schierandolo in attacco, la Nazionale non è solo più pericolosa, ma anche più imprevedibile. Secondo le mie informazioni, non c’è poi motivo di risparmiarlo in vista degli ottavi. Al contrario, il match contro i tedeschi è perfetto: rappresenta un test duro ma allo stesso tempo ci si può permettere di sbagliare. Se lo supera, se dimostra di poter reggere 60-70 minuti, allora sarà davvero pronto per la prima partita a eliminazione diretta.

Questo, è vero, potrebbe costringere Shaqiri a sedere di nuovo dalla panchina. Xherdan ha avuto la sua chance contro la Scozia e l’ha sicuramente sfruttata. Ma d’altronde è un fenomeno. Come riesce sempre a brillare in questi tornei è qualcosa di unico. Non si può spiegare. Ha avuto una stagione non buona a Chicago, va in panchina, lo mettono in campo e… fa quella magia: quel suo gol è stato davvero qualcosa di speciale. Ancora meglio della rete è tuttavia il fatto che Xherdan sia ora di buon umore e pieno di fiducia. E ciò è molto importante per la squadra, per il torneo e per il rapporto che ha con Yakin. Quest’ultimo può ora utilizzarlo come jolly. Senza problemi. Per gli avversari sarà un guaio...

Sostieni anche tu la Vallemaggia e la Mesolcina.
Entra nel canale WhatsApp di Ticinonline.
COMMENTI
 

uriah heep 1 mese fa su tio
Articolo di Berhami che ci sta appieno trovare un piano B, si !!👍👍forse non sarà un fenomeno , ma ha fatto un euro goal se ti piaccia o no Gimmi !!😫😫

Koblet69 1 mese fa su tio
Risposta a uriah heep
concordo

Gimmi 1 mese fa su tio
Fenomeno????
NOTIZIE PIÙ LETTE