LA Kings
2
CAL Flames
3
fine
(1-2 : 1-1 : 0-0)
LA Kings
2
CAL Flames
3
fine
(1-2 : 1-1 : 0-0)
Imago
+3
CALCIO
Risultati e classifiche
ULTIME NOTIZIE Sport
MOTOMONDIALE
8 ore
«Mai avrei dovuto prendere Valentino Rossi»
Razlan Razali, ex team manager della Petronas, senza peli sulla lingua
SERIE A
8 ore
Otto gol e tante recriminazioni: Lazio all’inferno e (quasi) ritorno
La Lazio di Sarri si è fatta stoppare sul 4-4 (al 99') dall'Udinese
SCI ALPINO
10 ore
Odermatt intrattabile: che trionfo
Marco Odermatt ha vinto il superG di Beaver Creek
TENNIS
11 ore
Alla Russia non serve il doppio
Cancellata la Svezia, in semifinale la Russia sfiderà la Germania
ODENSE
13 ore
Eriksen è tornato in campo 173 giorni dopo l'arresto cardiaco
Il centrocampista dell'Inter ha lavorato insieme al suo preparatore sul campo dell'Odense.
NAZIONALE U20
15 ore
La Svizzera U20 guarda ai Mondiali
Selezionati anche Brian Zanetti e Lorenzo Canonica, cresciuti nel settore giovanile del Lugano.
SCI ALPINO
16 ore
Soppressa la quarantena obbligatoria: eccezione per le atlete dello sci
Autorizzazione eccezionale per le atlete impegnate in Coppa del Mondo, in arrivo a St. Moritz direttamente dal Canada
IL SORPASSO A… DUE RUOTE
16 ore
Chi dorme non piglia pesci: Suzuki, com’è lontana la festa mondiale
Sonno-Suzuki, mentre la KTM fa incetta di dirigenti
SPORT AWARDS
18 ore
Ponti, Del Ponte e Gut-Behrami tra gli sportivi svizzeri dell'anno
I prestigiosi riconoscimenti saranno assegnati il 12 dicembre
SWISS LEAGUE
19 ore
Olten, semaforo verde: verso una NL a 14 squadre?
Il dossier dei solettesi soddisfa i requisiti necessari.
NATIONAL LEAGUE
20 ore
Gross multato per simulazione
Il difensore dello Zugo ha ricevuto un'ammenda di 800 franchi.
L’OSPITE - ARNO ROSSINI
25.08.2021 - 10:000
Aggiornamento : 17:54

«La Juve vuol mandar via Ronaldo e Ronaldo vuole andare via dalla Juve»

«Ronaldo part-time? Implacabile, ma l’ego gigante...»

Arno Rossini: «CR7 via? Alla Juve ora comanda Allegri».

TORINO - È sul mercato e quindi non lo si poteva rischiare, non era al meglio, non era d'accordo con l'allenatore... L'unica certezza è che, nella prima giornata di Serie A, Cristiano Ronaldo è finito in panchina per poi entrare solo a partita in corso. La verità su quello che è successo a Udine, nonostante in casa Juventus si siano affrettati a minimizzare, lo sanno solo la dirigenza, l'allenatore e lo spogliatoio bianconeri. Ai comuni mortali non rimane invece che affidarsi alle ipotesi. E, tra queste, la più credibile è quella che vede il portoghese fuori all'inizio della partita perché in partenza da Torino... 

«CR7 è fortissimo ma costa molto. In più è un classe ‘85 - ha ammesso Arno Rossini - Tenendo conto di ciò, credo che la Juve stia facendo di tutto, in un modo elegante, per spingere affinché parta». 

A un pugno di giorni dalla chiusura del mercato sembra difficile imbastire un’operazione tanto grande…
«Di società interessate ce n’erano già prima e ce ne sono sicuramente ora. Quindi, anche a meno di una settimana dal termine delle trattative, trovare una soluzione non sarebbe impossibile. Una chiacchierata di sicuro le parti l’hanno già fatta; si sbloccasse la situazione servirebbero dunque solo le firme». 

La Juventus perderebbe 25 gol, o qualcosa del genere.
«Vero, ma si deve anche tener conto del fatto che il portoghese non è un uomo squadra. Pensa prima di tutto a sé stesso e per questo è già costato la cacciata a Sarri e Pirlo».

Allegri l’ha invece subito spedito in panchina.
«Dando un segnale non da poco - come aveva già fatto con Bonucci e la fascia da capitano - ovviamente concordato con la società. Ma si è potuto permettere di fare così perché, per accettare di tornare a Torino, avrà di sicuro ottenuto carta bianca». 

Una sorta di “comando io”?
«Questa era sicuramente una delle condizioni per rientrare».

Qualora il mercato non si sbloccasse, dalla “supremazia” di Allegri Ronaldo potrebbe solo trarre vantaggi: accettasse di giocare a singhiozzo, nei match - o nei momenti dei match - più importanti, potrebbe infatti rivelarsi devastante. Negli ultimi 16 metri, in fondo, è ancora un fenomeno assoluto, da top mondiale.
«Accettasse un discorso del genere sarebbe più proficuo e implacabile. E si allungherebbe sensibilmente la carriera. Visto l’ego gigante, non credo però possa scendere a compromessi. Non credo si lascerebbe convincere. Io davvero penso che, tutto sommato, stia ancora sperando di andarsene. Che ci sia già qualcuno che gli stia preparando le valigie. Che poi si trovi anche la chiave per chiuderle, è un altro discorso...»

Il problema riguarda forse anche lo “status” della Juventus, club fortissimo ma in un periodo di transizione. Forse al PSG, al City o al Real, che in fondo alla Champions ci arrivano spessissimo, CR7 accetterebbe di buon grado l’utilizzo a singhiozzo.
«Anche questo è vero. Ma conta soprattutto l'allenatore e il gestore con il quale ti stai confrontando. Con Ancelotti, per fare un nome, una soluzione part-time potrebbe anche essere ipotizzabile. Carlo è amato negli spogliatoi ed è bravissimo a gestire i giocatori. Un esempio di quel che potrebbe succedere a Ronaldo è quel che è capitato a Inzaghi negli ultimi anni milanisti di Carletto: non giocava più con costanza eppure nelle partite importanti non mancava mai. E in quelle era quasi sempre decisivo. Ad Allegri una gestione del genere non penso riuscirebbe».

CALCIO: Risultati e classifiche

keystone-sda.ch (Andrea Bressanutti)
Guarda tutte le 7 immagini
Potrebbe interessarti anche

YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter

TikTok


Copyright © 1997-2021 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2021-12-03 07:44:40 | 91.208.130.89