Immobili
Veicoli

FC LUGANOBraga ammette: «Un pareggio sarebbe stato il risultato più corretto»

08.08.21 - 21:33
L'allenatore del Lugano è carico dopo il successo sul San Gallo: «Adoro lo spirito della mia squadra, è straordinario».
Ti-press (Massimo Piccoli)
Braga ammette: «Un pareggio sarebbe stato il risultato più corretto»
L'allenatore del Lugano è carico dopo il successo sul San Gallo: «Adoro lo spirito della mia squadra, è straordinario».
CALCIO: Risultati e classifiche

LUGANO - Il Lugano di Abel Braga sta iniziando a prendere forma. Nel pomeriggio odierno i bianconeri hanno piegato la resistenza del San Gallo a Cornaredo (2-1) - in occasione della terza giornata di Super League - cogliendo il secondo successo di fila.

In virtù di questa prestazione, la formazione ticinese si è issata in solitaria al secondo posto in classifica (6 punti), dietro a Basilea e Zurigo, entrambi in vetta a punteggio pieno (9).

È ovviamente soddisfatto coach Abel Braga al termine del match, nonostante abbia ammesso che gli avversari di giornata avrebbero meritato il pareggio. «Dopo il match d'esordio contro lo Zurigo avevo detto che non meritavamo assolutamente di perdere, mentre questa sera non ho difficoltà ad ammettere che un pareggio sarebbe stato il risultato più giusto, vista la prestazione del San Gallo nella ripresa. Quando si vince va comunque sempre bene, visto che in settimana lavoriamo per questo obiettivo».

Si tratta indubbiamente di un successo prezioso contro una squadra molto ostica... «Ci siamo confrontati con un match delicato, soprattutto per come si era messo e calcolando anche le caratteristiche dei nostri avversari. Non è mai semplice affrontare le squadre allenate da Zeidler, poiché rompono il gioco in continuazione, mettendo in pratica un pressing molto alto che coinvolge diversi giocatori. Ci siamo preparati per contrastare questo aspetto e le due reti che abbiamo realizzato sono giunte da azioni in profondità, allenate in settimana. Sono contento sia perché abbiamo battuto un gruppo rodato che gioca insieme da diverso tempo, sia perché abbiamo conquistato tre punti malgrado una prestazione non straordinaria. Nel secondo tempo ho cambiato un po’ la squadra e il rendimento è calato, ma è normale».

Come vedi i tuoi ragazzi dopo tre partite? «Adoro lo spirito della mia squadra, è straordinario e mi fa davvero piacere che sia così. Sono contento di vivere questi momenti insieme ai miei giocatori. Personalmente cerco soltanto di insegnare gli schemi tattici più facili per andare in gol e quelli per impedire all’avversario di sorprenderci. Questa è la funzione di ogni allenatore, ma in campo ci vanno i ragazzi e i meriti sono tutti loro»

COMMENTI
 
Evry 1 anno fa su tio
oh..... il merito ??? ... conta solo il risultato!
NOTIZIE PIÙ LETTE