Immobili
Veicoli

SUPER LEAGUE«La sconfitta ci sta»

13.12.20 - 20:47
Lucido, Maurizio Jacobacci ha promosso lo Zurigo ma non ha bocciato il suo Lugano.
Ti-press (Davide gosta)
«La sconfitta ci sta»
Lucido, Maurizio Jacobacci ha promosso lo Zurigo ma non ha bocciato il suo Lugano.
«Pensiamo al San Gallo».

LUGANO - «A Cornaredo lo Zurigo non attaccherà a testa bassa», aveva detto Maurizio Jacobacci alla vigilia della sfida. E così è stato.

«È una sconfitta che ci sta - ha confermato l’allenatore bianconero - ma anche scaturita da una prova intelligente dello Zurigo, venuto a Lugano con le idee chiare. Non per giocare un bel calcio, ma per essere efficiente. Nel primo tempo, in avanti abbiamo fatto troppo poco; Lungoyi non è entrato in partita. Un primo tempo direi dove le squadre si sono annullate. Nel secondo tempo abbiamo cercato maggiormente la profondità, ma sono stati bravi i nostri avversari a chiudere ogni spazio. Il gol non si doveva prendere. Doveva esserci un fallo tattico per fermare Domgjoni, autore del passaggio vincente. Peccato per noi perché Ardaiz ha avuto una bella occasione. Per lui sarebbe stato importante segnare e solitamente da quella posizione non sbaglia. Ci abbiamo provato, lo Zurigo ha coperto molto la sua zona, ma ci è mancato l’“attimo” giusto. Accettiamo il verdetto, ma dobbiamo subito pensare alla partita con il San Gallo. Siamo sempre stati bravi a rialzarci, quindi dobbiamo essere pronti. Il pareggio poteva anche starci e per la prossima partita molto importante sarà valutare chi è in quarantena (Daprelà, Gerndt, Macek e Covilo), che potrà iniziare ad allenarsi solo martedì. Anche se è arrivata la sconfitta, non mancheranno le motivazioni. Con San Gallo e YB avremo degli avversari tosti; i giocatori avranno la possibilità di rifarsi subito».

COMMENTI
 
NOTIZIE PIÙ LETTE
ULTIME NOTIZIE SPORT