Cerca e trova immobili

TENNISSofferenza e iniezioni: per Nadal nessuna novità

12.06.22 - 08:00
«Contro Federer, a Wimbledon, Rafa ha fatto un’impresa»
keystone-sda.ch (CATI CLADERA)
Sofferenza e iniezioni: per Nadal nessuna novità
«Contro Federer, a Wimbledon, Rafa ha fatto un’impresa»
Toni Nadal ha celebrato la grandezza del nipote.
SPORT: Risultati e classifiche

MANACOR - L’epica cavalcata a Parigi che gli è valsa la 14esima corona al Roland Garros, la sindrome di Müller-Weiss che lo costringe a giornate di grande sofferenza e che quasi lo ha messo fuori gioco, il torneo di Wimbledon e una presenza ancora da confermare… negli ultimi giorni Rafa Nadal ha (giustamente) collezionato applausi e titoli di giornali. Più che quelle tecniche, sono state le qualità morali del maiorchino ad aver convinto anche il tifoso più scettico, anche il detrattore più feroce. La vittoria sulla sofferenza è stata più grande di quella sugli avversari, e ha reso Rafa amato come mai prima d’ora. Eppure… eppure tanto amore sarebbe potuto sbocciare molto prima se, come raccontato da Toni Nadal, il mancino di Manacor avesse reso immediatamente noti i suoi problemi.

Quando? Lo zio ed ex allenatore di Rafa ha confidato che non è la prima volta che il nipote scende in campo zoppo. È capitato spesso e un precedente in particolare è “illustre”.

«Anche in altri Slam Rafa è stato costretto a giocare con il piede addormentato - ha raccontato Toni - è successo su diverse superfici e a diversi stadi della competizione. Spesso gli è bastato giocare al 60% per qualificarsi, ma in un’occasione ha fatto una vera impresa. Mi riferisco a Wimbledon del 2008, quando le iniezioni si resero necessarie prima della finale contro Roger Federer. Nonostante i problemi, mio nipote era convinto di poter fare una buona prestazione. E visto come andò…».

In quell’occasione lo spagnolo batté 6-4, 6-4, 6-7, 6-7, 9-7 lo svizzero, cogliendo il suo primo successo sull’erba londinese.

Quel match, da molti considerato come uno dei più spettacolari e intensi della storia del tennis, è stato solo uno degli scontri “finali” tra il renano e il maiorchino. Con un titolo di uno Slam in palio, i due si sono infatti incrociati in altre otto occasioni. Cinque volte ha vinto Rafa (al Roland Garros nel 2006, 2007, 2008 e 2011 e agli Australian Open del 2009) e tre Roger (a Wimbledon nel 2006 e 2007 e agli Australian Open del 2017). In generale, contro il mancino di Manacor, il basilese ha sempre sofferto molto. Nei confronti summenzionati non è, per esempio, mai riuscito a ottenere vittorie semplici: la più agevole è stata un 6-0, 7-6, 6-7, 6-3 londinese. Di contro ha incassato alcune tra le sconfitte più brucianti della carriera, come un tremendo 1-6, 3-6, 0-6 parigino.

COMMENTI
 
Fumarola4 1 anno fa su tio
Grandeeeeeee Rafa...ora 6 il più grande di tutti..👍👍👍
NOTIZIE PIÙ LETTE