Immobili
Veicoli

OMAR WICHTLo studio sulla povertà parla chiaro: in Ticino siamo al limite

20.09.22 - 22:36
Omar Wicht, consigliere comunale Lugano
Omar Wicht
Lo studio sulla povertà parla chiaro: in Ticino siamo al limite
Omar Wicht, consigliere comunale Lugano

Nel nostro Cantone, secondo un recente studio, la povertà colpisce un ticinese su tre.

I salari troppo bassi e la posizione geografica particolare (vicinanza con l’Italia), sono le cause principali che portano a una situazione di precarietà. In Ticino, sarebbero circa 100 mila le persone che, trovandosi in qualche modo al di sotto della soglia di povertà, ricevono una forma di aiuto nell'ambito della Legge sull'armonizzazione e il coordinamento delle prestazioni sociali, i cosiddetti “Working poor”.

Durante un dibattito televisivo delle scorse settimane, tra un rappresentante della Camera di commercio e l’amico Gran Consigliere
Giorgio Fonio, c’è stata un’accusa discussione, in quanto l’impiegato della Camera di commercio, ha detto in diretta tv, ai cittadini Ticinesi di “smetterla piangersi addosso”. Ma non si vergogna? Ma si rende conto della situazione allarmante che stiamo vivendo in Canton Ticino?

Sono affermazioni vergognose e fuori luogo, che andrebbero denunciate, riprese dall’ente pubblico Cantonale e anche la Rsi come servizio pubblico, non dovrebbe permettere, tali frasi offensive verso il popolo, “senza batter ciglio”. In Ticino c’è molta gente che soffre e va rispettata, il popolo è al limite della sopportazione, evitiamo provocazioni e cerchiamo soluzioni.

NOTIZIE PIÙ LETTE