Tipress
Massimiliano Ay, presidente del Partito Comunista
L'OSPITE
17.04.2020 - 17:260

In sordina e in piena emergenza sanitaria la Svizzera sigla accordi bilaterali con la NATO

Nel pieno dell’emergenza sanitaria (anche se forse a Palazzo federale non è ancora stata ben compresa visto tutte le concessioni fatte al padronato), il governo ha ritenuto prioritario legiferare sulle …forze armate. Ma attenzione: non si tratta di aggiustare le ambulanze militari difettose spedite in Ticino; o migliorare le misure igieniche nella caserma di Airolo; oppure ancora, magari, sospendere le scuole reclute non indispensabili al supporto agli ospedali.

No, nulla di tutto ciò: la priorità del Consiglio federale è stata approvare due accordi bilaterali (come se non avessimo già abbastanza e di nefasti!) per la cooperazione bellica con la NATO, più precisamente con l’esercito dell’Estonia e con quello degli USA. Bontà sua, il nostro prode Stato Maggiore Generale chiarisce: si tratta solo di addestramento, “impieghi congiunti sono esclusi”! E ci mancherebbe altro, verrebbe da dire!

Per la cronaca l’esercito USA è quello che negli scorsi giorni - mentre nel suo stesso Paese è in corso un’ecatombe a causa della mancata copertura medica per i propri cittadini -  ha nuovamente minacciato di un’azione militare il Venezuela (se ne sentiva la mancanza di una nuova guerra in piena pandemia!) e che continua a massacrare civili in Medio Oriente. E, ancora per la cronaca, l’esercito estone è invece quello che difende il governo che, dopo aver privatizzato tutto a favore del grande capitale europeo, ora si mette a glorificare il passato nazista. Insomma decisamente partner di tutto rispetto per le nostre forze armate che da mandato costituzionale dovrebbero limitarsi a difendere l’ordinamento democratico e la neutralità della Svizzera!

Il nuovo accordo con gli USA poi permetterà “di migliorare lo statuto del personale nel rispettivo paese ospite”. Ci prepariamo forse a ospitare sul territorio svizzero una base americana? No ...perché ormai possiamo attenderci di tutto da Berna, nella sua foga di piegarsi ai diktat proveniente dal campo atlantico, quello che peraltro sta gestendo nel modo più fallimentare immaginabile la pandemia.

Il Partito Comunista denuncia come non conformi alla neutralità svizzera questo genere di accordi bilaterali con una realtà offensiva e guerrafondaia come la NATO e invita Berna a riconsiderare le priorità unicamente in funzione della salute pubblica. 

 

 

Potrebbe interessarti anche

YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter


Copyright © 1997-2020 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2020-08-07 22:32:09 | 91.208.130.89