Immobili
Veicoli
Deposit
ULTIME NOTIZIE Economia
RUSSIA
3 ore
Conto sequestrato, Google Russia verso la bancarotta
La filiale del colosso del web continuerà tuttavia a fornire gratuitamente i suoi servizi nel Paese
STATI UNITI
8 ore
Wall Street, le cause di un mercoledì nerissimo
La grande distribuzione è in difficoltà e gli investitori sono in allerta e si chiedono: «Ci sarà il prossimo?»
SVIZZERA
9 ore
Julius Bär regge, ma la filiale di Mosca sarà chiusa
Il gruppo ha mantenuto la redditività nei primi mesi del 2022
GRIGIONI
23 ore
La crisi ucraina condiziona il WEF di Davos
In collegamento da Kiev inaugurerà il forum il presidente Zelensky. Assenti invece i rappresentanti russi.
SVIZZERA
1 gior
Boom di vendite per gli articoli sportivi
Nel 2021 il mercato svizzero ha sfiorato i due miliardi di franchi, un nuovo record
TICINO
1 gior
Si espande Argor-Heraeus, acquistata la storica azienda Erbas
Con il nuovo accordo la ditta consolida la posizione di leader nel settore dell’orologeria e della gioielleria di lusso.
SVIZZERA
1 gior
«Aumenteranno i fallimenti, sia in Svizzera che nel mondo»
È la previsione di uno studio dell'assicuratore Allianz Trade
SVIZZERA/UCRAINA
1 gior
La zurighese Vetropack sopprime 400 impieghi, a causa dei missili
L'impianto è fortemente danneggiato, e il gruppo non «vede alcuna alternativa»
STATI UNITI
1 gior
Netflix taglia 150 posti di lavoro
È la prima conseguenza del rallentamento della crescita dei ricavi e del calo degli abbonamenti
SVIZZERA
1 gior
Pneumatici sempre più cari
Russia e Ucraina sono i principali fornitori di materie prime. E ora i prezzi stanno schizzando verso l'alto
CINA
1 gior
Buonanotte da una sconosciuta, a un solo yuan
Wong Biying manda messaggi su richiesta per aiutare le persone a riempire il vuoto della solitudine
ITALIA
2 gior
Eni ha aperto un conto in rubli presso Gazprom Bank
Avviene, precisa la società italiana, «su base temporanea» e con la condivisione delle istituzioni italiane
MONDO
2 gior
L'epoca del profitto a tutti i costi? Sembra essere finita
Oggi è fondamentale la «massimizzazione del welfare degli azionisti», secondo il premio Nobel Oliver Hart
SVIZZERA
12.05.2022 - 12:290

Aumenti di stipendio in vista (ma leggeri)

Per gli specialisti del KOF, i salari svizzeri aumenteranno (ma di poco)

Inflazione? «Siamo abbastanza vicini a un picco»

ZURIGO - Aumenti di stipendio in vista per i salariati in Svizzera, che alla luce dell'accelerazione dei prezzi temono per il loro potere d'acquisto. Stando agli specialisti interpellati dall'agenzia Awp tuttavia gli adeguamenti dovrebbero rimanere contenuti e non provocheranno una spirale inflazionistica.

«Se non c'è una compensazione per il rincaro i dipendenti subiranno dolorose perdite di potere d'acquisto», afferma il capo-economista dell'Unione sindacale svizzera (USS) Daniel Lampart, che parla di ammanchi che, per una famiglia di quattro persone, potranno arrivare a 2200 franchi all'anno. «È quindi indispensabile introdurre aumenti salariali generali».

 «Un ritorno dell'inflazione»
I prezzi al consumo continuano in effetti a salire nella Confederazione: l'inflazione ha raggiunto il 2,5% su base annua in aprile, dopo il 2,4% di marzo e il 2,2% di febbraio. Nel quarto mese dell'anno i rincari più forti hanno interessato l'olio da riscaldamento (+76%), il trasporto aereo (+55%), il noleggio auto (+31%), il carburante diesel (+28%) e la benzina (+25%).

Secondo Alix Bhend, analista presso la Banca cantonale vodese (BCV), non si deve però parlare di un'impennata dei prezzi in Svizzera, bensì di un «ritorno dell'inflazione». Il rincaro è sì al livello più alto dal 2008, ma è ancora molto inferiore ai record stabiliti nel 1981 (7,5%) e nel 1973 (12%). Grazie alla protezione offerta dal franco forte sul fonte delle importazioni, la Confederazione presenta tassi inferiori a quelli di Usa (8,3%) ed Eurozona (7,5%).

«Siamo vicini al picco»
«La Svizzera si trova in un'ottima posizione rispetto agli Stati Uniti e all'Eurozona», conferma Daniel Kalt, capo-economista di UBS. A suo avviso il rincaro potrebbe ancora accelerare un po', ma dovrebbe attenuarsi entro l'autunno, se i prezzi del petrolio rimarranno stabili ed escludendo un'interruzione delle importazioni di gas e greggio dalla Russia. Quest'ultimo scenario rimane però per il momento sul tavolo, con i paesi del G7 che domenica scorsa si sono impegnati a vietare o eliminare gradualmente le importazioni di petrolio russo in risposta all'operazione militare di Mosca in Ucraina.

«Siamo abbastanza vicini a un picco di inflazione, che dovrebbe essere in parte assorbito dall'effetto base» dato che i prezzi hanno iniziato a salire l'estate scorsa, spiega Bhend. Oltre a questa componente statistica giocherà inoltre un ruolo la normalizzazione della crescita economica, dopo il rimbalzo post-Covid.

Un aumento (leggero) dei salari
Nel frattempo comunque i salariati avranno bisogno di un aiuto. Gli economisti del Centro di ricerca congiunturale del Politecnico di Zurigo (KOF) prevedono un aumento dei salari nominali dello 0,8% quest'anno e dell'1,8% nel 2023. Tuttavia questi ritocchi non saranno almeno inizialmente sufficienti a compensare l'inflazione: nel 2022 gli stipendi reali (che tengono appunto conto del rincaro) dovrebbero calare di circa l'1%, prima di aumentare dell'1,1% nel 2023.

Un ulteriore shock si profila sotto forma di premi di assicurazione malattia, che dovrebbero aumentare fino al 10%, avverte Lampart. «La Confederazione e i Cantoni devono aumentare in modo sostanziale i sussidi» e la tassa sul CO2 a suo avviso deve essere completamente ridistribuita alla popolazione quest'anno.

Il sindacato Unia chiede un aumento salariale di 180 franchi al mese nel settore delle costruzioni e di 70 franchi al mese, più la compensazione dell'inflazione, nel comparto alberghiero e della ristorazione.

«Lontani da una spirale»
Bhend prevede che i salari aumenteranno in media dell'1%-1,5% quest'anno e nel 2023. UBS si aspetta che i sindacati chiedano un aumento di circa il 3% nelle trattative d'autunno. Tuttavia, secondo gli economisti intervistati dall'Awp, questi aggiustamenti non dovrebbero portare a una spirale. «Attualmente siamo molto lontani da questo tipo di fenomeno», osserva Bhend, ricordando che negli anni '90, quando l'inflazione raggiunse il 6%, i salari aumentarono dell'8%.

«La Svizzera ha un mercato del lavoro liberale e fissa i salari in modo decentralizzato», le fa eco Kalt. Le richieste sindacali saranno probabilmente più incisive in Germania e negli Stati Uniti, dove una spirale salari-prezzi viene ritenuta maggiormente probabile.

La BCV prevede che quest'anno l'inflazione si attesterà tra l'1,5% e il 2,0% e l'anno successivo tra l'1,0% e l'1,5%, ossia al di sotto dell'obiettivo di stabilità dei prezzi della Banca nazionale svizzera. UBS scommette su un 2,2% nel 2022 e uno 0,7% nel 2023.

Potrebbe interessarti anche

YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter

TikTok


Copyright © 1997-2022 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2022-05-19 17:25:44 | 91.208.130.85