Keystone
ULTIME NOTIZIE Economia
REGNO UNITO
11 ore
920 milioni di euro per 148 carri armati
Il Governo britannico ha dato l'ok per l'acquisto dall'azienda Rheinmetall (RBSL)
GIAPPONE
1 gior
Entro 10 anni Philip Morris non venderà piu sigarette in Giappone
È l'obiettivo dichiarato da Jarek Olczak, direttore della multinazionale statunitense
SVIZZERA
1 gior
Non mangiate questi fichi, potrebbero contenere micotossine
L'allarme per un lotto di frutti secchi “Gourmet” a marchio Karaefe e con scadenza al 25 marzo 2020
STATI UNITI
1 gior
Le Tesla che si guidano da sole? «Non prima del 2022»
Lo sostiene l'azienda che ha incontrato le autorità della California e contraddice i tweet di Musk
MONDO
1 gior
I manager che hanno brillato nell'oscurità del Covid
Le ha raccolte Forbes, identificando imprenditori e leader che si sono messi in luce negli scorsi mesi
SVIZZERA
2 gior
Il rischio di una bolla immobiliare non è scongiurato
UBS percepisce dei rischi di liquidità in alcune zone del Ticino, del Vallese e del cantone di Neuchâtel.
STATI UNITI
2 gior
Perché al mondo in questo momento ci sono così pochi chip?
La crisi globale dei semiconduttori frena la produzione di tantissimi prodotti ma il Covid non c'entra
SVIZZERA
2 gior
Sunrise UPC: più clienti ma stagnano i ricavi
La colpa è del Covid e del roaming (che non c'è), entro la fine dell'anno un nuovo marchio (e un tv-box rivisto)
UNIONE EUROPEA
2 gior
Dissesto Ablv, bocciato il ricorso della banca lettone
L'istituto era finito nel mirino del Tesoro americano nel 2018. L'accusa? L'aver «istituzionalizzato» il riciclaggio
SVIZZERA
16.04.2021 - 06:000
Aggiornamento : 07:41

Anche in Svizzera non c'è (quasi) più legno e si paga a peso d'oro

La "fame" di Stati Uniti e Asia si riversa sull'Europa e tocca anche noi con carenze e rincari

SAN GALLO - Il mondo ha fame di legno e così, l'Europa e la Svizzera finiscono per trovarsi senza o dover pagare cifre proibitive per accaparrarsi una materia prima che, per molte aziende anche nostrane, è davvero fondamentale.

A lanciare l'allarme sono diverse testate d'Oltregottardo che parlano di un'endemica carenza nel mercato europeo di legname.

Questo perché c'è chi lo acquista da fuori: da una parte l'Asia, in posizione sempre più dominante sullo scacchiere mondiale per quanto riguarda le materie prime, dall'altra Canada e Stati Uniti - da anni ai ferri corti per quanto riguarda il commercio di legname - che limitano i danni acquistandone nel Vecchio continente e pagando prezzi fuori dal mercato.

E tutto questo in un momento in cui il legno è molto trendy anche sul mercato svizzero: per realizzare costruzioni nuove più "eco" e rispettose del clima, ma anche per i diversi lavori di restauro di locali e stabili rimasti chiusi durante la pandemia. E così, anche gli artigiani e i costruttori svizzeri sono costretti a guardare al di là dai confini nazionali.

«Attualmente dal 60 all'80% del legname utilizzato in Svizzera viene dai paesi vicini. In questo momento però pure in paesi grandi fornitori come Germania e Austria le riserve cominciano a scarseggiare e la cosa presto inciderà sui prezzi, anche in Svizzera», spiega alla Luzerner Zeitung Heinz Engler dell'Associazione dei proprietari forestali di San Gallo e del Lichtenstein.

Quindi rincaro sarà, ma di quanto? Secondo lui «ci possiamo aspettare che gli aumenti sul prezzo arrivino fino al 60%». Fluttuazioni verso l'alto che sono sì normali, anche considerando il prezzo relativamente basso del legno negli ultimi anni, ma attualmente «la crescita è eccessivamente rapida», spiega l'Associazione svizzera dell'industria del legno.

«Sì, forse ci converrebbe mettere tutto su una nave e spedire negli Usa», racconta un produttore di legname sangallese intervistato dalla Zeitung, «ma ci teniamo a vendere ai nostri clienti abituali, anche se dobbiamo dire che con tutta questa domanda - anche interna - abbiamo anche noi dovuto adeguare i prezzi e spesso c'è chi rischia di rimanere a bocca asciutta... Non penso che la tendenza cambierà in tempi brevi, il legno ormai è il materiale di costruzione del futuro. E in tanti, rimasti a casa per la pandemia, si sono dati ai lavoretti...».

«Abbiamo dovuto congelare i nuovi ordini, non riuscivamo a starci dietro», commenta alla Bote der Urschweiz il responsabile di un'azienda svittese che lavora con i lamellari del legno, anche questi richiestissimi, «siamo un'azienda a conduzione famigliare, abbiamo dovuto introdurre i doppi turni per stare dietro agli ordini e lavoravamo 6 giorni alla settimana. Alla fine abbiamo dovuto alzare bandiera bianca e imporre uno stop. Sarà così anche per il futuro prossimo? Probabilmente sì, se nel il XIX era quello dell'acciaio, il XX quello del cemento il XXI secolo è quello del legno». 

Potrebbe interessarti anche

YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter

TikTok


Copyright © 1997-2021 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2021-05-09 00:48:13 | 91.208.130.89