keystone-sda.ch (Eli Hartman)
Il disaccordo tra i paesi Opec sull'aumento della produzione di greggio continua a far salire le quotazioni del petrolio.
MONDO
06.07.2021 - 10:130

Il prezzo del petrolio è ai massimi degli ultimi anni

Si va verso i 78 dollari, la soglia degli 80 dollari non è un miraggio

NEW YORK - Il disaccordo tra i paesi Opec sull'aumento della produzione di greggio ha galvanizzato il barile spingendolo verso i 78 dollari. Già ieri il greggio del mare del Nord aveva superato i 77 dollari ai massimi dal 2018.

Il fallimento dell'Opec+ nell'arrivare a un accordo sul fronte produttivo accrescerà il già elevato deficit nel mercato del petrolio, rendendo così altamente probabile un rally dei prezzi nel corso dell'estate: la stima per un Brent a 80 dollari diventa così piuttosto conservativa, riferiscono fonti finanziarie.

Già prima che il mercato venisse a conoscenza del fallimento delle trattative vi era una marcata tensione sul lato dell'offerta, meglio nota agli addetti ai lavori come "backwardation", ossia un regime in cui le consegne a breve termine costano di più di quelle a lungo termine. «Ci sono tutti i segnali per assistere a un rally nel corso dell'estate», scrivono gli analisti di TD Securities.
 

Potrebbe interessarti anche

YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter

TikTok


Copyright © 1997-2021 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2021-10-16 03:00:37 | 91.208.130.85