Deposit
STATI UNITI
23.03.2021 - 22:000
Aggiornamento : 24.03.2021 - 09:43

NFT, quei “disegnetti” digitali con un giro da miliardi

Unici e irripetibili, grazie al blockchain, per molti sono destinati a restare per altri invece una bolla clamorosa

LOS ANGELES - Pandemia, lo abbiamo scritto anche qui più volte, fa rima con modi d'investire decisamente alternativi. Dalle carte dei Pokémon, passando per le criptovalute, alle azioni di aziende fallimentari fino alle figurine sportive si continua a cercare il nuovo Eldorado finanziario.

Forse non proprio una terra dell'oro, ma comunque un fenomeno degno di nota è quello degli NFT - ovvero Non-Fungible Token - praticamente delle opere d'arte, di vario tipo e più o meno belle da vedere, associate a un codice blockchain (lo stesso delle criptovalute) che le rendono, di fatto, uniche e irreplicabili.

Spartiacque di questa moda da milioni e milioni di dollari, che per certi versi oscura anche la crescita impressionante del BitCoin, è la vendita da parte di Christie's, e per 69 milioni, di una meta-opera “Everydays: the First 5,000 Days” che unisce 5'000 "disegnetti" NFT dell'artista americano Beeple. 

Attualmente il giro d'affari degli NFT vale all'incirca 20 miliardi, stando a uno studio del portale CoinMarketCap.com. Questo al di là del vero e proprio valore artistico degli stessi e anche grazie alla speculazione di diversi, fra privati e aziende.

Il fenomeno è quindi in ampia crescita, anche se già si parla di bolla, e ha anche evoluzioni interessanti. Per esempio c'è chi li usa come vere e proprie valute, immaginate un sacco di banconote digitali tutte con un disegno diverso e impossibile da contraffare, e come base per i prestiti.

Un interesse esagerato, quello attuale che però non avrà appeal infinito, riporta l'esperto di criptovalute di Bloomberg Aaron Brown: «Intendiamoci, gli NFT sono interessanti e sono qui per restare, una volta scemato l'appeal del collezionismo, del trading e dell'uso creditizio il fenomeno si normalizzerà».

Un'eventualità che però fa a pugni da una parte con l'interesse dal basso e dall'alto per questo tipo di oggetti digitali, e dall'altra dalla versatilità e le pressoché infinite possibilità di questo tipo di associazione. Un esempio? Anche il primo Tweet di sempre, venduto all'asta per quasi 3 milioni, è collegato a un NFT. 


YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter

TikTok


Copyright © 1997-2021 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2021-10-28 17:13:57 | 91.208.130.85