KEYSTONE
Il Covid-19 modifica le regole del duello televisivo tra Trump e Biden.
STATI UNITI
28.09.2020 - 09:190

Il Covid cambia le regole del duello tv Trump-Biden

Niente strette di mano, ma sul palco i protagonisti non indosseranno la mascherina

WASHINGTON - Niente strette di mano tra il presidente americano Donald Trump e il candidato democratico alla Casa Bianca Joe Biden nel loro primo dibattito in tv previsto per domani, quando i due rinunceranno al contatto fisico nel rispetto delle norme utili a contenere la diffusione del Covid-19.

Peter Eyre, consigliere della Commissione sui dibattiti presidenziali, ha spiegato che i candidati non scambieranno strette di mano nemmeno con il moderatore, Chris Wallace di Fox News. Ma una volta saliti sul palco di Cleveland, nell'Ohio, Trump, Biden e Wallace non indosseranno mascherine.

La pandemia in corso porterà anche a una riduzione del pubblico presente in sala, che sarà inferiore rispetto ai dibattiti precedenti. Inoltre tutti i partecipanti al dibattito presso la Case Western Reserve University saranno sottoposti al test per il Covid-19. Non ci sarà inoltre la ''spin room'', la stanza dove i giornalisti si riuniscono per parlare con i rappresentanti delle campagne elettorali dei candidati.

Frank Fahrenkopf, co-presidente della Commissione per i dibattiti presidenziali che sta curando l'organizzazione dell'evento, ha detto alla Cnn che solitamente il pubblico medio per un dibattito di questo genere varia dalle 900 alle 1200 persone, a seconda della sede. Domani saranno invece solo una sessantina, settanta al massimo, le persone presenti in sala. Tra loro ci saranno sia Melania Trump, sia Ivanka Trump, come ha confermato alla Cnn un funzionario della Casa Bianca.

Sul palco, il presidente Trump si troverà sul lato destro e l'ex vicepresidente Biden sarà invece a sinistra. Wallace sarà seduto a una scrivania di fronte ai due candidati. La prima domanda sarà per Trump. Sei gli argomenti su cui si concentreranno i 90 minuti di dibattito: ''I risultati di Trump e Biden'', ''la Corte suprema'', "Covid-19", "l'Economia", "la Violenza e il Razzismo nelle nostre città'' e ''l'Integrità delle elezioni''.

Un altro segno dell'impatto del Covid-19 sul dibattito: non ci sarà una "spin room" dei media in cui le campagne tipicamente inviano sostenitori e rappresentanti per difendere i loro candidati dopo il dibattito. Due dei dibattiti presidenziali previsti sono stati già influenzati da pandemia di coronavirus, quest'estate. L'Università di Notre Dame era originariamente prevista per tenere il primo dibattito presidenziale, ma la scuola si è ritirata dall'hosting a luglio a causa delle preoccupazioni sul coronavirus, spingendo il dibattito a spostarsi alla Case Western Reserve University. Il secondo dibattito presidenziale era inizialmente previsto per l'Università del Michigan ad Ann Arbor, ma anche la scuola si è ritirata con il dibattito del 15 ottobre trasferito a Miami.

Potrebbe interessarti anche

YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter

TikTok


Copyright © 1997-2020 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2020-10-28 06:09:05 | 91.208.130.85