Cerca e trova immobili

PAKISTANStrage in una moschea, almeno 44 morti e 157 feriti

30.01.23 - 13:10
L'attacco è avvenuto in una città nord-occidentale di Peshawar, in Pakistan. Il bilancio è ancora provvisorio.
Keystone
Fonte ATS ANS
Strage in una moschea, almeno 44 morti e 157 feriti
L'attacco è avvenuto in una città nord-occidentale di Peshawar, in Pakistan. Il bilancio è ancora provvisorio.

ISLAMABAD - È aumentato ad almeno 44 morti e 157 feriti il bilancio dell'esplosione suicida all'interno della moschea di Peshawar, in Pakistan. Lo ha riferito all'agenzia di stampa italiana Ansa Muhammad Asim, portavoce dell'ospedale Lady Reading di Peshawar.

L'ospedale aveva in precedenza accolto già più di 100 feriti, «62 dei quali sono attualmente in cura» mentre gli altri sono stati dimessi. Lo ha detto in una conferenza stampa Ghulam Ali, governatore del Khyber Pakhtunkhwa. Alcune persone sono ancora sotto le macerie dell'edificio. L'esplosione è avvenuta all'interno delle transenne erette dalla polizia a protezione della moschea durante la preghiera di metà giornata.

Tehrik-e-Taliban Pakistan (TTP), il gruppo dei talebani pachistani, ha rivendicato l'attacco suicida alla moschea di Peshawar.

L'azione sarebbe una vendetta per l'uccisione del leader del Ttp Omer Khalid Khorasani, il cui vero nome era Abdul Wali Mohmand, avvenuta nell'agosto 2022 per l'esplosione di una mina lungo la strada nella provincia afghana di Paktika. Il TTP ha accusato dell'azione i servizi segreti pachistani.

Sarbakaf Mohmand, leader di TTP, ha rivendicato l'attacco in un messaggio inviato all'ANSA via WhatsApp. Ha aggiunto che l'attacco suicida è stato effettuato da Huziafa, un attentatore suicida di 25 anni, che ha usato sette chilogrammi di esplosivo nell'attacco.

Sostieni anche tu la Vallemaggia e la Mesolcina.
Entra nel canale WhatsApp di Ticinonline.
COMMENTI
 

1963hcap 1 anno fa su tio
Verrebbe da dire, per liquidare la notizia con poche frasi, che fintanto che le cose se le regolano entro i loro confini, senza coinvolgere altri "infedeli" stranieri, a noi può pure stare bene... però sarebbe del tutto errato e molto cinico, si tratta di esseri umani certamente incolpevoli che si sono trovati nel posto sbagliato al momento sbagliato, inoltre il fatto che se la prendano coi loro stessi fratelli all'interno della loro Patria dimostra una totale mancanza di civiltà e rispetto proprio verso quella loro religione tanto mitizzata e posta al centro di ogni situazione, nel nome della quale si compiono stragi efferate o si procede ad esecuzioni sommarie per i motivi + assurdi e futili... !!! Non si possono appoggiare certi regimi fatti di terrore ed oscurantismo, non basta denunciare o emettere sanzioni e pronunciare embarghi, bisogna agire in modo deciso e devono essere tutti i Paesi democratici a farlo, uniti non solo nel nome (Europa Unita, Regno Unito inteso coi vari Stati associati, Stati Uniti ecc.) ma anche nella sostanza ! Nel 3. millennio non si può accettare che degli esseri umani siano ancora fermi all'anno 1000 o giù di lì, la civiltà è in parte nata in quelle regioni molti secoli fa ma sembra proprio che la Storia sia stata dimenticata...
NOTIZIE PIÙ LETTE