Immobili
Veicoli

IRANMahsa Amini «morta per una malattia, non per le percosse»

07.10.22 - 13:51
L'autopsia collega il decesso a «un intervento chirurgico per un tumore al cervello subito all'età di 8 anni»
keystone-sda.ch / STF (Maya Alleruzzo)
Fonte ats
Mahsa Amini «morta per una malattia, non per le percosse»
L'autopsia collega il decesso a «un intervento chirurgico per un tumore al cervello subito all'età di 8 anni»

TEHERAN - La morte di Mahsa Amini è dovuta a una malattia e non è stata causata dalle percosse. Lo sostiene il rapporto medico seguito all'autopsia effettuata a Teheran sul corpo della giovane iraniana arrestata perché non indossava correttamente il velo.

Secondo l'Organizzazione di medici legali iraniani, la morte i Mahsa Amini «non è stata provocata da colpi alla testa e agli organi vitali», ma sarebbe invece legata a «un intervento chirurgico per un tumore al cervello subito all'età di 8 anni», si legge nel rapporto pubblicato dalla tv di Stato.

Amnesty International e altre organizzazioni accusano la polizia di averle provocato la morte con «colpi di manganello alla testa». Ma c'è anche il caso di Sarina. Stando a quanto dichiarato dal procuratore di Alborz, Hossein Fazli Harikandi, citato dalla Mizan online, invece, la ragazza si sarebbe «suicidata».

Sarina, afferma il magistrato, si sarebbe lanciata dalla finestra di un edificio non lontano dalla casa della nonna, situata nel quartiere Azimieh, poco prima della mezzanotte del 24 settembre. In un video pubblicato su Mizan, si vede la madre di Sarina Ismailzadeh che afferma che sua figlia «non ha niente a che fare» con le manifestazioni di protesta.

La giustizia della Repubblica islamica due giorni fa ha negato anche qualsiasi legame fra la morte di un'altra adolescente, Nika Shakarami, e le proteste.

NOTIZIE PIÙ LETTE