Immobili
Veicoli

MONDOVaiolo delle scimmie: i casi sono una novantina in 14 nazioni

22.05.22 - 12:30
L'insolita diffusione del virus, noto da tempo, ha allertato le autorità e l'Oms che monitora la situazione
IMAGO / ZUMA Press
MONDO
22.05.22 - 12:30
Vaiolo delle scimmie: i casi sono una novantina in 14 nazioni
L'insolita diffusione del virus, noto da tempo, ha allertato le autorità e l'Oms che monitora la situazione

GINEVRA - Sono 92 i casi confermati e 28 quelli sospetti di vaiolo delle scimmie segnalati all'Organizzazione mondiale della sanità (Oms) da 12 Stati membri dove la malattia non è endemica. In totale i Paesi in cui il virus è stato riscontrato sono 14.

Le nazioni membre dell'Oms in cui il virus è stato individuato sono Australia, Belgio, Canada, Francia, Germania, Italia, Olanda, Portogallo, Spagna, Svezia, Regno Unito e Stati Uniti d'America. A questi si aggiungono Svizzera e Israele. I casi, al momento, sarebbero un'ottantina.

Per i casi segnalati finora «non sono stati stabiliti collegamenti di viaggio con le aree dove la malattia è endemica». Per questo motivo, l'Organizzazione ha da sempre ritenuto questa serie di casi «insolita» e li sta monitorando con estrema attenzione. 

«Sulla base delle informazioni attualmente disponibili, i casi sono stati identificati principalmente, ma non esclusivamente, tra uomini che hanno rapporti sessuali con uomini», scrive l'Oms. Questa è anche la pista privilegiata per ricostruire la catena dei contagi.

La situazione «si sta evolvendo», spiega l'Organizzazione che prevede «che ci saranno più casi di vaiolo delle scimmie identificati man mano che la sorveglianza si espande nei Paesi non endemici».

Le azioni immediate, «si concentrano sull'informazione di coloro che potrebbero essere più a rischio d'infezione con informazioni accurate, al fine di fermare un'ulteriore diffusione. Le attuali prove disponibili suggeriscono che coloro che sono più a rischio sono coloro che hanno avuto uno stretto contatto fisico con qualcuno con il vaiolo delle scimmie, mentre sono sintomatici».

Virus noto già da diversi decenni, il vaiolo delle scimmie non è ritenuta una malattia preoccupante e da rischio pandemico, come il Covid. Condivide diversi sintomi con la varicella (febbre, dolori muscolari e vescicole pruriginose) anche se sono solitamente più lievi.

Il contagio avviene attraverso la saliva e la vicinanza stretta, così come con il contatto con le pustole - solitamente localizzate - o tessuti con i quali queste hanno aderito. Si tratta di una malattia generalmente con un tasso di mortalità molto basso e tutte le persone che lo hanno contratto si trovano in buone condizioni di salute. 

Le zone dove il virus è già endemico

I paesi endemici del vaiolo delle scimmie, riferisce sempre l'Oms, sono: Benin, Camerun, Repubblica Centrafricana, Repubblica Democratica del Congo, Gabon, Ghana (identificato solo negli animali), Costa d'Avorio, Liberia, Nigeria, Repubblica del Congo e Sierra Leone. Benin e Sud Sudan hanno documentato le importazioni in passato. I paesi dell'Africa centrale che attualmente segnalano casi sono il Camerun e la Nigeria.

CORRELATI
NOTIZIE PIÙ LETTE
ULTIME NOTIZIE DAL MONDO