KEYSTONE
Sono più gravi le accuse per la tragedia del Ponte Morandi.
ULTIME NOTIZIE Dal Mondo
STATI UNITI
10 min
Ripulire le strade "razziste", il sogno americano di Alex
Si punta il dito perfino contro le vie dedicate a Cristoforo Colombo
ITALIA
6 ore
Dallo sballo allo stupro, Ghb la droga che dilaga
Disinibire ma anche sedare fino quasi al coma, perché questo stupefacente non è mai stato così popolare
STATI UNITI
9 ore
Milioni di guanti sporchi venduti come nuovi
In Thailandia esiste un mercato nero dei guanti per uso medico, che vengono semplicemente ridipinti
GERMANIA
11 ore
Tragico incendio a Reisbach, quattro morti tra cui una giovane incinta e il suo bambino
I soccorritori hanno tentato di salvare il bimbo che aveva in grembo con un parto cesareo, ma senza successo
ITALIA
12 ore
Berlusconi contro le elezioni anticipate: «Sarebbe irresponsabile»
Per l'ex premier è importante il sostegno interpartitico a Draghi, per l'uscita dalla crisi sanitaria ed economica
STATI UNITI
15 ore
Qualcuno ha giocato con la pistola di Baldwin
Dei membri della troupe avevano usato proiettili veri per divertirsi fuori dal set. Lo ha scoperto la polizia
CANADA
16 ore
Container in mare e fiamme, è allarme tossico
Le acque burrascose hanno fatto perdere dei container alla nave, sulla quale è poi scoppiato un incendio
ITALIA
17 ore
«Meglio il carcere che sopportare mia moglie»
Un 30enne di Guidonia è «evaso» dai domiciliari per chiedere di scontare la sua pena in carcere
BULGARIA/ROMANIA
18 ore
Ospedali pieni, Bulgaria e Romania pensano ad inviare i pazienti all'estero
«Dovremo cercare aiuto all'estero» ha detto il Ministro della Salute bulgaro
ITALIA
18.12.2020 - 09:400

Inchiesta sul Ponte Morandi: contro gli ex manager di Autostrade ci sono accuse più gravi

Il nuovo sviluppo nasce dalle indagini sulle barriere fono-assorbenti pericolose

GENOVA - Per la tragedia del Ponte Morandi di Genova, avvenuta il 14 agosto 2018 e che ha provocato 43 morti, la Procura del capoluogo ligure ipotizza anche il reato di «crollo di costruzioni o altri disastri dolosi».

Accuse più gravi - Le nuove accuse - un aggravamento rispetto alle precedenti - arrivano sulla base dello sviluppo delle indagini sulle barriere fono-assorbenti pericolose, che hanno portato a scoprire come gli ex vertici di Autostrade per l'Italia (Aspi) abbiano voluto risparmiare sulla manutenzione della rete per accrescere gli utili del gruppo Atlantia, abbiano falsificato atti per nascondere i mancati restyling e fossero consapevoli del pericolo. 

Il tribunale del Riesame, confermando la decisione di lasciare agli arresti domiciliari l'ex responsabile delle manutenzioni di Aspi Michele Donferri Mitelli, afferma che l'accusa di crollo doloso si giustifica con la «ripetizione dei falsi report conseguente all’assenza di reali ispezioni e alla sottovalutazione dei reali vizi accertabili che ha determinato il falso affidamento sulle condizioni di salute del ponte».

La spiegazione della Procura - «Questa contestazione - spiegano dalla Procura - non significa che hanno volutamente fatto crollare il viadotto ma che hanno messo insieme una serie di comportamenti dolosi come la mancata manutenzione o la realizzazione di falsi verbali, tali da portare al crollo dello stesso». E il reato doloso, rispetto a quello colposo, ha pene molto più severe. «Si rischia un massimo di dodici anni contro i cinque del reato colposo», viene precisato. «Ovviamente le formalizzazioni della Procura potrebbero essere poi cambiate dai giudici in sede di processo». Per contestare il crollo doloso serve un fatto diretto. E per i pubblici ministeri (pm) quel fatto è la mancata manutenzione e gli atti falsi.

La scorsa settimana, sempre dall'analisi delle carte del tribunale del Riesame, era emerso come la Procura contestasse anche il reato di falso. Anche questa nuova imputazione - così come il crollo doloso - è stata messa nera su bianco dei giudici nello spiegare perché le intercettazioni telefoniche effettuate proprio nell'indagine per il viadotto crollato siano rilevanti anche per le barriere fonoassorbenti, filone di inchiesta, quest'ultimo che nei giorni scorsi aveva portato agli arresti domiciliari l'ex Amministratore delegato di Aspi e Atlantia, Giovanni Castellucci, l'ex direttore delle operazioni centrali di Aspi Paolo Berti e il già citato Donferri Mitelli.

Gli ex vertici di Autostrade secondo l'accusa avevano messo in atto falsi rapporti per nascondere «l'assenza di reali ispezioni» e per «nascondere la sottovalutazione dei reali vizi accertabili». Intanto emerge che Donferri Mitelli e Berti, dopo il crollo del Morandi furono promossi «per non accusare Castellucci». Il primo fu mandato in una società spagnola controllata dai Benetton, il secondo venne destinato a occuparsi di appalti per Aeroporti di Roma Spa.

L'inchiesta - Gli altri capi d'accusa dell'inchiesta sono attentato alla sicurezza dei trasporti, falso, disastro colposo e omicidio colposo plurimo. 71 gli indagati.

Potrebbe interessarti anche

YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter

TikTok


Copyright © 1997-2021 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2021-10-25 06:11:00 | 91.208.130.85