KEYSTONE
Sono più gravi le accuse per la tragedia del Ponte Morandi.
ULTIME NOTIZIE Dal Mondo
GERMANIA
3 ore
Il dopo-Merkel da cardiopalma, per gli exit poll Spd e Cdu sono a pari merito
Stando ai sondaggi i due partiti di maggioranza sarebbero o fermi a quota 25% o comunque molto vicino
Regno Unito
4 ore
Sabina Nessa, arrestato il presunto assassino
La 28enne è stata accoltellata a morte lo scorso 17 settembre poco lontano dalla sua abitazione
Islanda
7 ore
Prima europea con più donne che uomini in Parlamento
Il traguardo è stato raggiunto senza il bisogno d'istituire delle “quote rosa”
MESSICO
7 ore
Militari messicani sconfinano per errore negli States, arrestati
Un manipolo di 14 soldati è finito brevemente in manette, «non sapevano dell'esistenza di un confine»
FOTO
SAN MARINO
7 ore
San Marino alle urne per depenalizzare l'aborto
È una delle poche nazioni in Europa dove è ancora illegale, si vota oggi dopo una battaglia politica lunga 18 anni
GERMANIA
11 ore
Oggi in Germania si decide il volto del dopo-Merkel
Che si prospetta instabile, con un testa a testa fra Laschet e Scholz che non avranno i numeri per governare da soli
ISRAELE
12 ore
Cisgiordania, scontri e morti
Le forze di sicurezza israeliane hanno ucciso almeno quattro membri di Hamas in una vasta operazione
STATI UNITI
12 ore
Deraglia l'alta velocità: tre morti nel Montana
Un treno che correva tra Chicago e Seattle è uscito dai binari. Diversi i feriti
SPAGNA
14 ore
Altre bocche, altre eruzioni: chiuso l'aeroporto di La Palma
A preoccupare, nell'immediato, è la quantità di cenere che ha ricoperto l'isola
ITALIA
18.12.2020 - 09:400

Inchiesta sul Ponte Morandi: contro gli ex manager di Autostrade ci sono accuse più gravi

Il nuovo sviluppo nasce dalle indagini sulle barriere fono-assorbenti pericolose

GENOVA - Per la tragedia del Ponte Morandi di Genova, avvenuta il 14 agosto 2018 e che ha provocato 43 morti, la Procura del capoluogo ligure ipotizza anche il reato di «crollo di costruzioni o altri disastri dolosi».

Accuse più gravi - Le nuove accuse - un aggravamento rispetto alle precedenti - arrivano sulla base dello sviluppo delle indagini sulle barriere fono-assorbenti pericolose, che hanno portato a scoprire come gli ex vertici di Autostrade per l'Italia (Aspi) abbiano voluto risparmiare sulla manutenzione della rete per accrescere gli utili del gruppo Atlantia, abbiano falsificato atti per nascondere i mancati restyling e fossero consapevoli del pericolo. 

Il tribunale del Riesame, confermando la decisione di lasciare agli arresti domiciliari l'ex responsabile delle manutenzioni di Aspi Michele Donferri Mitelli, afferma che l'accusa di crollo doloso si giustifica con la «ripetizione dei falsi report conseguente all’assenza di reali ispezioni e alla sottovalutazione dei reali vizi accertabili che ha determinato il falso affidamento sulle condizioni di salute del ponte».

La spiegazione della Procura - «Questa contestazione - spiegano dalla Procura - non significa che hanno volutamente fatto crollare il viadotto ma che hanno messo insieme una serie di comportamenti dolosi come la mancata manutenzione o la realizzazione di falsi verbali, tali da portare al crollo dello stesso». E il reato doloso, rispetto a quello colposo, ha pene molto più severe. «Si rischia un massimo di dodici anni contro i cinque del reato colposo», viene precisato. «Ovviamente le formalizzazioni della Procura potrebbero essere poi cambiate dai giudici in sede di processo». Per contestare il crollo doloso serve un fatto diretto. E per i pubblici ministeri (pm) quel fatto è la mancata manutenzione e gli atti falsi.

La scorsa settimana, sempre dall'analisi delle carte del tribunale del Riesame, era emerso come la Procura contestasse anche il reato di falso. Anche questa nuova imputazione - così come il crollo doloso - è stata messa nera su bianco dei giudici nello spiegare perché le intercettazioni telefoniche effettuate proprio nell'indagine per il viadotto crollato siano rilevanti anche per le barriere fonoassorbenti, filone di inchiesta, quest'ultimo che nei giorni scorsi aveva portato agli arresti domiciliari l'ex Amministratore delegato di Aspi e Atlantia, Giovanni Castellucci, l'ex direttore delle operazioni centrali di Aspi Paolo Berti e il già citato Donferri Mitelli.

Gli ex vertici di Autostrade secondo l'accusa avevano messo in atto falsi rapporti per nascondere «l'assenza di reali ispezioni» e per «nascondere la sottovalutazione dei reali vizi accertabili». Intanto emerge che Donferri Mitelli e Berti, dopo il crollo del Morandi furono promossi «per non accusare Castellucci». Il primo fu mandato in una società spagnola controllata dai Benetton, il secondo venne destinato a occuparsi di appalti per Aeroporti di Roma Spa.

L'inchiesta - Gli altri capi d'accusa dell'inchiesta sono attentato alla sicurezza dei trasporti, falso, disastro colposo e omicidio colposo plurimo. 71 gli indagati.

Potrebbe interessarti anche

YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter

TikTok


Copyright © 1997-2021 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2021-09-26 21:58:39 | 91.208.130.85