Immobili
Veicoli

ITALIABerlusconi ricoverato: «A marzo sarebbe morto»

11.09.20 - 09:00
Lo ha spiegato Alberto Zangrillo, primario del San Raffaele e medico personale del leader di Forza Italia
keystone-sda.ch (Claudio Furlan)
ITALIA
11.09.20 - 09:00
Berlusconi ricoverato: «A marzo sarebbe morto»
Lo ha spiegato Alberto Zangrillo, primario del San Raffaele e medico personale del leader di Forza Italia
Il primario ha parlato in diretta a"Piazzapulita", su La7: «La carica virale era talmente elevata che a marzo-aprile, sicuramente non avrebbe avuto l’esito che ha ora». Le condizioni di Berlusconi? «Più che soddisfacenti».

MILANO - A parità di condizioni, il decorso della malattia di Silvio Berlusconi - ricoverato da una settimana dopo essere risultato positivo al coronavirus - sarebbe stato più nefasto se l'ex presidente del Consiglio italiano si fosse contagiato durante la scorsa primavera.

«La carica virale del tampone nasofaringeo di Berlusconi era talmente elevata che a marzo-aprile, sicuramente non avrebbe avuto l’esito che fortunatamente ha ora», ha detto ieri in diretta a"Piazzapulita" su La7 Alberto Zangrillo, medico personale del Cavaliere e primario di Terapia intensiva del San Raffaele di Milano.

Lo avrebbe quindi ucciso? «Assolutamente sì, molto probabilmente sì, e lui lo sa», ha proseguito Zangrillo, sottolineando che «non si tratta di una boutade per esagerare, visto il personaggio di cui si parla, ma è un cercare di rimanere aderenti alla realtà». Il primario ha quindi spiegato che il virus non è mutato, ma la realtà clinica mostra che probabilmente «si sta adattando all'ospite in modo diverso».

Per quanto concerne invece le condizioni attuali di Berlusconi, il medico ha spiegato che sono «più che soddisfacenti» e che l'epilogo della malattia sarebbe «vicino».

CORRELATI
NOTIZIE PIÙ LETTE
ULTIME NOTIZIE DAL MONDO