keystone-sda.ch (Eric Villars)
+3
MAURITIUS
09.08.2020 - 13:310

Marea nera alle Mauritius, Tokyo manda gli esperti

La petroliera, lunga 300 metri, si è incagliata il 25 luglio. Il 6 agosto ha iniziato a perdere carburante

PORT LOUIS - Il governo di Tokyo invierà una squadra di esperti alle Mauritius per fornire assistenza dopo la fuoriuscita del combustibile dalla nave di proprietà di un armatore giapponese e il rischio di un disastro ambientale senza precedenti.

Un team di sei persone partirà lunedì mattina alla volta di Port Louis, la capitale dell'isola situata 550 chilometri a est del Madagascar, dove si è arenata la petroliera.

L'esecutivo nipponico ha spiegato in un comunicato che il team ha una conoscenza specifica delle attività di soccorso nella gestione dei disastri ambientali e nella rimozione di sostanze inquinanti a salvaguardia degli ecosistemi.

Nella squadra ci sono 4 membri della Guardia costiera nazionale, un funzionario del ministero degli Esteri e uno della Agenzia della Cooperazione internazionale.

Separatamente, in una conferenza stampa il vice presidente della Mitsui O.S.K., Akihiko Ono, si è scusato per l'incidente e ha promesso di contribuire al meglio per risolvere il caso in maniera spedita in cooperazione con la società armatrice proprietaria della nave, Nagashiki Shipping Co.

Quasi 4'000 tonnellate nel serbatoio - La petroliera lunga 300 metri, varata nel 2007, era salpata dalla Cina, via Singapore, con destinazione finale in Brasile. Trasportava circa 3'800 tonnellate di petrolio quando si è incagliata il 25 luglio a Pointe d'Esny, una zona protetta dalla Convenzione di Ramsar sulle zone umide, situata vicino al parco marino di Blue Bay, un altro ecosistema a rischio.

Da giovedì mattina oltre 1000 tonnellate di petrolio si sono riversate in mare, costringendo il premier mauriziano Pravind Jugnauth a dichiarare uno "stato di emergenza ambientale".

keystone-sda.ch (Eric Villars)
Guarda tutte le 7 immagini
Commenti
 
ATTENZIONE: a causa dell’elevato numero di commenti sui blog e alla difficoltà della redazione di monitorarli, abbiamo attivato un filtro automatico.
La libertà di espressione deve essere garantita da un comportamento civile e rispettoso di ciascun utente.
Chiunque scriverà offese o frasi irrispettose verrà automaticamente bannato con la conseguente cancellazione dell’account.
francox 1 mese fa su tio
..e l'hanno lasciata sbattere sulle rocce bella piena per 11 giorni.
lollo68 1 mese fa su tio
@francox C'era il mare grosso che impediva qualsiasi operazione come quella di aspirare il petrolio!
francox 1 mese fa su tio
@lollo68 Mah, non hanno nemmeno messo le barriere di contenimento. Atterriamo sulle comete. Cavolo, qualcosa avrebbero potuto tentare.
sedelin 1 mese fa su tio
basta con il petrolio!
curzio 1 mese fa su tio
@sedelin Raccontami come ti trovi con la tua macchina elettrica.
Potrebbe interessarti anche

YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter


Copyright © 1997-2020 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2020-09-25 18:17:00 | 91.208.130.86