Cerca e trova immobili

COP28«Senza petrolio si torna alle caverne», alla Cop28 scoppia il caso

03.12.23 - 12:45
Fanno discutere le parole del presidente, Sultan Al Jaber: «Stop ai combustibili fossili? Nessuna scienza dimostra che sia necessario»
keystone-sda.ch / STF (Kamran Jebreili)
Fonte ats
«Senza petrolio si torna alle caverne», alla Cop28 scoppia il caso
Fanno discutere le parole del presidente, Sultan Al Jaber: «Stop ai combustibili fossili? Nessuna scienza dimostra che sia necessario»

DUBAI - Alla Cop28 di Dubai diventano un caso le parole di Sultan Al Jaber, presidente della delegazione organizzatrice dell'evento. Il politico emiratino, infatti, si è espresso contro l'eliminazione dei combustibili fossili, uno degli obiettivi del summit, sostenendo che questo significherebbe "un ritorno al tempo delle caverne". "Affermazioni assolutamente preoccupanti e sull'orlo del negazionismo climatico", le ha definite il segretario generale dell'Onu, Antonio Guterres.

Le affermazioni sono state riportate dal Guardian e dall'organizzazione di giornalismo investigativo Centre for Climate Reporting, e sarebbero state pronunciate nel corso di una sessione dei lavori.

"Nessuna scienza dimostra che un'uscita dai combustibili fossili è necessaria per limitare il riscaldamento globale a 1,5 gradi centigradi sopra i livelli pre-industriali", ha sostenuto Al Jaber, aggiungendo che seguire quella strada non permetterebbe di perseguire uno sviluppo sostenibile: "A meno che - ha proseguito - qualcuno non voglia riportare il mondo indietro all'era delle caverne".

Al Jaber, inviato speciale degli Emirati Arabi per la lotta ai cambiamenti climatici, è da tempo nel mirino degli ambientalisti, e non solo, che lo accusano di conflitto di interessi, essendo il numero uno di Adnoc, la compagnia petrolifera statale.

COMMENTI
 

Roggino 2 mesi fa su tio
Finisce il petrolio si torna a tende e cammelli, fine che inevitabilmente faranno comunque.

Thinks 2 mesi fa su tio
Risposta a Roggino
Non credo siano tanto ingenui, probabilmente non hai idea dei progetti e investimenti che stanno facendo x il solare nel deserto visto che ne hanno più di noi, nel caso finisse il dio petrolio...

Suissefarmer 2 mesi fa su tio
un vetraio non condannera mai il tizio che rompe i vetri a terzi, logica? ma se a condannare sia una persona non coinvolta con il vetraio ed il tizio, sicuramente la strada giusta dopo i dovuti accertamenti verrà trovata per risolvere il problema. un macellaio non vi dirà mai che la carne fa male, inquina, crea sofferenza e malattie nei allevamenti. un meccanico non ucciderà le martore, sononcarine! un pescatore di professione non dirà mai che bisogna chiudere la pesca perché i pesci sono a rischio.

Ciulindo.47 2 mesi fa su tio
Purtroppo, per taluno l’ovvietà consiste nel limitandosi ad una fotografia dell’esistente senza avvertire nessuna retroazione del futuro sul presente appellandosi, per giunta, alle forme verbali.

Arcadia7494 2 mesi fa su tio
Risposta a Ciulindo.47
L'osservazione di Keope invece è pertinente. "Apparterebbero" è decisamente più realistico di "appartengono". Da sempre chi ha le risorse (vedi: confini) le gestisce come meglio ritiene, nei limiti di ciò che può fare autonomamente, molto spesso a discapito di una parte dell'umanità. Il concetto di "appartengono" è un ideale, che mi pare non abbia mai avuto riscontro nella storia dell' Uomo e mai, credo, l’avrà.

Ciulindo.47 2 mesi fa su tio
Risposta a Ciulindo.47
La forma verbale al congiuntivo presente “apparterrebbero” introduce nella proposizione un’ ipotesi, una supposizione, che, nella mia affermazione rifiuto perentoriamente. Dunque ripeto: “le materie prime appartengono all’umanità che ne abbisogna” e completo: a prescindere dai recinti degli stati nazionali che prevaricano i diritti e i bisogni della collettività. E aggiungo: gli stati nazionali sono l’origine e la causa di tutti i soprusi e di tutte le guerre.

Keope1963 2 mesi fa su tio
Risposta a Ciulindo.47
Altra ovvietà che non risolve e cambia la realtà.. Ciulindo inutile volare nella stratosfera…

Arcadia7494 2 mesi fa su tio
Risposta a Ciulindo.47
Ciulindo , ed in alternativa agli Stati nazionali, cosa proporresti? Ad es. come faresti a sviluppare importanti opere di genio civile , come le vie di comunicazione (chi le gestirebbe?) ? Internet come verrebbe gestito? E le organizzazioni internazionali, importanti per il dialogo fra paesi e aree nel mondo, come potrebbero sopravvivere?

Ciulindo.47 2 mesi fa su tio
Risposta a Arcadia7494
Arcadia 7494: Se anche Lei, non é affetto da “statolatria” come la maggior parte delle persone, capirà che, come tutte le cose in natura, il sistema capitalistico ha una freccia del tempo; e quindi dovrà lasciare il posto ad un sistema più evoluto senza stati nazionali i quali, oltretutto, sono anche un serio ostacolo alla circolazione di merci persone e capitali.

Keope1963 2 mesi fa su tio
Risposta a Ciulindo.47
Scusi ma .. fantascienza almeno per i prossimi due secoli!

Arcadia7494 2 mesi fa su tio
Risposta a Ciulindo.47
Ciulindo, io sono fautore della decrescita economica (consumiamo troppo), ma un sistema alternativo al capitalismo non c'è. Hanno tutti fallito. Ciò che si può fare è avere leggi che ne limitino gli effetti negativi e , ovviamente, accrescere la coscienza ambientalista. Tutti abbiamo la nostra responsabilità. C'è una terra sola e difficilmente troveremo mai un pianeta dove scappare. Inoltre, permettimi, la tua visione dello Stato è molto riduttiva. Una società senza Stati mi pare impensabile, un'utopia degna dei figli dei fiori. Come potremmo gestire le macro strutture e le macro attività? Come farebbero a sopravvivere le comunità svantaggiate (di montagna, di campagna , ecc...) senza le sovvenzioni dello Stato? E la gente meno abbiente a studiare? Gli ospedali, le scuole, la ricerca ecc.. come farebbero a restare al passo dei tempi? E possiamo trovare centinaia di altri esempi. Forse lo Stato un giorno non ci sarà più , forse il capitalismo sarà morto e sepolto, ma ci vorrà molto tempo e sarà conseguenza dei cambiamenti della società, nello stesso modo in cui gli Stati si sono sviluppati nei secoli per fare fronte a realtà diverse, sfide sempre più esigenti ed agglomerati sempre più grandi .

Ciulindo.47 2 mesi fa su tio
Risposta a Arcadia7494
Arcadia 7494: C'è una corrente borghese, che ha come rappresentante Serge Latouche, che ha ripreso il tema del "disinvestimento" in chiave riformistica: bisogna abbandonare la fede e la religione della crescita a favore di una decrescita felice. Siccome i “partigiani della decrescita” non riescono a vedere un futuro diverso dal presente, fanno riferimento al passato, quando c'erano meno automobili, tecnologia, più campagna e soprattutto piccole comunità proudhoniane. Se poi si aggiungono i cibi a chilometro zero, gli orti autogestiti e i gruppi di acquisto solidale, il piatto è servito. Il cervello artificiale sta crescendo e acquisendo caratteristiche simili a quelle del cervello umano, ma consuma molta più energia. Si affronta quindi il problema dello scambio di materia ed energia tra l'ambiente e la specie umana, arrivando alla conclusione che, o si va verso un equilibrio dinamico con la biosfera, oppure verso un divenire insostenibile con conseguenze catastrofiche. Si tratta dunque di affrontare in maniera sistemica il rapporto tra uomo e natura attraverso un piano di specie che riguardi l'energia, gli spostamenti, la produzione, i consumi, ecc. Per arrivare a questo risultato è indispensabile cambiare paradigma economico e abolire gli stati nazionali (fortunatamente si stanno già disgregando da soli) che affrontano i problemi solo in termini di concorrenza, sanzioni e guerre. Evidentemente, a tal punto, sarà necessario un governo mondiale.

Keope1963 2 mesi fa su tio
Risposta a Ciulindo.47
Scusi se mi permetto di esprimere la mia opinione a riguardo. Bellissimo il principio ma perfettamente inattuabile. Stiamo andando nella direzione opposta e chi è al potere non ha di certo voglia di tutto questo.. a meno che un’altra guerra mondiale di portata davvero planetaria ci porti la necessità di rifondare la società umana in un altro modo.

Arcadia7494 2 mesi fa su tio
Risposta a Ciulindo.47
Ciulindo, d'accordo sul cambiamento di paradigma economico, nell'ultimo secolo abbiamo vissuto come dei pazzi , ma l'idea che per farlo sia meglio senza Stati non mi convince. Non ora. Come si può fare gestire tutte le questioni ad un governo mondiale? L'accentramento di potere non mi pare abbia mai portato risultati significativi nella storia , ma piuttosto ad inefficienza, che nel lungo termine porta spesso al fallimento. La struttura migliore è a mio modo di vedere simile al nostro paese, in cui autorità di crescente livello (comuni, cantoni, confederazione) assumono compiti diversi. Ogni organizzazione a cascata dovrebbe avere compiti di natura differente. Utopicamente potremmo fissare una grandezza massima per Paese, tipo un'area con max 30 milioni di abitanti, in modo che nessun Paese sia troppo grande per fare (troppi) danni. Ma dimentico una cosa importante: va cambiata la testa dell'Uomo, e per questo non basterà un millennio...

Keope1963 2 mesi fa su tio
Risposta a Arcadia7494
Sei generoso con 30 milioni.. se guardiamo la Cecoslovacchia si è pacificamente separata in due stati.. la Ex Jugoslavia si è separata purtroppo non pacificamente in 6 stati, i catalani vorrebbero il referendum per l’indipendenza ecc ecc .. io non percepisco tutto questo entusiasmo della popolazione mondiale all’idea di governi centrali. Un governo mondiale guidato da chi? Ci saranno 8 miliardi di elettori per quanti partiti? Oppure non ci sarà più la politica i partiti ecc ecc? Non è per questo millennio. È già un miracolo se riusciremo ad influire sull’economia e riportare la produzione al necessario e non mantenerla al superfluo.

Ciulindo.47 2 mesi fa su tio
Risposta a Keope1963
Beh, che dire? C'é gente che pur con il petrolio non é mai uscita dalla caverna. Non quella di Al Jabar, ma quella del mito di Platone.

Keope1963 2 mesi fa su tio
Risposta a Ciulindo.47
Il mito di Platone esiste perché in barba alla millantata evoluzione l’umanità nemmeno lì è ancora arrivata.

Keope1963 2 mesi fa su tio
Risposta a Arcadia7494
E ma al signor Ciulindo sta più a cuore dilettarsi con gli insegnamenti ricevuti all’università della crusca piuttosto che esprimersi in modo chiaro e realistico.

Ciulindo.47 2 mesi fa su tio
Risposta a Keope1963
Ho capito Signor Keope 1963, e non si offenda ma Lei è veramente una persona semplice, senza alzate d’ingegno o d’ intuizione sul futuro della società. Ipnotizzato davanti alla fotografia del passato o del presente. Immerso in una sistema che sta disgregandosi senza che se ne accorga. Mi ricorda la storiella di quel tale che chiese ad un pesce: “com’è l’acqua oggi? “Cos’è l’acqua?” rispose candidamente il pesce.

Keope1963 2 mesi fa su tio
Risposta a Ciulindo.47
Si certo come no 😂👍 Lei invece prende la mongolfiera per navigare nell’iperspazio👍

Mox 2 mesi fa su tio
Purtroppo in assenza di una valida alternativa il beduino ha ragione

Ciulindo.47 2 mesi fa su tio
Al di là dei recinti tracciati dagli stati nazionali, le materie prime appartengono all’umanità che ne abbisogna.

Keope1963 2 mesi fa su tio
Risposta a Ciulindo.47
Lo vada a dire a chi tiene le redini dei governi e dell’economia. Queste affermazioni sono ovvie e inutili in quanto non rispecchiano la realtà dei fatti. Dunque si, ha ragione se cambia la firma verbale da appartengono ad apparterrebbero ..

Keope1963 2 mesi fa su tio
Risposta a Keope1963
Forma verbale

RV50 2 mesi fa su tio
Almeno loro sfruttano quello che il loro sottosuolo li ha abbondantemente favoriti senza andare a occupare altre nazioni. Cosa mi dite allora della grande Francia , Olanda e altri paesi UE che ai tempi hanno colonializzato mezza Africa sfruttando il loro sottosuolo ricco di oro, diamanti e via dicendo lasciandoli in piena povertà , allora li andava bene ipocriti , se gli arabi hanno la fortuna di avere il petrolio perché non sfruttarla dopo tutto non rubano niente a nessuno

Keope1963 2 mesi fa su tio
Risposta a RV50
Cosa mi dici dei russi che hanno colonizzato tutte le popolazioni siberiane? Non sono forse colonie quelle oltre gli Urali?

RV50 2 mesi fa su tio
Risposta a Keope1963
Keope1963 che tu sia un anti russo é un fatto evidente anche ai c e c h i , ma qui l'argomento é un'altro si parla di petrolio dei paesi arabi , e non della colonizzazioni della siberia .... qui i siberiani non arrivano come profughi mentre dall'Africa sfruttata da paesi UE tutti i giorni arrivano miglia di profughi e quei paesi che li hanno sfruttati ora gli chiudono la porta in faccia ,forse non vedi la realtà o ti va comodo non vederla !!!!!!

Keope1963 2 mesi fa su tio
Risposta a RV50
No no sei tu che non perdi occasione di vedere il marcio solo alle nostre latitudini sputando allegramente nel piatto dal quale ti nutri. Ho citato le colonie siberiane come tu hai citato le colonie africane nel tuo commento. Perciò ti meravigli? La porta in faccia è talmente chiusa che abbiamo il tasso di accoglienza continentale più alto al mondo. Ma di cosa parli.

Roggino 2 mesi fa su tio
Risposta a RV50
Chissà perché solo le ex colonie Africane ha di questi problemi, mentre altre ex colonie viaggiano decisamente su altri livelli 😉

RV50 2 mesi fa su tio
Risposta a Keope1963
Keope1963 io non sputo nel piatto dove mangio ,anzi comincia tu a dare alla nazione quello che io ho dato per oltre 40anni e poi ne discuteremo; in quanto all'accoglienza a parte l'Italia che é martoriata da arrivi via mare e deve accettarli tutti , mi risulta che la Francia abbia da tempo chiusi i porti sul Mediterraneo , l'Inghilterra non é da meno e vorrebbe trasferire i profughi fuori dai suoi confini , l'Olanda col nuovo governo non é certo propensa a riceve altri profughi , anzi vorrebbe perfino uscire dall' UE , la Germania comincia a rivoltarsi anche lei quindi non vedo una grande volontà di cercare nell'UE una soluzione decisiva ,questione che si sta protraendo da decenni , qui da noi , malgrado che mi accusi di sputare nel piatto dove mangio, hanno più diritti asilanti, profughi e via dicendo a scapito della popolazione locale ..... e se per accoglienza consideri umano mettere 1500 persone in un centro che ne può ospitare 500 o farli dormire sotto i ponti a questo punto mi chiedo io di cosa parli

Keope1963 2 mesi fa su tio
Risposta a RV50
Se mai stato in Francia o in Inghilterra? Hanno una percentuale di africani + stranieri naturalizzati o residenti estremamente elevata. Molto superiore alla nostra. Cercano di mettere un freno perché il fenomeno è ormai fuori controllo. Quelli che dormono sotto i ponti sono i clandestini e tu naturalmente sei libero di prenderteli a casa se fai richiesta di adozione! Inoltre tu di me non sai nulla, perciò non fare teorie su chi da e chi prende.

RV50 2 mesi fa su tio
Risposta a Keope1963
Keope 1963 visto che io di te non so nulla tu cosa sai di mé? per dire di non sputare nel piatto dove mangio? in fatto di clandestini chi arriva coi barconi non sono certamente persone che si dichiarano alla frontiera in quanto all'adozione che ne sai ? e se in Francia e Inghilterra hanno più africani naturalizzati é perché loro sono andati ad occupare i loro territori , l'Algeria l'hanno messa sotto lo stato francese quindi i suoi cittadini hanno tutti i diritti di ritenersi francesi

Keope1963 2 mesi fa su tio
Risposta a RV50
Sputi nel piatto ogni qualvolta che glorifichi i Brics e inveisci contro il nostro sistema politico ed economico. I clandestini sanno di arrivare clandestinamente e di non essere accolti in hotel a 5 stelle.

RV50 2 mesi fa su tio
Risposta a Keope1963
Keope 1963 Ti ritorno a ripetere che io non sputo nel piatto dove mangio , il fatto di "inveisci" conto il nostro sistema politico ed economico me lo permette la democrazia in qui vige nel nostro paese , quì non siamo in dittatura!!! in quanto "glorifico" i Brice non so di cosa intendi . Però ti voglio dare degli schiarimenti sulla mia persona.... io e non ho fatica ad ammetterlo sono stato per oltre un ventennio tesserato nel PS ticinese perché credevo al movimento, ti dico anche che in quel periodo sono stato sempre per il PS consigliere comunale per 12 anni , fino quando ho capito che i principi a cui credevo venivano a mancare a livello sia cantonale sia nazionale , a questo punto visto che per fortuna io ragiono con la mia testa e non con il "fanatismo" politico ho deciso di dare le dimissioni dallo stesso partito. nel frattempo nel mio comune si era formato un gruppo civico in cui facevano parte piû idee politiche e mi hanno chiesto se volevo sostenerlo sono stato eletto e per altri 4 anni ho dato il mio appoggio , nel frattempo a livello politico era stata introdotta la lista senza intestazione , per cui a quel punto ho potuto votare le persone e non il partito , persone che potevano essere rosse,blu e via dicendo , anche ammetto in qualche circostanza mi sono pentito di avere dato il voto a una persona che poi non ha rappresentato quanto aveva proclamato. e ti voglio anche dire che durante la mia presenza come consigliere comunale facevo parte della commissione assistenza ; e li ho potuto costatare quanti nostri anziani che dovevano vivere solo con AVS sia per orgoglio o per on senso di onore non osavano chiedere gli aiuti che avrebbero avuto di diritto , e in alcuni casi con mia soddisfazione sono riuscito a convincerli che non chiedevano la carità ma il giusto che gli aspettava ; mentre assistevo a gente che viveva di invalidità "molto dubbia" e che chiedevano pure l'assistenza li mi sono accorto di quanto venivano considerati più i "profughi o tali" a scapito dei nostri anziani..Con questo é mia intenzione chiudere questo scambio di "offese" gratuite che per me ricevute da un personaggio del tuo intelletto non mi fanno ne caldo ne freddo in quanto so chi sono e chi sono stato e fatto per il mio paese .... un consiglio te lo voglio dare la prossima volta che vuoi commentare un mio commento sciacquati la bocca e quando apri la bocca non farlo solo per dare aria al cervello , e quì chiudo augurandoti a te e ai tuoi Buone Feste e un Sereno Anno Nuovo il tutto senza rancori ma con sincerità , anche perché non é nel mio stile di vita portare rancore

Keope1963 2 mesi fa su tio
Risposta a RV50
Wow come sei bravo complimenti. E dopo ciò magari credi di meritare i sentiti applausi della platea? Hai iniziato a citare le colonie africane incolpando naturalmente le nazioni che a noi confinano. Siccome sempre contro gli occidentali .. europei o USA che siano, fai le tue discutibili teorie, ti ho ricordato che in Siberia la Russia le sue colonie le ha ancora. Ma mai una volta che tu oggettivamente riesca a citare anche la Russia tra gli Stati che hanno abusato di altri.. comunque per il resto delle tue vanagloriose elucubrazioni ti dico solo che oggi è l’ultima volta che perdo il mio tempo a leggere o commentare simili castronerie 🤷‍♂️

mavic 2 mesi fa su tio
Petrolio o no la terra continuerà a riscaldarsi e raffreddarsi come ha sempre fatto, visto che è un discorso cíclico nella linea del tempo.. Solo un pretesto per contabilizzare con una qualche tassa in più da pagare.. poveri esseri umani, poveri illusi, poveri ignoranti egocentrici.

Luigi Bianchi 2 mesi fa su tio
Risposta a mavic
...anche questa idea, è una teoria. non ci sono prove per renderla una realtà. 300 mila anni fa chi c'era che può testimoniare? un pezzo di roccia?

Emib5 2 mesi fa su tio
Risposta a mavic
mavic A sentire gli esperti del settore, il riscaldamento degli ultimi 50 anni circa è anomalo rispetto alla storia dell'ultimo milione di anni. Mai ci fu un riscaldamento così rapido senza un evento estremo come l'impatto di un grande meteorite o una fortissima ttività vulcanica, quindi non si può che dedurre che la causa è l'uomo e, per rispondere a Bianchi, non è necessrio avere una testimonianza diretta da persone vissute allora, i dati si ricavano in altri modi, come anche nello studio dei corpi celesti.

WhatwrongCH 2 mesi fa su tio
Risposta a mavic
Mavic: ben detto

MR81 2 mesi fa su tio
Tanto per loro 1,5 gradi in più, cambia nagot😅☀️☀️

ilarios 2 mesi fa su tio
Già fare un Summit a Dubai... siamo al medioevo sicuri.

Luca 68 2 mesi fa su tio
certo che loro tornerebbero ai tempi delle caverne, niente petrolio niente soldi

Keope1963 2 mesi fa su tio
Ul summit di Dobal

giàgggià 2 mesi fa su tio
😂😂😂😂🙏🙏🙏🙈🙈🙈 dai che commutiamo dal fossile….all‘atomo…. 😂😂😂🙈🙈🙈🙈 vagonate di fenomeni, tutti in aereo (privato) a fiscutere di klima! 😂😂😂🙈🙈🙈🙈 dai… olimpiadi invernali a dubai… e giù mmmmmilioni! 🙈🙈🙈😱😱🤣🤣🤣🤣

sbomba 2 mesi fa su tio
certo certo

alessandro_apostolo 2 mesi fa su tio
Scusate ma mi sembra un po’ un controsenso fare la cop a Dubai senza aspettarsi una affermazione del genere

s1 2 mesi fa su tio
Finalmente qualcuno che dice le cose come stanno e non fa il teatrino telecomandato dal wef

Disà 2 mesi fa su tio
Risposta a s1
neanche lontanamente dicono le cose come stanno

patriota1291 2 mesi fa su tio
Risposta a s1
ae si perché il scior a capo dell'azienda petrolifera emiratiana di sicuro è anti sistema ne? dai dai

s1 2 mesi fa su tio
Risposta a patriota1291
Ecco sono andato sul sito del Guardian e mi sono visto il video incontro dove c'è stato lo scambio in oggetto. Molto interessante da ascoltare Al Jaber che discute con Mary Robinson. E come non sottolineare che le parole dell'emiro sono state sottilmente e abilmente distorte...

97Heine.ken 2 mesi fa su tio
Nell'era delle caverne in effetti Ronaldo non veniva pagato 500 milioni.

Disà 2 mesi fa su tio
Risposta a 97Heine.ken
fai anche 1 miliardo

Rusky 2 mesi fa su tio
logisch siccome gli Emirati hanno il petrolio sotto al k u l o a loro non interessano le energie rinnovabili ehhh

Luigi Bianchi 2 mesi fa su tio
Risposta a Rusky
ragazzi. in realtà è una piccola parte la ricchezza del petrolio. si sono già diversificati... cmq tutto il mondo consuma petrolio. dai cosmetici, medicamenti, plastica per imballare... le idee ci sonoper cambiare e tecnologie... ma come sempre manca la volontà e la capacità di mettere in pratica

Roggino 2 mesi fa su tio
Risposta a Luigi Bianchi
Quella che tu definisci una piccola parte è l’85% delle loro entrate, alla faccia della diversificazione.

Dex 2 mesi fa su tio
Disse il dittatore

Rik830 2 mesi fa su tio
Risposta a Dex
👍

Aaahhh 2 mesi fa su tio
Prima si arricchiva il medio oriente (e gli usa) con il petrolio poi la Cina (e gli usa) con le batterie. Gli usa sempre dentro. L’Europa ? Paga il padrone…

Dantissimo 2 mesi fa su tio
Le sue dichiarazioni sono prevedibili come l'odore delle mie scorre

Keope1963 2 mesi fa su tio
Risposta a Dantissimo
Citando Barbariccia.. Ed elli avea del c+u+l fatto trombetta. 😂

BlackWhitePanther 2 mesi fa su tio
La vendita del petrolio arricchisce stati che promuovono e finanziano il terrorismo. Questa sarebbe una ragione sufficientemente valida per cercare di farne a meno (facendo sacrifici e rinunce).

Gio58 2 mesi fa su tio
Risposta a BlackWhitePanther
Nel 2022 le entrate della Confederazione come accise sui carburanti ha superato i 4 miliardi di franchi. Finanziamo anche noi il terrorismo?

Rik830 2 mesi fa su tio
Per forza senza petrolio sono disoccupati…. E non potrebbero avere i miliardi e tutto quello che ne concerne …

Koblet69 2 mesi fa su tio
E per forza, niente combustibili fossili e niente soldini ... A tornare al tempo delle caverne( nel deserto) saranno loro

Righe76 2 mesi fa su tio
Il Sig Sultan ha perfettamente ragione, e chi pensa che la rivoluzione dell’’elettrico cambierà il mondo si sbaglia di grosso!

Disà 2 mesi fa su tio
Risposta a Righe76
il " Sig. Sultan " se ne fega altamente di te , di me e del mondo , l' unica preoccupazione è il fluire costante e immenso di denaro per finanziare i loro capricci , a qualunque costo ...

Tirasass 2 mesi fa su tio
Comincio a provare molto fastidio che sempre più cose passano x Dubai. Che interessi si celano laggiù? Ripulitura del regime? Mazzette agli occidentali? Maaaah

Ascot 2 mesi fa su tio
Risposta a Tirasass
Visto che i nostri governi dormono… 🤷‍♂️

Peter Parker 2 mesi fa su tio
Questa notizia avrebbe fatto ridere anche se fosse stata pubblicata il 1. Aprile……

Ascot 2 mesi fa su tio
Risposta a Peter Parker
No no. No fa per nulla ridere. Mi fai ridere tu se pensi che di possa abolire del tutto il combustibile fossile…

Peter Parker 2 mesi fa su tio
Risposta a Ascot
Ascot. Forse mi sarò espresso male. Intendo che fa ridere la COP (e chi pensa che sia così importante), non il messaggio di questo tizio, che ha semplicemente detto una frase molto realista.

Disà 2 mesi fa su tio
quando si dice mettere la volpe a guardia del pollaio , uno sce mpio dopo l' altro senza vergogna alcuna

airman21 2 mesi fa su tio
No ma vabbè se andate a Dubai a fare le conferenze sul clima cosa credete che succeda. Ad ogni modo si vede molto bene che i paesi arabi che hanno guadagnato trilliardi da questo business non lo molleranno tanto facilmente.

Ascot 2 mesi fa su tio
Risposta a airman21
E per fortuna
NOTIZIE PIÙ LETTE