Immobili
Veicoli
keystone-sda.ch / STF (DEAN LEWINS)
ULTIME NOTIZIE Dal Mondo
REGNO UNITO
4 ore
Per un giurato “disonesto” il processo a Maxwell è da rifare?
Era stato vittima di abusi da bambino e non l'aveva detto, secondo i legali della difesa questo inficia il procedimento
LIVE CORONAVIRUS
LIVE
La vaccinazione in Austria diventa obbligatoria
La misura entrerà in vigore dal prossimo 4 febbraio. È il primo Paese europeo a introdurla
STATI UNITI
6 ore
Si chiude il capitolo sulla Sindrome dell'Avana
La Cia ammette che il malore che ha toccato centinaia di americani non è stato causato da potenze straniere
GERMANIA
8 ore
Abusi a Monaco: «Scosso e mortificato»
Nei prossimi giorni Benedetto XVI esaminerà «con la necessaria attenzione» il rapporto
FOTO
YEMEN
8 ore
«Vasta operazione» saudita contro gli Huthi
Riad ha annunciato l'offensiva aerea in sostegno degli Emirati Arabi Uniti, colpiti da un attacco lunedì scorso
BRASILE
9 ore
Sono tanti, sono armati e hanno preso il controllo delle favelas
Le autorità hanno lanciato un programma per «cambiare la vita della popolazione» delle favelas di Rio
ITALIA
11 ore
L'incidente nel 1987, il risarcimento ora (ma ormai è deceduto)
L'uomo è purtroppo morto nel frattempo, i soldi andranno quindi ai famigliari
GERMANIA
13 ore
Abusi nella Chiesa tedesca, «Ratzinger non agì in 4 casi»
Un rapporto stilato da uno studio legale fa luce sia su chi avrebbe perpetrato gli atti, sia su chi li avrebbe occultati
ITALIA
14 ore
Terremoto in Calabria, evacuate le scuole
Il sisma ha avuto epicentro in mare, al largo di Vibo Valentia
ITALIA
14 ore
Italia: da oggi serve il Green pass per entrare da parrucchieri ed estetisti
Da febbraio sarà presumibilmente necessario il certificato per accedere ad uffici, servizi e negozi non essenziali
MONDO
15 ore
I morti per Covid-19 potrebbero essere molti di più di quello che pensiamo
Le vittime della pandemia, secondo un confronto pubblicato su Nature, potrebbero essere arrivate a quota 20 milioni
TONGA
16 ore
Travolto dallo tsunami, racconta un'odissea di 24 ore
L'incredibile storia narrata da un 57enne tongano ad un'emittente radio locale
ITALIA
17 ore
I rapper Baby Gang ed Ezza in manette a Milano con l'accusa di rapina
L'arresto avvenuto nel Milanese. I furti compiuti in gruppo ai danni di ragazzini per le vie della movida milanese
STATI UNITI
18 ore
«Un'invasione dell'Ucraina? Putin la pagherà a caro prezzo»
L'ipotesi di Joe Biden è che la Russia stia per entrare in Ucraina, ma «sarà una decisione che pagherà a caro prezzo»
FOTO
NUOVA ZELANDA
19 ore
Quel che resta di Tonga, nelle prime foto da terra
I soccorsi sono infine riusciti ad arrivare, altri arriveranno presto, mentre sull'isola l'acqua inizia a scarseggiare
SRI LANKA
20 ore
Il dilemma dello Sri Lanka: ripagare il debito o comprare i beni essenziali?
La mancanza dei turisti stranieri causa Covid (e dei dollari) ha causato una reazione a catena, con effetti devastanti
MONDO
1 gior
La resistenza agli antibiotici uccide più di 1,2 milioni di persone ogni anno
È quanto emerso dal primo studio che ha valutato a livello globale il fenomeno
STATI UNITI
1 gior
Biden conferma Kamala Harris: «Insieme anche nel 2024»
Polemiche spente. Il presidente, nel bilancio del suo primo anno, ha speso parole positive per la vicepresidente
KAZAKISTAN
1 gior
Disordini in Kazakistan, i morti sono stati 225
Il bilancio delle violente proteste di inizio gennaio. Oltre mille persone si trovano agli arresti
ITALIA
1 gior
Un cristiano su sette è perseguitato. Nel 2021 uccisi in seimila
La Word Watch List 2022 mette al primo posto l'Afghanistan. Altre sette nazioni ritenute pericolose sono tutte in Africa
STATI UNITI
1 gior
Spaccio di droga tramite Snapchat: il social corre ai ripari
Le ultime modifiche dovrebbero rendere la vita più difficile ai pusher che vogliono contattare gli adolescenti
GERMANIA
1 gior
Zara è quasi a casa, dopo cinque mesi e un giorno atterrerà in Belgio
Domani sarà ufficialmente la donna più giovane al mondo ad aver fatto il giro del globo volando in solitaria
STATI UNITI / PAESI BASSI
1 gior
Anna Frank, i dubbi degli esperti sulla nuova tesi
Le conclusioni «offrono informazioni che meritano approfondimento, ma nessuna base per l'accusa centrale»
REGNO UNITO
1 gior
«Niente più obbligo di mascherine o Covid pass»
A partire da giovedì 27 gennaio in Inghilterra saranno revocate quasi tutte le restrizioni Covid
AUSTRALIA
14.01.2022 - 23:310
Aggiornamento : 15.01.2022 - 00:13

Un giorno australiano di ordinaria follia

Il campione serbo ha un piede e mezzo fuori dal primo Slam stagionale dopo che l'Australia gli ha ancora tolto il visto.

Tensioni tra Canberra e Belgrado. Il premier Morrison: «Gli australiani si sono sacrificati e si aspettano che i risultati ottenuti vengano protetti». Il presidente Vucic: «Vi state sfogando con un'intera nazione fiera e libertaria».

MELBOURNE - Novak Djokovic ha un piede e mezzo (o forse più) fuori dagli Australian Open. Nell'ennesimo colpo di scena, a pochi giorni dall'inizio del torneo, il governo di Canberra quest'oggi ha negato per la seconda volta il visto al numero uno del mondo, che non è vaccinato contro il Covid-19, facendo prevalere gli interessi della salute pubblica. Per il campione serbo, in stato di fermo con la prospettiva di un'espulsione dal Paese, le ultime speranze a questo punto sono affidate al nuovo ricorso presentato a un tribunale federale. In pochi, tuttavia, sembrano scommettere su Nole, con i suoi avvocati «furiosi» per la lentezza con cui il governo australiano avrebbe agito. E con il responso che dovrebbe venire comunicato domani sera attorno alle 23.00 ora svizzera (domenica mattina in Oceania).

Nel tabellone, per ora - Gli Open inizieranno lunedì e Nole risulta ancora nel tabellone, ma il governo australiano non ne vuole proprio sapere di farlo giocare. Il ministro dell'Immigrazione Alex Hawke gli ha sferrato un nuovo colpo revocando il suo visto per la seconda volta (dopo essere stato sconfitto in prima battuta in tribunale, per motivi procedurali).

I sacrifici degli australiani - La decisione del ministro è stata presa «per motivi di salute e di ordine, sulla base del fatto che fosse nell'interesse pubblico», ha spiegato Hawke, che ha esercitato i suoi poteri speciali riguardo all'ingresso nel Paese dei cittadini stranieri, per «proteggere i confini, soprattutto in considerazione della pandemia». Il primo ministro Scott Morrison ha appoggiato la scelta sottolineando che «gli australiani hanno fatto molti sacrifici durante questa pandemia e si aspettano che i risultati ottenuti vengano protetti». Porte chiuse quindi per Djokovic, che rischia l'espulsione e il divieto di tornare in Australia per i prossimi tre anni.

«Annullamento irrazionale» - Intanto il campione serbo è stato sottoposto a un provvedimento di fermo, ma per la sua eventuale espulsione bisognerà attendere la decisione della corte d'appello federale, che si riunirà domenica proprio alla vigilia dell'inizio del torneo. I suoi legali, presentando ricorso, hanno definito l'annullamento del visto «irrazionale». Il governo vuole cacciare Djokovic «perché ritiene che alimenterebbe il sentimento contro i vaccini», e non perché «sia un pericolo per la comunità», ha precisato l'avvocato Nicholas Wood, sottolineando al contrario che il suo assistito non ha mai attivamente promosso le campagne no-vax, ma semplicemente fatto dei commenti critici sui vaccini.

Idolo no-vax - Di fatto, tuttavia, la scelta di Djokovic di non immunizzarsi è stata molto controversa, e in Australia ha creato grande tensione. I no-vax lo hanno eletto a testimonial della loro campagna sui social con l'hashtag #IStandWithDjokovic, mentre al contrario molti cittadini hanno espresso la loro indignazione dopo aver sopportato per quasi due anni una serie di restrizioni contro il virus tra le più dure del mondo. In una fase, tra l'altro, in cui l'epidemia è tornata a correre.

La difesa del presidente serbo - A difendere il campione serbo, in serata, è arrivato il presidente Alexsandar Vucic che ha attaccato il suo omologo australiano. «Se volevate impedire a Djokovic di conquistare per la decima volta il torneo di Melbourne, perché non lo avete mandato indietro subito o non gli avete detto che non poteva ottenere il visto per l'Australia?. Perché lo maltrattate e perché vi sfogate non solo con lui e la sua famiglia ma anche con una intera nazione fiera e libertaria?», domanda retoricamente il leader serbo. «Noi ci batteremo per Novak. Potete scrivere centinaia di migliaia di pessimi articoli su Djokovic, lui resterà il miglior tennista di tutti i tempi, e resterà nei nostri cuori».

«La maggioranza degli sciocchi» - Non mancano però pareri, anche tra le istituzioni, di chi sostiene che il tennista dovrebbe seguire le regole come tutti. Contrastanti i giudizi anche tra i colleghi. Se alcuni ritengono che il serbo sia autorizzato a giocare, altri lo hanno criticato duramente. Come il numero quattro del mondo, il greco Stefanos Tsitsipas, che ha detto: «Quasi tutti agli Open sono vaccinati, mentre altri hanno scelto di seguire la propria strada, il che fa sembrare la maggioranza degli sciocchi». Ha invece difeso il numero uno al mondo (e amico) l'ex tennista tedesco Boris Becker. «Chi non si vaccina, non è per questo automaticamente una persona cattiva». Da parte sua il britannico Andy Murray ha deciso di non infierire sul nove volte vincitore agli Australian Open: «Non prendo a calci il mio avversario mentre è a terra. Ognuno è libero di fare le proprie scelte, ma deve anche essere pronto a pagarne le conseguenze».

In attesa del giudizio - Djokovic nel frattempo attende l'evolversi della situazione in una struttura sconosciuta, lontana dalle attenzioni dei media, in attesa del pronunciamento della corte federale atteso per domenica mattina attorno alle nove (le 23 di sabato sera in Svizzera). I suoi legali puntano a un ordine provvisorio di sospensione del fermo, per motivi di lavoro, che consentirebbe al tennista di giocare agli Open. Secondo diversi esperti di diritto, tuttavia, a meno di vizi di forma, i poteri discrezionali del governo prevarranno. E Djokovic dovrà rimandare l'impresa di diventare il primo tennista della storia a vincere 21 Grandi Slam.

Commenti
 
ATTENZIONE: a causa dell’elevato numero di commenti sui blog e alla difficoltà della redazione di monitorarli, abbiamo attivato un filtro automatico.
La libertà di espressione deve essere garantita da un comportamento civile e rispettoso di ciascun utente.
Chiunque scriverà offese o frasi irrispettose verrà automaticamente bannato con la conseguente cancellazione dell’account.
egi47 5 gior fa su tio
In tutti i tribunali dovrebbero togliere la scritta: "LA LEGGE E' UGUALE PER TUTTI". Oggi devono scrivere: LA LEGGE LA FANNO I PREPOTENTI.
seo56 5 gior fa su tio
I serbi si dovrebbero VERGOGNARE del loro cittadino Novak Djokovic e non di difenderlo!!! L’ignoranza e l’arroganza non pagano mai!! Fö di bäll dall’Australia.
Talos63 5 gior fa su tio
Questo orgoglio nazionalista del governo serbo si che incita all’odio e al razzismo… L’Australia sta solo esercitando il suo potere di paese sovrano A casa propria ognuno ha le sue legge che devono essere rispettate…
seo56 5 gior fa su tio
Australia 1 - Serbia 0 👏🏻👏🏻👏🏻👏🏻👏🏻
Dex 5 gior fa su tio
Hanno sopportato restrizioni e vaccini che non sono serviti a nulla visto la situazione.
Evry 5 gior fa su tio
Molto bene , esseri arroganti simili non hanno posto da nessuna parte e per di più nello Spart, grazie all Australia si è scoperto il tutto
Coerenza 5 gior fa su tio
Vax vax klan
Lux Von Alchemy 5 gior fa su tio
Ma se facesse un test PCR al giorno e fosse negativo, tutta questa bagarre starebbe ancora in piedi? Oggi vado allo zoo ad osservare i canguri.
danva 6 gior fa su tio
Giustamente gli australiani difendono i sacrifici fatti e non vogliono ulteriori limitazioni. Se fosse stato uno qualunque sarebbe già stato buttato fuori da mó…. E basta! Buttatelo fuori e finito il cinema
MrBlack 6 gior fa su tio
Ha ragione il presidente serbo…avrebbero dovuto espellerlo subito con un bel calcio nel sedere come si fa con i bugiardi e chi crede di essere più furbo degli altri e pensa di essere al di sopra delle regole. Ma chi pensano di essere in Serbia? I padroni del mondo? Che se ne stiano a casa loro se le regole degli altri paesi non gli vanno bene.
Potrebbe interessarti anche

YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter

TikTok


Copyright © 1997-2022 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2022-01-21 02:38:17 | 91.208.130.87