keystone-sda.ch / STF (Jae C. Hong)
Una veglia a favore di Halyna Hutchins.
+4
ULTIME NOTIZIE Dal Mondo
GERMANIA
1 ora
Annunciato il lockdown per i non vaccinati
«Il Paese deve unirsi in un atto di solidarietà»: così Angela Merkel e Olaf Scholz in conferenza stampa
GERMANIA
1 ora
Crolla una parete di una palazzina dopo un'esplosione
Due i feriti: l'inquilino avrebbe riportato gravi ustioni. Sul posto decine di agenti e pompieri
LE FOTO
STATI UNITI
2 ore
Rockefeller Center, illuminato il maxi albero di Natale
L'enorme abete è alto oltre 20 metri e pesa più di 12 tonnellate
SPAGNA
5 ore
A soli due mesi di età, arriva morto alle Canarie
Un'altra piccola vittima della rotta migratoria: in cinque gommoni erano in 283
REGNO UNITO
5 ore
Un richiamo annuale, «per molti anni a venire»
Senza i vaccini la «struttura fondamentale della nostra società sarebbe minacciata», ha affermato Albert Bourla
AUSTRIA
6 ore
«Non sono né un santo né un criminale»
Una decisione presa dopo la nascita del figlio, nei giorni scorsi
VIDEO
STATI UNITI
7 ore
Alec Baldwin dice di «non aver premuto il grilletto»
Prima intervista in tv per l'attore dopo la tragedia di "Rust". Come è finito il proiettile sul set? «Non ne ho idea»
MONDO
8 ore
«Aiutate i paesi poveri, o sarà un continuo di nuove varianti»
L'avvertimento è arrivato dalla capo economista dell'OCSE, Laurence Boone
MONDO
10 ore
Chi arriva dall'estero ripudia vivere a Roma
Chi se ne va dal proprio Paese si trova alla grande a Kuala Lumpur, Malaga e a Dubai, malissimo invece a Roma
STATI UNITI
19 ore
Omicron sbarca negli Usa
Un primo caso registrato in California mette in allarme le autorità sanitarie. E anche la Borsa
STATI UNITI
21 ore
Astroworld: metà delle famiglie delle vittime rifiuta l'offerta di Travis Scott
Il rapper si era offerto di pagare le spese per i funerali dei giovani che hanno perso la vita durante il suo concerto
Francia
22 ore
Parla un sopravvissuto: «Abbiamo aspettato i soccorsi per dieci ore»
Mohamed Isa Omar ha ripercorso il tragico evento dello scorso mercoledì in cui hanno perso la vita 27 persone
STATI UNITI
1 gior
Donald Trump positivo al Covid già prima del dibattito con Joe Biden?
È la tesi dell'ex-capo del personale della Casa Bianca che ne parla nel suo libro, per il magnate però sono «fake news»
GERMANIA
1 gior
29enne dell'ISIS condannato all'ergastolo per «genocidio»
Una sentenza storica, la prima che riconosce il genocidio dello Stato islamico contro il popolo Yazida
UNIONE EUROPEA
1 gior
«È tempo di discutere sull'obbligo vaccinale»
La variante Omicron costringe a compiere «una corsa contro il tempo», ha dichiarato Ursula von der Leyen
FOTO
GERMANIA
1 gior
Un ordigno bellico è esploso a Monaco
Il bilancio è di quattro feriti, uno dei quali sarebbe in gravi condizioni. Il traffico ferroviario è stato bloccato
STATI UNITI
24.10.2021 - 10:190
Aggiornamento : 15:02

Incidenti con le armi, lamentele e scioperi sul set, prima della tragedia

Alec Baldwin non avrebbe dovuto avere sotto tiro qualcuno, secondo l'esperto di armi sui set Bryant Carpenter

Sul set poi, secondo le indagini gli inquirenti, c'erano già stati altri tre incidenti con le armi, prima di quello fatale

NEW YORK - «Cold gun!», ovvero pistola scarica. L'urlo sul set aveva dato il via libera alle riprese di Rust. La troupe era schierata, con la direttrice della fotografia Halyna Hutchins e il regista Joel Souza vicini a guardare le scene su uno schermo. Come previsto dal copione, Alec Baldwin doveva uscire dalla chiesa ed estrarre l'arma dalla fondina. L'attore lo ha fatto una prima volta senza problemi. La seconda, però, qualcosa è andato tragicamente storto e dalla pistola è partito un colpo, uno solo, che ha centrato Hutchins al petto prima e Souza alla clavicola poi. La tragedia si è consumata così.

Le informazioni preliminari raccolte dalla polizia di Santa Fe, in New Mexico, che scagionerebbero quindi Baldwin, inconsapevole che la pistola fosse carica, anche se resta da chiarire se l'abbia maneggiata in sicurezza o meno. Sulla base dai dati a disposizione, l'esperto di armi sui set Bryant Carpenter ipotizza che l'attore abbia violato la regola numero uno, ovvero non puntare mai un'arma di scena, carica o scarica, contro un altro essere umano. Ignaro del proiettile anche l'assistente alla regia David Halls, che aveva consegnato l'arma all'attore dopo averla prelevata da un carrello grigio posizionato vicino a dove Baldwin doveva girare la scena.

Una ventiquattrenne al primo incarico
Le pistole erano state preparate dalla responsabile della sicurezza armi sul set, la ventiquattrenne figlia d'arte Hannah Gutierrez Reed. La ragazza era al suo primo incarico e nelle scorse settimane non aveva nascosto, in un podcast, i dubbi sulle sue capacità nello svolgere il lavoro di armiere. Aveva raccontato delle sue paure e dei consigli ricevuti dal padre, Thell Reed, famoso armiere di Hollywood che ha lavorato in grandi produzioni come 'Django Unchained' e 'Once Upon a Time in Hollywood' di Quentin Tarantino. E proprio su Halls e Gutierrez Reed che al momento si concentrerebbe l'inchiesta in corso, visto che sono stati loro a toccare per ultimi le armi prima dell'incidente fatale.

Hollywood intanto piange il suo astro nascente Hutchins, ricordata con un messaggio d'amore sui social dal marito Matthew: «Ci ha ispirato con la sua passione e la sua visione - ha scritto -. La nostra perdita è enorme». Si dice «distrutto» anche Souza che, rompendo il silenzio dopo il suo ferimento, loda Halyna Hutchin, «un'amica e una collega che mi ha sempre spinto a fare meglio».

«Tre incidenti di questo tipo»
I detective continuano poi gli interrogatori ai testimoni: al momento nessuno è stato incriminato. Le autorità hanno sequestrato tutte le armi sul set ma anche gli abiti di scena di Baldwin, così come i filmati e i video, anche quelli ripresi con i cellulari. L'obiettivo è capire se qualcuno, anche inavvertitamente, possa aver ripreso l'incidente da diverse angolazioni, chiarandone così meglio la dinamica. Emergono intanto dettagli sulla condizioni di lavoro al Bonanza Creek Ranch. Secondo alcune indiscrezioni, poche ore prima del dramma un gruppo di operatori e tecnici aderenti al sindacato di settore aveva lasciato il set per protestare contro le giornate di lavoro troppo lunghe e i salari troppo bassi. Ma anche per gli eccessivi spostamenti: alla troupe erano state promesse camere d'albergo a Santa Fe, poi però erano stati prenotati alloggi ad Albuquerque, a 80 chilometri di distanza.

Le lamentele riguardavano anche la scarsa sicurezza sul set, della quale si sarebbe lagnata anche Hutchins. Nei giorni precedenti all'incidente infatti la controfigura di Alec Baldwin aveva sparato accidentalmente due colpi dopo che gli era stato detto che la pistola non aveva alcuna munizione, neanche a salve. In tutto ci sono stati tre incidenti legati alle pistole di scena prima della tragedia di Hutchins: «Abbiamo avuto tre casi. Questo non è assolutamente sicuro», si era lamentato un operatore con il manager di produzione. Al posto della troupe aderente all'International Alliance of Theatrical Stage Employees erano stati impiegati lavoratori non aderenti al sindacato pur di continuare le riprese, giunte ormai al dodicesimo giorno dei 21 previsti.

Secondo gli esperti del settore, è chiaro che i protocolli non sono stati rispettati, neanche la distanza minima di sicurezza di oltre sei metri. «La sicurezza è la nostra priorità. E anche se non siamo a conoscenza di nessuna denuncia sulla sicurezza sul set, condurremmo un'indagine interna sulle nostre procedure», ha fatto sapere da parte sua Rust Movie Productions, la casa di produzione del film.

Alec Baldwin rischia conseguenze
Secondo alcuni esperti legali citati dai media americani, è improbabile che Baldwin venga accusato di omicidio colposo in quanto non sapeva che la pistola era carica. L'unica possibilità che venga incriminato penalmente è se sarà accertato che ha maneggiato l'arma in modo pericoloso, cosa che finora non è emersa.

Come uno dei produttori del film Rust, però, rischia, almeno dal punto di vista civile, una serie di azioni legali se verrà accertata una negligenza nella sicurezza.

Anche se l'attore è il produttore principale, le indagini potrebbero rivelare che altri produttori abbiano ridotto la soglia di sicurezza e quindi essere responsabili. A questo si aggiunge il fatto che bisognerà accertare chi ha autorizzato la sostituzione della troupe aderente al sindacato di settore che ha lasciato il set con altri operatori che non sembrano aver rispettato i protocolli di sicurezza. Qualsiasi sarà lo scenario, per Baldwin si tratterà di un incubo legale.

keystone-sda.ch (Andres Leighton)
Guarda tutte le 8 immagini
Commenti
 
ATTENZIONE: a causa dell’elevato numero di commenti sui blog e alla difficoltà della redazione di monitorarli, abbiamo attivato un filtro automatico.
La libertà di espressione deve essere garantita da un comportamento civile e rispettoso di ciascun utente.
Chiunque scriverà offese o frasi irrispettose verrà automaticamente bannato con la conseguente cancellazione dell’account.
Busca 1 mese fa su tio
Tipico americano: pistoleri senza testa. Ma cosa ci faceva la munizione vera sul set?
Tato50 1 mese fa su tio
Munizioni "vere" su un "set" non dovrebbe nemmeno esserci l'ombra. Durante le riprese di un film dire che un'arma non dovrebbe mai essere puntata contro persone, vada per il regista e altre persone che fanno parte della produzione, ma tra attori mi sembra un fatto normale a meno che non si trovino altre alternative.
Candlejumbo 1 mese fa su tio
Non capisco perché si mettono proiettili veri nelle pistole sul set!
Potrebbe interessarti anche

YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter

TikTok


Copyright © 1997-2021 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2021-12-02 16:40:10 | 91.208.130.86